Martedì 15 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

C'è un unico modo per uscire dalle secche

Alfonso Pascale

Una decina d'anni fa, con discrezione ma insieme con disarmante confidenza Jurgen Habermas chiese a Gian Enrico Rusconi perché in Italia, nonostante il grande successo pubblicistico ed editoriale dei suoi libri, il suo pensiero non fosse entrato in profondità nel mondo intellettuale e filosofico accademico, come altrove nel mondo.

Insomma, il filosofo tedesco notava che in Italia tutti lo citavano, tutti scrivevano dotti saggi sui contenuti dei suoi libri, ma raramente si verificava una vera interazione, come si registrava invece in altri paesi. E Rusconi rispose che lo studioso italiano è tradizionalmente insensibile o diffidente verso il paradigma forte di razionalità - quello che da Kant e/o Weber arriva appunto fino ad Habermas.

È insensibile o diffidente verso il concetto di razionalità/razionalizzazione come insieme di processi di controllo ("il sistema") e di razionalità come processo di comunicazione e ragione pubblica (che attinge alla "Lebenswelt").

Molti sono transitati dall'italo-marxismo al postmodernismo senza mai fare i conti davvero con il "moderno forte". Anche i concetti di "post-metafisico" e "post-secolare" sono rimasti formule prese in prestito piuttosto che spunti di riflessione filosofica. Ma - aggiungo io - quello che maggiormente sorprende è che in Italia è del tutto sconosciuta la riflessione habermasiana sviluppatasi dal 1991 in poi sulla democrazia sovranazionale, partendo dall'Unione europea. Egli parte da una concezione federalista, per poi abbandonarla, e perviene strada facendo ad un costituzionalismo europeo molto pragmatico, specie dopo l'incapacità degli Stati di ratificare la Costituzione europea.

Ma gli elementi che Habermas pone per rivedere il Trattato e dotare l'Unione di una vera governance democratica costituiscono la proposta più avanzata che oggi ci sia sul tappeto. Ma non c'è ancora un leader politico che abbia fatta propria l'impostazione del filosofo tedesco. Troppo razionale? Ma è l'unico modo per uscire dalle secche in cui ci troviamo coi populismi e i nazionalismi imperanti.

Alfonso Pascale - 06-08-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

Forte dei suoi ventisette anni di esperienza nel settore F&B e conserviero, si prepara a entrare nel mondo dell’olio con l’obiettivo di presidiare la qualità dei brand storici italiani del gruppo, tra cui Carapelli, Bertolli, Sasso e Friol, e di proseguire con lo sviluppo di prodotti premium e il percorso di valorizzazione della categoria

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo