21 Ottobre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Cambiare, cambiare, cambiare sempre

Alfonso Pascale

Il "graffio" (una rubrica brevissima, di poche battute) pubblicato sulle pagine della “Domenica”, inserto culturale allegato al quotidiano economico Il Sole 24 Ore, nel numero di domenica 21 agosto, colpisce in modo fulminante il filosofo Massimo Cacciari:

"Può darsi che il valore dell'umiltà - una viscerale avversione per l'arroganza - sia il prodotto specifico della tradizione italiana, da Dante a Manzoni. Ma è singolare che una cosa del genere ce la ricordi proprio Cacciari. La sua esibizione plateale di insofferenza per la (presunta) pochezza dell'interlocutore - nei dibattiti televisivi - non evoca uno stile umile. Forse però l'Italian Thought, in cui viene arruolato, è solo un'invenzione di marketing, una etichetta da esportazione priva di rapporti con la nostra tradizione. Un po' come la 'Dieta Mediterranea', alla quale non corrisponde nessuna cucina locale nel Mediterraneo".

Ebbene, cosa aggiungere? Lo stile umile dell'italiano era già messo in risalto da Virgilio, ma con un significato molto più profondo del semplice contrario di "arrogante".
Nell'Eneide, l'eroe troiano che giunge dopo tante peripezie nelle acque calme del mar Tirreno esclama, sollevato: Humilemque videmus Italiam. Molti traducono letteralmente: "Vediamo l'umile Italia". Ma l'aggettivo "umile" non ha nulla a che fare con l'atteggiamento disponibile, se non servile.

L'umiltà dell'Italia è un richiamo alla "terra", all'humus, a quello splendido avverbio "humi", che sta a indicare l'atteggiamento di chi poggi a terra l'orecchio quasi a cogliere il pulsare profondo del sottosuolo dove oscuramente germina la vita.

La tradizione "umile" dell'Italia è la bellezza del suo territorio, la capacità che i nostri antenati hanno avuto di trasformarlo continuamente senza distruggerlo, perché ne sapevano ascoltare le pulsioni.

Anche lo stile mediterraneo non ha nulla a che vedere con la "Dieta Mediterranea". La mediterraneità non può essere associata a nessuna dieta e a nessuno stile di vita, intesi in senso statico.

La mediterraneità è la grande capacità dei popoli che circondavano il "Mare nostrum" di contaminarsi continuamente con il diverso da sé e di cambiare continuamente. Cambiare, cambiare, cambiare sempre, guardando al futuro e mai indietro. Cambiare con umiltà, cioè sapendo ascoltare le pulsioni più profonde che arrivano dal sottosuolo e dal nostro retroterra culturale, per rispettarne i valori di fondo.

Alfonso Pascale - 23-08-2016 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
A difesa del panel test. Si punta su ricerca e innovazione

A difesa del panel test. Si punta su ricerca e innovazione

In occasione del cinquantesimo Congresso della Società italiana per lo studio delle Sostanze Grasse a Bari, Assitol, l’associazione degli industriali ribadisce la propria fiducia e impegno a favore dei nuovi sistemi di analisi, allo scopo di rafforzare l’analisi sensoriale e garantire in tal modo il consumatore

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

L’olio secondo Vittorio Sgarbi

Nostra intervista al celebre critico d’arte e opinionista su una materia prima, l'olio extra vergine di oliva, tra le più significative e determinanti per una sana e corretta alimentazione. La produzione dell'olio è una operazione dell'uomo. Si tratta, in quanto tale di una operazione diretta della natura, ed essendo l'olio un elemento primario, è prova che Dio è uno solo

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Anche se vi sono in commercio altre pubblicazioni analoghe in cui si segnalano i migliori extra vergini, nessuna finora ha raggiunto i medesimi livelli di qualità e stile. Primo valore con cui si contraddistingue: la trasparenza. Non meno importante è anche la grafica con cui è stata confezionata. Non poteva essere diversamente, con una guida che propone non una quantità smodata di oli, ma solo i migliori cento > Luigi Caricato