Lunedì 20 Febbraio 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Chi stabilisce chi mangia e chi guarda?

Alberto Guidorzi

Qualcuno avrà sicuramente sentito parlare di “agricoltura sinergica”. E' un'agricoltura che si rifà alle idee di Masanobu Fukuoka, che voleva che si praticasse "un'agricoltura naturale". Solo che non esiste un'agricoltura naturale perchè il fare agricoltura significa "modificare" il contesto in cui crescono le piante che ci danno cibo. Questa forma di agricoltura è praticata dall'uomo da quando ha smesso di essere coglitore-cacciatore, come cioè vorrebbe che diventassimo ora tutti noi, solo che siamo già 7 miliardi.

Basta riflettere che la prima forma di agricoltura è stata quella del "taglia e brucia": un appezzamento si disboscava e si bruciavano le ramaglie e poi lo si coltivava, solo che la fertilità era così scarsa che su quel terreno al massimo si poteva coltivare per uno o due anni, poi occorreva disboscare un altro appezzamento e abbandonare alla vegetazione spontanea il primo. Ora se si voleva campare in un contesto di questo genere e con i mezzi di allora si poteva ritornare sul primo terreno solo dopo 50 anni se si voleva che la vegetazione spontanea rifacesse la fertilità utile al ritorno della coltivazione. Infatti al crescere della popolazione il "taglia e brucia" non ha retto, eppure era la forma che più si avvicina alle idee di Fukuoka.
Infatti ora si parla di orticoltura sinergica e non di agricoltura sinergica in quanto vi sarebbero tanti che guarderebbero gli altri mangiare. Chi stabilisce chi mangia e chi guarda?

Fukuoka poi era figlio di un proprietario terriero e si ritirò nella sua azienda dove la superficie disponibile compensò la scarsissima produzione di cibo...certo lui riusciva a mangiare, mentre gli altri che non erano figli di proprietari terrieri come sarebbero campati. Concludo riportando quello che disse il premio Nobel Bourlaug a chi gli contestava aver permesso l'agricoltura produttivistica. Egli ebbe a dire: "alcuni attivisti ambientali delle nazioni occidentali sono il sale della terra, ma molti sono elitari. Non hanno mai sperimentato la sensazione fisica della fame. Portano avanti le loro battaglie dai loro uffici confortevoli di Washington o Bruxelles. Se avessero vissuto un mese in mezzo alla miseria del mondo in via di sviluppo, come ho fatto io per 50 anni, starebbero piangendo per i trattori, i fertilizzanti, i canali di irrigazione e sarebbero indignati dal fatto che alcuni elitari alla moda se ne stavano a casa, cercando di negare loro queste cose".

Vorrei chiedere a Fukuoka, se fosse ancora in vita, e ai suoi seguaci moderni che trovano le sinergie dove non ci sono, laddove si pratica un'agricoltura primitiva non si ara, non si sarchia, non si concima come esige il fare agricoltura od orticoltura sinergica?

Alberto Guidorzi - 23-02-2016 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Alberto Guidorzi

Agronomo, ha studiato Scienze agrarie presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, e vive attualmente a Sermide, nel Mantovano. Scrive sui magazine "Agrarian Sciences", "Salmone" e "La Valle del Siele"

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
I tanti volti degli oli La Selvotta

I tanti volti degli oli La Selvotta

Tutto prende corpo dagli olivi delle varietà Peranzana, Nebbio, I-77 e Gentile di Chieti. La famiglia Sputore a Vasto produce extra vergini di grande qualità, il blend Electum e la serie di monovarietali > Lorenzo Cerretani

RICETTE OLIOCENTRICHE
Topinambour trifolati con cipolla egiziana ligure e rosmarino

Topinambour trifolati con cipolla egiziana ligure e rosmarino

Non conoscete questo tubero? Cercate allora di correre ai ripari e provatelo. Ha un sapore simile a quello dei carciofi > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Arancine per una buona causa

Arancine per una buona causa

La buona Sicilia. Una concreta iniziativa di solidarietà per aiutare il Molino Soprano, devastato da un incendio, a rialzarsi. Il 17 febbraio una cena che coinvolge otto uomini di cucina: Vincenzo Candiano, Peppe Cannistrà, Pino Cuttaia, Carmelo Floridia, Sandro Pace, Claudio Ruta, Ciccio Sultano e Giovanni Santoro > Nicola Dal Falco

GIRO WEB
I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

Ha riscontrato un grande successo la webserie di cui è testimonial, in veste di mamma, moglie e imprenditrice, la stessa titolare della nota azienda olearia umbra. Se vogliamo collocarla sulla quantità di visualizzazioni, ne ha ottenute oltre 100 mila, ma anche sul fronte dell’efficacia qualitativa spicca per originalità e inventiva > Maria Carla Squeo

OO VIDEO

In grazia di Dio, la vita al tempo della crisi

Un momento dell'incontro con il regista Edoardo Winspeare, nell'ambito di Olio Officina Festival 2014, dove aveva presentato il suo ultimo film, con il quale ha partecipato, per l'Italia, al festival di Berlino. In questa pellicola, il regista racconta di una famiglia costretta dalla crisi a chiudere l'azienda e a trasferirsi in campagna. Nonostante le difficoltà e le asprezze della vita nei campi, i protagonisti ritrovano le serenità e il senso della vita comunitaria (Prima parte)

BIBLIOTECA OLEARIA
Extravergine. La buona vita

Extravergine. La buona vita

Sarà presentato il primo dicembre, per le edizioni bolognesi Codicermes, un libro a più mani a cura di Daniela Utili, in cui il legame tra olio ricavato dalle olive e salute viene messo in grande evidenza. Le campagne di informazione e sensibilizzazione hanno solo in parte contribuito a indirizzare le scelte del consumatore verso extra vergini che mantengano integre le componenti bioattive presenti nel frutto e nell’olio. Ci vuole più informazione