Martedì 28 Giugno 2016 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Chi stabilisce chi mangia e chi guarda?

Alberto Guidorzi

Qualcuno avrà sicuramente sentito parlare di “agricoltura sinergica”. E' un'agricoltura che si rifà alle idee di Masanobu Fukuoka, che voleva che si praticasse "un'agricoltura naturale". Solo che non esiste un'agricoltura naturale perchè il fare agricoltura significa "modificare" il contesto in cui crescono le piante che ci danno cibo. Questa forma di agricoltura è praticata dall'uomo da quando ha smesso di essere coglitore-cacciatore, come cioè vorrebbe che diventassimo ora tutti noi, solo che siamo già 7 miliardi.

Basta riflettere che la prima forma di agricoltura è stata quella del "taglia e brucia": un appezzamento si disboscava e si bruciavano le ramaglie e poi lo si coltivava, solo che la fertilità era così scarsa che su quel terreno al massimo si poteva coltivare per uno o due anni, poi occorreva disboscare un altro appezzamento e abbandonare alla vegetazione spontanea il primo. Ora se si voleva campare in un contesto di questo genere e con i mezzi di allora si poteva ritornare sul primo terreno solo dopo 50 anni se si voleva che la vegetazione spontanea rifacesse la fertilità utile al ritorno della coltivazione. Infatti al crescere della popolazione il "taglia e brucia" non ha retto, eppure era la forma che più si avvicina alle idee di Fukuoka.
Infatti ora si parla di orticoltura sinergica e non di agricoltura sinergica in quanto vi sarebbero tanti che guarderebbero gli altri mangiare. Chi stabilisce chi mangia e chi guarda?

Fukuoka poi era figlio di un proprietario terriero e si ritirò nella sua azienda dove la superficie disponibile compensò la scarsissima produzione di cibo...certo lui riusciva a mangiare, mentre gli altri che non erano figli di proprietari terrieri come sarebbero campati. Concludo riportando quello che disse il premio Nobel Bourlaug a chi gli contestava aver permesso l'agricoltura produttivistica. Egli ebbe a dire: "alcuni attivisti ambientali delle nazioni occidentali sono il sale della terra, ma molti sono elitari. Non hanno mai sperimentato la sensazione fisica della fame. Portano avanti le loro battaglie dai loro uffici confortevoli di Washington o Bruxelles. Se avessero vissuto un mese in mezzo alla miseria del mondo in via di sviluppo, come ho fatto io per 50 anni, starebbero piangendo per i trattori, i fertilizzanti, i canali di irrigazione e sarebbero indignati dal fatto che alcuni elitari alla moda se ne stavano a casa, cercando di negare loro queste cose".

Vorrei chiedere a Fukuoka, se fosse ancora in vita, e ai suoi seguaci moderni che trovano le sinergie dove non ci sono, laddove si pratica un'agricoltura primitiva non si ara, non si sarchia, non si concima come esige il fare agricoltura od orticoltura sinergica?

Alberto Guidorzi - 23-02-2016 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Alberto Guidorzi

Agronomo, ha studiato Scienze agrarie presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, e vive attualmente a Sermide, nel Mantovano. Scrive sui magazine "Agrarian Sciences", "Salmone" e "La Valle del Siele"

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Antico Borgo, i profumi e i sapori della triade Frantoio, Moraiolo, Leccino

Antico Borgo, i profumi e i sapori della triade Frantoio, Moraiolo, Leccino

E’ un Igp Toscano, quello a marchio Terre dell’Etruria, prodotto da una cooperativa dalle grandi risorse, che ha saputo puntare molto sul valore vivo e propulsivo dei propri soci, guidandoli con una regia esperta. Colpisce, oltre alla bontà dell’extra vergine, il buon rapporto qualità/prezzo/rendimento > Luigi Caricato

RICETTE OLIOCENTRICHE
Azzurro mare Omega tre

Azzurro mare Omega tre

Alice, sgombro e sarda. Un nuovo piatto dedicato alle donne. Una ricetta che fa, garbatamente, il verso al grande cruccio femminile, alle raccomandazioni per stare in forma: «Non te lo spalmi certo in faccia, però rappresenta il giusto apporto di Omega 3, cercato in quel pesce azzurro, emarginato dal vezzo di preferire aragoste, spigole e gamberoni» > Ciccio Sultano

EXTRA MOENIA
Nasce LaboratOlio

Nasce LaboratOlio

Al Museo dell’Olivo di Imperia c’è un nuovo percorso didattico interattivo, che è possibile visitare. Parte intanto la seconda edizione di “Aperitivo al Museo”, con le serate in musica con sapori e storie mediterranee

GIRO WEB
La voce di chi crede nell’olivicoltura

La voce di chi crede nell’olivicoltura

“Benvenuti su InfoXylella”, è in questo modo che alcuni imprenditori e studiosi si aprono al mondo dei social per ritagliarsi un proprio spazio, difendendosi da chi ne ha usurpato per mesi ruolo e centralità, fingendosi amanti dell’olivo ma senza minimamente preoccuparsi delle sorti dell’olivicoltura. Per ora è una pagina facebook, a breve anche un sito internet di pura e corretta informazione

OO VIDEO
loading...

Nessuna paura dell'olio di palma e delle carni rosse

Da alcuni anni è stata avanzata una campagna diffamatoria nei confronti dell'olio di palma, ma nel ultimo periodo si è scatenata una corsa al disprezzo e al vero e proprio dileggio: è un grave errore perché l'olio di palma è un grasso nutrizionalmente nobile. Perché c'è tanta confusione intorno alla sfera alimentare? Solo una corretta informazione può aiutare a comprendere il senso e il valore degli alimenti, senza preclusioni. Il vero problema è il rispetto della quantità. Gli interventi dei professori Giovanni Lercker e Massimo Cocchi a Olio Officina Festival 2016

BIBLIOTECA OLEARIA
L'Oro d'Italia in tasca, edizione 2016

L'Oro d'Italia in tasca, edizione 2016

Ci sono in giro molte “guide” ma questa ha uno spirito diverso. Era attesa da tempo, e ora è disponibile per tutti gli appasionati la guida degli oli di Olea, che si preenta all’appello forte della sua autorevolezza. E’ la diretta espressione del concorso nazionale omonimo ideato e organizzato dalla nota e prestigiosa scuola d’assaggio. Ha anche un particolare non trascurabile: essendo un servizio a favore dei consumatori e dei professionisti del commercio, ha un prezzo di copertina alquanto accessibile