26 Gennaio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Come si possono distinguere gli esperti?

Enrico Bucci

Uno dei problemi più importanti che ci troviamo ad affrontare nella società contemporanea è l'incapacità diffusa di distinguere chi è realmente padrone di una materia da chi non lo è.

Il tipo di scuola e la sua qualità ci rendono impreparati allo scopo; inoltre, la diffusa (e non sempre ingiustificata) sfiducia nella certificazione sociale degli esperti, costituita da diplomi, lauree, dottorati, affiliazioni universitarie, unita alla falsa impressione di potersi formare rapidamente una vasta e approfondita preparazione grazie ad Internet e al bias di conferma, ci portano a rinunciare, quando non osteggiare, gli esperti.

Queste condizioni sono sfruttate da decenni da lobby interessate, da governi e da singoli truffatori per diffondere la sfiducia nella scienza e negli esperti, a vantaggio di pochi e danneggiando tantissimi; danneggiati i quali si sentono oltretutto orgogliosi di aver "scoperto la verità".

In realtà, di esperti c'è un bisogno sempre maggiore, e la nostra sfiducia in essi sta facendo danni enormi alla nostra democrazia, alla nostra salute ed al nostro modo di vita.

Ma come riconoscere gli esperti dai dilettanti informati e dai franchi cialtroni? In parte, studiando il metodo di formazione del consenso fra di essi. Ce lo ricorda un interessante libro, Discerning Experts, centrato in particolare sulla discussione delle policies climatiche, scritto da un gruppo di autori davvero in gamba, come potrete scoprire leggendo Michael Oppenheimer, Naomi Oreskes, Dale Jamieson, Keynyn Brysse, Jessica O’Reilly, Matthew Shindell, e Milena Wazeck.

Enrico Bucci - 10-12-2019 - Tutti i diritti riservati

Enrico Bucci

Laurea in Scienze Biologiche presso l’Università “Federico II” di Napoli, è Adjunct Professor presso la Temple University di Philadelphia (dove conduce attività di ricerca sulla biologia dei sistemi del cancro) e ha fondato una piccola azienda dedicata all’analisi dei dati scientifici, con particolare riguardo alla loro integrità (Resis Srl). È autore di circa 80 pubblicazioni peer-reviewed e di un libro divulgativo dedicato alla frode scientifica pubblicato nel 2015 ("Cattivi Scienziati", ADD editore, Torino).

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Sagrantino Docg 2016, esame positivo della commissione esterna

Sagrantino Docg 2016, esame positivo della commissione esterna

A Montefalco si prepara l’”Anteprima Sagrantino” con le varie degustazioni tecniche. A febbraio l’evento organizzato dal Consorzio Vini > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo