Martedì 26 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Copertura insufficiente, l'assegno che torna indietro

Alfonso Pascale

L’articolo 3 della Costituzione italiana riconosce a tutti i cittadini “pari dignità sociale”. E impegna la Repubblica a rimuovere gli ostacoli che si frappongono al suo raggiungimento. Ma come mai tale principio, così solennemente conclamato dalla Carta fondamentale, appare ancora oggi sostanzialmente inapplicato?

La ragione va ricercata nell’idea stessa di dignità che si presta ad essere fraintesa. La parola deriva, infatti, dal latino “dignus” che significa “meritevole”. Ma il suo corrispondente greco “axioma” (assioma) evoca un suo riconoscimento immediato, evidente, senza la necessità di provarne il merito. La dignità di una persona è, dunque, un’idea che le diverse società hanno sempre correlato e continuano a correlare a condizioni di vita ritenute meritevoli di rispetto e stima, in base a parametri accettati come evidenti o assiomatici dalla collettività.

Ci sono condizioni di vita che consentono alle persone un’esistenza all’altezza della dignità umana, altre no. In quest’ultima circostanza, le persone conservano la dignità, ma come una promessa destinata a non realizzarsi mai. Come disse Martin Luther King, relativamente alle promesse racchiuse negli ideali nazionali: la dignità può essere come “un assegno che torna indietro con il timbro ‘copertura insufficiente’”.

Le condizioni di vita di una persona sono, tuttavia, strettamente connesse alla sua capacità di base che esige di essere sviluppata. E solo agendo su quella capacità e promuovendo lo sviluppo della persona che la dignità umana diventa uguale per tutti.

Il teologo Timothy Radkliffe ha scritto che “tutte le società rendono visibili certe persone e ne fanno scomparire altre. Nella nostra società sono ben visibili i politici e le star del cinema, i cantanti e i calciatori, che si presentano continuamente in pubblico, sui cartelli pubblicitari e sugli schermi televisivi. Ma rendiamo invisibili i poveri. Essi non compaiono nelle liste elettorali. Non hanno volto né voce”. Pertanto, il parametro di dignità viene oggi definito da ciò che è più appariscente, dalle furbizie e dagli inganni della post-verità. Si considera degno di stima chi accumula onori e credibilità senza avere coscienza di meritarli, chi approfitta dei beni comuni sottraendoli alla popolazione, chi conserva rendite di posizione e privilegi e dilapida ricchezze e risorse sottraendole alle nuove generazioni. E si ritiene del tutto giustificato che i giovani e gli esclusi siano calpestati.

C’è, dunque, una responsabilità della politica nel dare valore alla dignità, nel definirne i parametri. Non astrattamente, con le prediche e i discorsi morali. Ma con politiche concrete che agiscano sulle capacità di base delle persone e ne promuovano il loro sviluppo, che favoriscano i beni relazionali e creino legami comunitari. Solo così, come ammoniva il filosofo americano Ralph Waldo Emerson, non lasciamo i giovani e gli esclusi a difendere la propria dignità, ma facciamo in modo che sia la dignità a difendere loro.

Alfonso Pascale - 11-07-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le olive da tavola a marchio Carapelli

Le olive da tavola a marchio Carapelli

Novità di prodotto. E ora non soltanto l’olio, anche il frutto dell’oliva destinato al consumo tal quale. In diverse soluzioni e varianti. In vaso in vetro, con tre varietà: Leccino, Peranzana e Taggiasca; e in busta stand up per uno snack comodo da provare in ogni occasione, anche fuori casa

 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria