Sabato 18 Agosto 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Era una bugia

Alfonso Pascale

Da oggi in Europa le quote latte non ci sono più. Dopo 31 anni si chiude finalmente una vicenda molto controversa per le nostre campagne dall’esito disastroso: sono decine di migliaia le stalle chiuse e diversi miliardi di euro le multe pagate e da pagare.
Si tratta di uno strumento di politica agricola comunitaria che ha imposto agli allevatori europei un prelievo finanziario per ogni chilogrammo di latte prodotto oltre un limite stabilito, chiamato appunto “quota”.

Fu introdotto con un regolamento comunitario del 31 marzo 1984.
La quota per l’Italia fu definita prendendo a riferimento la produzione di latte realizzata nel 1983. Fu il governo a indicarla, fornendo però alla Commissione europea un dato sbagliato per difetto. Quando fu chiaro che era stato commesso un errore madornale, il ministro dell'agricoltura dell’epoca, Filippo Maria Pandolfi, assicurò che le multe non sarebbero mai state applicate all'Italia, un Paese il cui fabbisogno superava di gran lunga la produzione. Arrivò persino a dire che c'era un "accordo tacito" per escludere il nostro Paese dall'applicazione di eventuali sanzioni dissuasive. Era una bugia. Ed era questo il modo con cui la classe dirigente riteneva di far parte delle istituzioni europee. Negli anni successivi il conto arrivò e fu molto salato.

Tra le organizzazioni agricole si distinse solo la Confcoltivatori (in seguito CIA) nel sostenere fin dall’inizio una limpida posizione di netta contrarietà al sistema delle quote latte. L’8 novembre dell’anno precedente avevamo organizzato una “marcialonga” a Bruxelles a cui parteciparono 20 mila agricoltori per scongiurare il varo di tale misura. Eravamo convinti che il sistema delle quote avrebbe portato al dirigismo amministrativo più folle e autoritario da infiacchire lo spirito imprenditoriale dei nostri allevatori. E nello stesso tempo, applicandosi indifferentemente a paesi eccedentari e a paesi deficitari (come il nostro), avrebbe cristallizzato gli squilibri tra le diverse aree territoriali e rinnegato così uno dei principi basilari del Trattato di Roma.

Lo strumento delle quote si è rivelato del tutto inadeguato a ridurre le eccedenze produttive nei Paesi nord-europei. Non a caso è stato mantenuto per oltre tre decenni. Ed è stato deleterio per un Paese come l’Italia, caratterizzato da un insufficiente livello di autoapprovvigionamento di prodotti della zootecnia bovina e lattiero-casearia.
Negli anni successivi continuammo ad insistere per abbattere le eccedenze produttive non già con le quote ma attraverso la modulazione dei prezzi indicativi, di intervento e il superamento della «garanzia» illimitata. Ritenevamo che gli squilibri strutturali andavano rimossi sostenendo la qualità delle produzioni e dei processi, irrobustendo le politiche territoriali di sviluppo e rafforzando i programmi di ricerca, sperimentazione e innovazione tecnologica.

Contro le quote latte facemmo tante iniziative. Il Presidente della CIA, Giuseppe Avolio, si spese molto su questo tema.

Alfonso Pascale - 31-03-2015 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Piero Augusto Nasuelli

06:00 | 01 aprile 2015

Carissimo Pascale, la vicenda delle quote latte è l'esempio eclatante dell'incapacità del "sistema" Italia a gestire situazioni complesse.
Come hai ben evidenziato l'Italia di allora NON doveva accettare un tale provvedimento, ma la sua forza politica in materia agricola era nulla o quasi.
Tu parli di "bugia" secondo me fu invece una "truffa".
I "nostri", e con tale termine accomuno tutti politici e rappresentanti del mondo agricolo, le eccezioni di chi prese le distanze furono veramente rare, decisero di fare i "furbi". Io ero presente a Cremona quando il Ministro Pandolfi affermò che gli allevatori italiani le "multe" non le avrebbero mai pagate !!
Alla politica si combina il potere giudiziario, con i suoi mille cavilli, i mille ricorsi, mille cause che non vedono mai la parola fine.
Quote latte, Alitalia, ILVA di Taranto, Consorzi Agrari, grandi "appalti" e sempre la solita e triste musica....
Con stima

GUIDORZI ALBERTO

01:04 | 01 aprile 2015

Per quanto riguarda le quote abbiamo raccontato due bugie: una in difetto per farci assegnare le quote latte ed una in eccesso per farci assegnare le quote zucchero.

La seconda si è rivelata pure essa fallimentare in quanto non abbiamo mai potuto accedere alle successive elargizioni di ulteriori quote in quanto per un certo periodo abbiamo dimostrato di non sapere produrre neppure quella iniziale. Quando finalmente abbiamo superato le quote di produzione assegnateci, non vi era più ciccia per gatti e quindi vi pagammo pure le penalità.
Questo modo sconsiderato di gestire un settore poi ha avuto le conseguenze che ben conosciamo nel 2006 quando accettammo di dismettere i due terzi della nostra filiera zucchero.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Gli oli

Gli oli "speciali" fanno crescere in Italia la Pietro Coricelli Spa

Il primo semestre si chiude con un fatturato di circa 63 milioni di euro e un aumento del 20% rispetto allo scorso anno. Una linea di successo, "Ethnos", che comprende Chia, Cocco, Argan, Avocado, Sesamo, Noce, Zucca, Canapa e Lino. Ma vi sono anche gli oli certificati Vegan OK, biologici e di sola spremitura, scelti dalle maggiori catene distributive italiane 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il progetto Dedicati

Innovare nel comparto olio da olive non è semplice, ma è proprio a partire dal mondo della ristorazione che si può dar luogo a una decisiva e significativa svolta al prodotto. Nostra intervista ad Anna Baccarani, Trade Marketing Manager di Olitalia, durante i lavori della prima edizione (28 maggio 2018) del Forum Olio & Ristorazione 

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese