Mercoledì 22 Novembre 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Il caso Tavernello insegna

Daniele Tirelli

Riflessioni amarcord. Dodici anni fa furono trasmessi in tv i controversi spot di Tavernello. Che nostalgia per gli insulti ricevuti.

Lo spot-dibattito ideato dalla Armando Testa fece scandalo. Lo Iap, l'Istituto dell'Autodisciplina Pubblicitaria, lo sottopose a giudizio poiché, pur essendo un estratto di dibattito spontaneo fra persone che non si conoscevano, poteva essere confuso con i dibattiti televisivi, ritenuti veri, ma che come ben sappiamo (per avervi partecipato), sono orchestrati a priori dai conduttori. Comprese le "dirette" che il più delle volte tali non sono.

La cosa fece scandalo e... molta audience. Io dovetti spiegare ad alcuni studenti che un "esperto di marketing" (quale non mi ritengo) dovrebbe comunque essere come un avvocato e occuparsi professionalmente di ogni caso e che il marketing di Tavernello ha la stessa dignità professionale di quello di Armani e di Gucci.

Scandalo a parte, Tavernello ha venduto da allora qualcosa in più di un 1 miliardo e 500 milioni di confezioni in Italia e all'estero.
Caviro ha dato lavoro a migliaia di persone della filiera cooperativa vitivinicola, che conferisce le uve per la trasformazione. Ha aggiunto al proprio portfolio diverse etichette di buona e anche ottima qualità, per chi pretende di più.

Gli Italiani girano il bicchiere quando sono in compagnia, ma continuano a comprare vino sotto i 3 euro... e non sono diventati più scemi di allora (... o forse sì, ma per altri motivi). Anche perché, sulla base delle ricerche di mercato serie, facendo la media dei polli, una famiglia italiana consuma 14 confezioni all'anno, che, assumendo due fruitori per famiglia, fa 2 cl al giorno, ovvero, 22 decimillesimi di alcool al giorno.

Daniele Tirelli - 22-08-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
L’olio Sagra per il food service

L’olio Sagra per il food service

Nuovi prodotti. L’eleganza come valore per comunicare la qualità. Lo storico marchio dell’olio da olive, di proprietà del Gruppo Salov e tra i principali protagonisti del mercato oleario mondiale, si propone con una nuova elegante linea da tavola creata in esclusiva per i professionisti della ristorazione

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La genesi dell'oliva

In un video emozionale e insieme documentaristico l'azienda veneta Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese, fa comprendere a chi non ha confidenza con il frutto dell'oliva, come si forma e si struttura il frutto ne corso dei mesi e come alla fine nasca l'olio extra vergine, quello a marchio Garda Dop Turri di varietà Casaliva

BIBLIOTECA OLEARIA
The Olive Tree Genome. Genetica e genomica dell’olivo

The Olive Tree Genome. Genetica e genomica dell’olivo

Il libro - a cura di Eddo Rugini, Luciana Baldoni, Rosario Muleo e Luca Sebastiani - fornisce un'introduzione alla genetica, alla genomica e all’allevamento dell'olivo, pianta longeva e multifunzionale, rilevante non soltanto per la produzione di olive da tavola e da olio, ma anche per il paesaggio e per la storia delle zone rurali