26 Gennaio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Il Ministero della Razza

Alfonso Pascale

Riordinando i miei libri mi è capitato tra le mani il bel libro autobiografico di Gino Martinoli, pubblicato da Mondadori nel 1996 con il titolo "Un secolo da non dimenticare. Riflessioni e fantasie di un testimone novantacinquenne". L'autore morì il giorno di Natale dello stesso anno in cui il volume fu dato alle stampe. Martinoli è stato un testimone privilegiato del Novecento. Ha vissuto in fatti a contatto con importanti protagonisti della cultura italiana: dalla sorella Natalia Ginsburg al cognato e amico Adriano Olivetti, a Eugenio Montale, Giorgio Bassani, Luigi Einaudi e Norberto Bobbio. Fu manager di grandi aziende come la Olivetti e l'Agip Nucleare. Fondò insieme a Giuseppe De Rita e a Pietro Longo il Censis.

Il suo cognome originario era Levi che egli mutò in Martinoli all'epoca delle leggi razziali del 1938. Ma lasciamo raccontare a lui stesso la storia alquanto curiosa del cognome: 

«Nel 1900, mio padre, Levi, vincendo la viva opposizione della madre rigorosa osservante della religione ebraica, si unì ad una "gentile" da cui ebbe i miei quattro fratelli e me, figli di sangue misto. Il fatto di essere ebreo solo al 50% non mi creò all'inizio particolare imbarazzo, ed anzi, data l'assurdità delle leggi razziali italiane, mi assicurò notevoli privilegi. Nel timore che questi potessero essere all'improvviso annullati, decisi però di cambiare un cognome tanto emblematico, come la legge mi dava diritto. Dopo lunghe pratiche al ministero della Razza, la mia richiesta fu accolta, a condizione che non adottassi il cognome di mia madre, Tanzi, perché iscritto all'albo araldico (la cosa mi meravigliò alquanto sapendo che mio nonno materno era stato il portinaio di una casa un po' equivoca di Milano). Indagando sulla mia ascendenza materna, trovai comunque un cognome che mi sembrava di certa origine ariana: Martinelli. Per un errore materiale dello scriba, però, Martinelli divenne Martinoli e così fu riportato sulla "Gazzetta Ufficiale" che decretò il cambiamento. Poco dopo aver ricevuto copia di tale decreto, mi capitò di andare al cinema con mia moglie Piera e Adriano Olivetti. Il film fu interrotto da uno spot propagandistico del regime in cui veniva mostrata la "bella famiglia Martinòli", composta da un donnone, un robusto contadino con il cappello da alpino e i loro diciassette figli, in scala per età e altezza. "Che orrore! D'ora innanzi verremo scambiati per quelli!" esclamò Piera. Ma Adriano trovò la soluzione: "Non ti scomporre! Anticipa l'accento sulla terzultima e, da Martinòli, diventerete Martìnoli". Perciò da quel giorno io, mio figlio e i miei nipoti, ad ogni appello, non ci stanchiamo di precisare che il nostro cognome è sdrucciolo, e non piano come la maggior parte delle parole italiane».

Alfonso Pascale - 31-12-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Sagrantino Docg 2016, esame positivo della commissione esterna

Sagrantino Docg 2016, esame positivo della commissione esterna

A Montefalco si prepara l’”Anteprima Sagrantino” con le varie degustazioni tecniche. A febbraio l’evento organizzato dal Consorzio Vini > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo