19 Gennaio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Il profondo legame con la terra

Alfonso Pascale

Nel 1954 il Presidente della Repubblica Luigi Einaudi riceve al Quirinale il magistrato Peretti Griva, il deputato comunista Arrigo Boldrini, medaglia d’oro della Resistenza nonché dirigente dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia (ANPI), Carlo Levi e il padre dei sette fratelli Cervi, fucilati dieci anni prima dai nazisti, che di medaglie dunque ne porta al petto sette. Il Presidente simpatizza subito con papà Cervi e si mostra commosso per il fatto che tra le letture dei fratelli-eroi ci sia stata la Riforma sociale, rivista da lui in altri tempi diretta, mentre l’altro si riferisce proprio alla curiosità culturale come all’origine della passione dei suoi figli per l’innovazione agraria, e narra delle migliorie da essi introdotte nel fondo che tenevano in affitto, rievocando le canzonature che quell’attivismo era loro costato da parte dei vicini.

Quando Einaudi parla a sua volta delle innovazioni da lui introdotte nei suoi vigneti piemontesi, Alcide Cervi passa a spiegare il modo in cui, d’accordo con le nuore, ha ripreso in mano l’azienda dopo la tragedia e il come aveva regolato le complesse questioni d’interesse da questa derivate. È qui che il Presidente pone una domanda ai convenuti: «Forseché i sette fratelli si sarebbero sacrificati se non fossero stati un po’ pazzi costruttori della loro terra e se il padre non fosse stato un savio costruttore della legge buona per la sua famiglia? Si sarebbero fatti uccidere per il loro paese, se fossero stati di quelli che noi piemontesi diciamo della lingera e girano di terra in terra, senza fermarsi in nessun luogo?» Carlo Levi risponde: «Credo di no». E tutti gli altri acconsentono.

Rievocando l’incontro, lo scrittore-pittore osserva che Cervi ed Einaudi, il primo comunista e l’altro liberale, hanno qualche cosa in comune, perfino una certa somiglianza fisica nel viso, nell’intensità dello sguardo, nei tratti della fisionomia, più robusti e incisi nel contadino reggiano, più raffinati e sottili nello studioso piemontese, ma tuttavia segnati da un’evidente parentela: il legame profondo con la terra, la propria terra, come elemento costitutivo della libertà, della socialità, della responsabilità, dell’innovazione e della democrazia. «La libertà così ancorata agli oggetti persistenti – continua Levi – non è dunque mai astratta e puramente ideale (…) è vivente nelle cose, nella terra, nella parte di noi che non si muove come fronda al vento, non diventa estranea, né serva dell’alienazione senza radici».

Quando il rapporto che l’agricoltore ha con la propria terra è profondo, stabile e responsabile, egli è in grado di aprirsi ad un rapporto virtuoso con la scienza e introdurre innovazioni per soddisfare le proprie esigenze e, nel contempo, farsi carico dei bisogni collettivi, contribuendo così ad elevare il livello di democrazia e di civiltà di un paese. È proprio la storia delle campagne a mostrare come l’eguaglianza si può allargare sempre più, ma a patto che anche la libertà si valorizzi al massimo livello possibile. Con l’innovazione tecnologica e l’innovazione sociale, libertà ed eguaglianza non si contrappongono ma si completano e si arricchiscono a vicenda. In agricoltura come in tutte le attività economiche.

 

Alfonso Pascale - 04-11-2014 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
“Ieri è oggi e anche domani”, il nuovo romanzo di Monica Sommacampagna

“Ieri è oggi e anche domani”, il nuovo romanzo di Monica Sommacampagna

Edito da il Seme Bianco, è il terzo romanzo per l’autrice. Una prima presentazione di questo suo nuovo libro, si svolgerà giovedì 16 gennaio alle ore 18 presso la Feltrinelli Libri e Musica a Verona, in Via Quattro Spade 2. L’autrice dialogherà con la giornalista de L’Arena Laura Perina e inoltre ci sarà un reading realizzato da Isabella Caserta, direttrice artistica del Teatro Scientifico – Teatro Laboratorio e attrice, in modo tale da rendere più appassionanti le parti più vivaci e toccanti del romanzo. Alla fine dell’incontro, si potranno degustare i vini biologici dell’azienda vitivinicola La Cappuccina.

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo