Mercoledì 20 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Illecito penale per chi conserva male gli oli

Luigi Caricato

È solo una proposta, ma con ogni probabilità è l’unica soluzione possibile per costringere la Gdo a seguire regole ferree nell’atto di conservare gli oli extra vergini di oliva nei propri magazzini, collocandoli in spazi adeguati, a temperature idonee alla corretta conservazione e senza che altri fattori di rischio possano pregiudicare la qualità originaria degli oli da porre in commercio.

Non se ne parla pubblicamente, ma i casi di anomalie sul prodotto mal conservato sono frequenti, e finora a pagare le conseguenze sono le aziende olearie, poco tutelate e sicuramente parte debole rispetto alla Gdo. Non sono purtroppo pochi i casi di extra vergini sequestrati dagli organismi di controllo perché non corrispondenti alla qualità merceologica riportata in etichetta.

A un attento esame, verificando il lotto di produzione, si scopre che solo nei magazzini in cui è stato mal conservato l’olio si presentano anomalie, non invece su altri campioni prelevati da altre catene commerciali o sulle confezioni del medesimo lotto presenti nella sede dell’azienda confezionatrice. Il che, è evidente, è la prova che il cattivo stato di conservazione pone seri rischi che vanno affrontati su piano giuridico a tutela del produttore/confezionatore, del prodotto stesso e del consumatore.

Tutto tace, al momento, su una questione che si ripresenta di anno in anno senza che nessuno tuttavia si preoccupi di risolverla in maniera definitiva, imponendo alle imprese distributive di conservare correttamente gli oli, oltre che presentarli bene al pubblico, sugli scaffali, in maniera altrettanto decorosa, senza che luce e temperatura danneggino il prodotto. 

L’olio, si sa, è materia fragile e va pertanto protetto, ma tale sensibilità, e professionalità, manca di fatto a molte insegne commerciali, troppo imprudenti come sono, piuttosto sfacciate e senza dubbio poco serie al riguardo, senza mai ammettere le proprie falle nel sistema, forti come sono della loro intoccabilità, anche di fronte agli stessi organismi di controllo che tendono a trascurare le responsabilità dell’intera filiera.

La giurisprudenza tuttavia viene in soccorso. Per esempio, gioca favore delle aziende olearie che hanno subito un deperimento del prodottola sentenza n. 39037 della sezione penale della Corte di cassazione, depositata il 28 agosto 2018, dove si riconosce l’illecito penale quando, nel caso specifico di tale sentenza, l’acqua è stata conservata male. Lo stesso, è evidente vale per l’olio extra vergine di oliva, dal momento che la negligenza della Gdo, anche di insegne molto note a grande pubblico, trascurano di conservare correttamente gli oli. 

Alcuni mesi fa pubblicammo una foto eclatante, con bancali contenenti bottiglie, lasciati d’estate sotto il sole cocente, in un’area scoperta, per molto tempo accatastati all’aperto. 

I casi di cattiva conservazione sono purtroppo veramente tanti e frequenti, e riguarderebbero molti alimenti, alcuni dei quali molto “fragili” e a rischio. Finora c’è stato un silenzio generale al riguardo, anche da parte delle Istituzioni, inclini come sono a gridare allo scandalo, con leggerezza e superficialità, ma poco sensibili nell’andare a fondo alle cause che determinano anomalie sui prodotti.

L’ipotesi di considerare illecito penale la cattiva conservazione degli oli sarebbe un buon punto di partenza per costringere le catene commerciali a osservare e seguire con la massima serietà le più elementari regole a protezione delle materie prime alimentari. Ciò che stupisce, in tutto ciò, è la latitanza delle Istituzioni. Si spera pertanto che questa sentenza della Cassazione smuova un po’ le coscienze e si cambi il prima possibile rotta.

 

 

 

Luigi Caricato - 12-03-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un inedito touchpoint per interagire con la clientela

Un inedito touchpoint per interagire con la clientela

Innovazioni. Fratelli Carli, la storica azienda olearia ligure, entra nel mondo digical - neologismo generato dalla crasi tra le parole “digital” e “physical” -  e allarga il numero di punti di contatto con la propria clientela. Dopo la vendita per corrispondenza, l’e-commerce e la catena retail degli Empori, l’azienda potenzia il proprio percorso verso l’omnicanalità e lancia a Monza il prototipo di self-machine refrigerata, dedicata ai piatti tipici della propria regione

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria