Giovedì 28 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

J’accuse tutto ciò che ruota intorno all’olio

Francesco Visioli

J’accuse la grande distribuzione che vende gli alimenti sottocosto, umiliando i produttori. Ho visto olio d’oliva extra vergine sotto i 3 euro la bottiglia. Ma stiamo scherzando? In quella bottiglia c’è il condimento più importante per la nostra salute. C’è la storia della civiltà mediterranea, della sua religione, dei suoi popoli. C’è il lavoro di contadini che sfidano il clima incerto, la burocrazia cervellotica, i doverosi controlli, l’acquisto di macchinari, il costo della mano d’opera, le leggi sull’etichettatura che cambiano in continuazione. In quella bottiglia ci sono i camionisti che trasportano le autobotti e poi i pallet, chi li scarica, chi li immagazzina. Tre euro? Deve essere vietato per legge, che riguardi olio d’oliva o qualsiasi derrata alimentare.

J’accuse i consumatori ignoranti che credono di sapere tutto e non distinguono un olio buono da uno cattivo. Quelli che sono in grado di distinguere aromi improbabili in un bicchiere di vino e poi versano il primo olio che si trovano a portata di mano. Quelli che non sanno cosa sia una cultivar mentre si vantano di mangiare caciotte d’alpeggio. O quelli che disprezzano i blend perché “chissà cosa c’è dentro”. Quelli che parlano male degli oli spagnoli a priori, senza conoscerli.

J’accuse i consumatori provincialotti, che confondono genuinità con qualità, quelli che “l’olio migliore è italiano”, anzi “l’olio migliore è della mia regione, anzi “l’olio migliore è del mio paese”, anzi “l’olio migliore è quello che produce mio cugino”. Così facendo ci si fossilizza su tradizioni di dubbia utilità e non si fanno progressi con la qualità dell’olio.

J’accuse i ricercatori ignoranti e vanitosi, che preparano modelli sperimentali poco corrispondenti alla realtà, vedono risultati che si attendono e, tronfi, sperano che un giornalista si accorga di loro per poi commentare sui giornali i loro inutili dati.

J’accuse i giornalisti superficiali, che rilanciano titoloni e pubblicano dati farlocchi per attirare l’attenzione sulle loro testate, senza farsi domande, senza pensare razionalmente, senza chiedere il parere di più fonti indipendenti.

J’accuse molte organizzazioni di categoria di settore che si parlano addosso, sparano numeri a caso, litigano, sgomitano per ottenere un po’ di visibilità e fondi pubblici. Invece di coalizzarsi e fare fronte comune cercano di coltivare il loro orticello/uliveto e frammentano le politiche di settore.

J’accuse i politici nazionali e regionali, senza una visione che passi i due mesi, senza piani di sviluppo, senza cultura, ma certi di sapere tutto. Politici che cercano il consenso e che ripetono frasi trite su “questo prezioso prodotto della nostra terra”, senza rendersi conto che ce ne sarà sempre meno, in assenza di politiche agricole mirate.

J’accuse la xylella e la sputacchina. Accidenti a loro, ma accidenti anche a chi perde tempo nell’arginare il fenomenolanciando accuse insensate a destra e a manca. Anche qui la mancanza di razionalità ha fatto più danni del maltempo.

J’accuse chi froda e chi gode nel trovare più frodi possibili e non insiste nel vedere quanto di buono c’è nel settore, dai produttori seri ai tecnologi e agronomi studiosi. Le frodi vanno represse con tutte le forze, ma non si deve fare di tutt’erba un fascio e bisogna valorizzare le eccellenze del settore.

J’accuse i burocrati, che inventano incartamenti, registri, etichettature, norme e contro norme per giustificare la loro esistenza. Le leggi sono sacrosante e vanno rispettate. Le ragnatele burocratiche vanno tolte.

Parafrasando (poco) Émile Zola: Formulando queste accuse, non ignoro che mi metto sotto il tiro delle categorie succitate. Ed è volontariamente che mi espongo. Quanto alla gente che accuso, non li conosco, non li ho mai visti, non ho contro di loro né rancore né odio. Sono per me solo entità, spiriti di malcostume sociale. Ho soltanto una passione, quella della luce, in nome dei produttori onesti che hanno tanto sofferto e che hanno diritto alla felicità. La mia protesta infiammata non è che il grido della mia anima.

 

Francesco Visioli - 09-07-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

L’olio San Giuliano, il noto marchio sardo di Alghero, si aggiudica quattro ori all’International Olive Oil Competition di New York. Nel corso di quest'anno ha inoltre ricevuto molti altri prestigiosi riconoscimenti, a Los Angeles e a Zurigo, come pure in Italia. Il tutto a partire dai 167.495 ulivi di proprietà

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

L’olio musicale

È un olio che racconta la passione della famiglia Mela per la musica ed è dedicato ai 70 anni del Festival di Sanremo. A raccontarlo, a Olio Officina festival 2020, Serena Mela, dell’azienda imperiese Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri