Mercoledì 16 Gennaio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

L’anno che è stato, l’anno che sarà

Luigi Caricato

Quando arriva il tempo di far bilanci non si può essere insinceri verso se stessi, e così eccomi a fare il punto dell’anno appena concluso e guardarlo in una visione retrospettiva ma anche in prospettiva futura. 

Mi sono sempre riconosciuto il dono non della preveggenza, per carità, ma senz’altro la capacità di guardare avanti e leggere gli sviluppi futuri a partire dal presente. Vedo buio. Ma non per un pessimismo latente, solo perché non intravedo nulla di buono. Oggettivamente manca lo spirito per vedere la luce, nonostante la presenza certa della luce che non vogliamo vedere in quanto ci ostiniamo a cercare il buio.

Il mio 2018 è stato un anno felice e dai buoni frutti, pur in un contesto ambientale avvilente è disastroso. Non esito minimamente a riconoscere il declino intellettuale e morale di chi mi sta intorno . Si salvano in pochi ma quei pochi sono persone speciali che spero mantengano l’integrità e la fermezza nell’andare avanti a testa alta senza tradire se stessi.

Noto con rammarico e dolore, e anche con un po’ di vergogna, che molti cedono terreno alla barbarie, anche tra coloro che conosco e, per viltà, cambiano corso alla propria vita sputando in faccia a quelli che erano i propri ideali.

Il mondo in cui opero, quello dell’olio, ha smarrito la propria identità e si sta facendo imbrigliare nella morsa dell’illusione, cedendo per debolezza ai ricatti di chi gestisce il potere e annichila le persone e l’economia. 

Olio Officina è diventata per molti versi un’Arca di Noè, anche se non si avvista ancora nulla all’orizzonte, però non si demorde. Chi crede in questo progetto culturale lo sostiene e sa che si sta costruendo il futuro, un futuro bello di cui essere orgogliosi.

Io lo dico sempre: noi siamo ciò che facciamo, noi siamo le nostre opere. 

Buon 2019 a tutti.

Luigi Caricato - 01-01-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Esiste un turismo esperienziale. L’olivicoltura ligure ne è pienamente coinvolta

Esiste un turismo esperienziale. L’olivicoltura ligure ne è pienamente coinvolta

A Genova è stato presentato il nuovo libro di Umberto Curti, incentrato su una forma nuova e del tutto inedita di turismo, molto utile per chi intenda valorizzare al meglio il territorio. L stesso tema sarà affrontato sabato 2 febbraio a Milano, in occasione di Olio Officina Festival

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti