Mercoledì 11 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - [email protected]

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

L’Europa spiegata agli asini

Daniele Tirelli

I benefici dell’accordo di Schengen li potete apprezzare se dovete fare un viaggio come il mio di questi giorni, da Basilea a Dusseldorf, fermandovi in varie città. 

Avete tre possibilità: 

1) passare ad ovest del grande fiume Reno dalla Francia; 

2) passare ad Est, dalla Germania; 

3) andare di qua e di là a seconda del traffico e delle vostre mete. 

Dato che il traffico in queste aree prosperose è intensissimo,  potete provare immediatamente a immaginare cosa succederebbe se esistessero delle frontiere con i controlli delle merci e delle persone: un incubo e un danno materiale colossale.

Ovviamente, per i somari che pascolano nei prati sottocasa questa libertà significa poco. 

Per la parte del paese - professionisti, imprenditori, tecnici, ecc. - che reggono le sorti della nostra economia e del nostro commercio internazionale questa libertà è vitale.

L'accordo fu firmato a Schengen (14 giugno 1985) fra Benelux, Francia e Germania. Con ciò si eliminarono progressivamente i controlli delle persone alle frontiere comuni e si introdusse un regime di libera circolazione per i cittadini degli Stati firmatari, degli altri Stati membri della Comunità o di eventuali Paesi terzi. I vantaggi in termini di sviluppo per i tre paesi firmatari furono incalcolabili e per loro il processo è irreversibile.

 

Un altro esempio, il più semplice e intuitivo.

Quando, esausto, faccio l’ultimo tentativo di spiegare che chi pensa di uscire dalla moneta unica, e quindi dal mercato comune europeo, è un folle, o un ignorante abissale, è proprio questo.

Una nazione che si separi dall’Unione avrà il compito di fissare dazi all’importazione e, ovviamente, l’onere di subirli. 

Se vuole continuare a praticare il commercio con l’estero - a meno che non pensi di tornare ai prodotti autarchici del “capitano (dux)”, quali i famigerati Lanital, Vegetina, Conditutto, Limonina, di lontana memoria - dovrà stabilire cosa e quanto tassare ciò che proviene dall'estero.

Orbene, dato che nessuno può far tutto (come insegnò un tempo Adam Smith) si tratta di decidere quali gravami imporre e subire su milioni di prodotti di cui in termini semplificati (!!!) darò un esempio:

96071100 Chiusure lampo, con dentini di metalli comuni
96071900 Chiusure lampo, diverse da quelle con dentini di metalli comuni
96072010 Parti di chiusure lampo, di metalli comuni, compresi i nastri con dentini
96072090 Parti di chiusure lampo, diversi da quelle di metalli comuni

oppure:

96061000 Bottoni a pressione e loro parti
96062100 Bottoni, esclusi quelli a pressione, di materie plastiche, non ricoperti di materie tessili
96062200 Bottoni, esclusi quelli a pressione, di metalli comuni, non ricoperti di materie tessili
96062900 Bottoni, esclusi quelli a pressione, diversi da quelli delle precedenti voci 9606 21 e 22
96063000 Dischetti per bottoni ed altre parti di bottoni; sbozzi per bottoni

Queste sono solo alcune classificazioni delle voci del catalogo delle statistiche internazionali. 

Ovviamente i somari non capiscono che dietro ogni voce ci sono industrie, artigiani commercianti specializzati che economicamente vivono di questi commerci (e danno lavoro). 

Purtroppo, con gli asini: … tempus et verba perdere est, sed cupio in tantis rei publicae periculis me non dissolutum videri, sed iam me ipse inertiae nequitiaeque condemno.

 

Daniele Tirelli - 30-10-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Acque agitate intorno all’Igp aceto balsamico di Modena

Acque agitate intorno all’Igp aceto balsamico di Modena

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una nota stampa del Consorzio d tutela dell’Aceto Balsamico di Modena, intorno alle dichiarazioni diffuse da Armando De Nigris, presidente dell’omonimo Gruppo, e pubblicate da Olio Officina Magazine. Scrive, in particolare, la presidente Mariangela Grosoli, che “il Consorzio continuerà in tutti i modi possibili a perseguire la difesa del prodotto, della denominazione, di un mercato trasparente ed etico, insieme alla tutela del consumatore e di una concorrenza leale”

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora