Venerdì 16 Novembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

L’Europa spiegata agli asini

Daniele Tirelli

I benefici dell’accordo di Schengen li potete apprezzare se dovete fare un viaggio come il mio di questi giorni, da Basilea a Dusseldorf, fermandovi in varie città. 

Avete tre possibilità: 

1) passare ad ovest del grande fiume Reno dalla Francia; 

2) passare ad Est, dalla Germania; 

3) andare di qua e di là a seconda del traffico e delle vostre mete. 

Dato che il traffico in queste aree prosperose è intensissimo,  potete provare immediatamente a immaginare cosa succederebbe se esistessero delle frontiere con i controlli delle merci e delle persone: un incubo e un danno materiale colossale.

Ovviamente, per i somari che pascolano nei prati sottocasa questa libertà significa poco. 

Per la parte del paese - professionisti, imprenditori, tecnici, ecc. - che reggono le sorti della nostra economia e del nostro commercio internazionale questa libertà è vitale.

L'accordo fu firmato a Schengen (14 giugno 1985) fra Benelux, Francia e Germania. Con ciò si eliminarono progressivamente i controlli delle persone alle frontiere comuni e si introdusse un regime di libera circolazione per i cittadini degli Stati firmatari, degli altri Stati membri della Comunità o di eventuali Paesi terzi. I vantaggi in termini di sviluppo per i tre paesi firmatari furono incalcolabili e per loro il processo è irreversibile.

 

Un altro esempio, il più semplice e intuitivo.

Quando, esausto, faccio l’ultimo tentativo di spiegare che chi pensa di uscire dalla moneta unica, e quindi dal mercato comune europeo, è un folle, o un ignorante abissale, è proprio questo.

Una nazione che si separi dall’Unione avrà il compito di fissare dazi all’importazione e, ovviamente, l’onere di subirli. 

Se vuole continuare a praticare il commercio con l’estero - a meno che non pensi di tornare ai prodotti autarchici del “capitano (dux)”, quali i famigerati Lanital, Vegetina, Conditutto, Limonina, di lontana memoria - dovrà stabilire cosa e quanto tassare ciò che proviene dall'estero.

Orbene, dato che nessuno può far tutto (come insegnò un tempo Adam Smith) si tratta di decidere quali gravami imporre e subire su milioni di prodotti di cui in termini semplificati (!!!) darò un esempio:

96071100 Chiusure lampo, con dentini di metalli comuni
96071900 Chiusure lampo, diverse da quelle con dentini di metalli comuni
96072010 Parti di chiusure lampo, di metalli comuni, compresi i nastri con dentini
96072090 Parti di chiusure lampo, diversi da quelle di metalli comuni

oppure:

96061000 Bottoni a pressione e loro parti
96062100 Bottoni, esclusi quelli a pressione, di materie plastiche, non ricoperti di materie tessili
96062200 Bottoni, esclusi quelli a pressione, di metalli comuni, non ricoperti di materie tessili
96062900 Bottoni, esclusi quelli a pressione, diversi da quelli delle precedenti voci 9606 21 e 22
96063000 Dischetti per bottoni ed altre parti di bottoni; sbozzi per bottoni

Queste sono solo alcune classificazioni delle voci del catalogo delle statistiche internazionali. 

Ovviamente i somari non capiscono che dietro ogni voce ci sono industrie, artigiani commercianti specializzati che economicamente vivono di questi commerci (e danno lavoro). 

Purtroppo, con gli asini: … tempus et verba perdere est, sed cupio in tantis rei publicae periculis me non dissolutum videri, sed iam me ipse inertiae nequitiaeque condemno.

 

Daniele Tirelli - 30-10-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Fare squadra. È l'ambizioso obiettivo che è stato sottoscritto dal presidente e ad Carapelli Firenze SpA Pierluigi Tosato, del gruppo Deoleo, e dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino. L'accordo è stato siglato a Roma e punta su innovazione e sviluppo del mercato degli oli extra vergini  di oliva di qualità superiore. 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti