Giovedì 23 Gennaio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

L’olio non è masturbativo, ma scopativo

Luigi Caricato

Cristiano Tomei, chef e patron del ristorante L’imbuto a Lucca, è personaggio effervescente. In occasione dell’edizione numero 0 di Avant-Garda, ha espresso posizioni molto interessanti e anche provocatorie - come questa, per esempio: “La cucina non è masturbativa, ma scopativa”.

Questa sua visione sarà pure rude, ma in compenso molto efficace e vera, valida oltretutto anche per altri ambiti, per esempio per il mondo dell’olio.

Non conoscevo Tomei, se non per fama. È una carenza la mia, certo. Sarà pure un limite, ma non frequento molto gli chef. 

Ascoltandolo, mi sono ritrovato in pieno nelle sue espressioni. Mi è piaciuta la sua attenzione al linguaggio.

“Io credo che la cucina sia sempre in movimento, come linguaggio. È nata per andar avanti e rinnovarsi continuamene”, ha detto. “La cucina deve guardare sì al passato, ma innovando, innovando sempre”. 

Ecco alcune parole chiave che io da decenni ripeto fino all’ossessione: movimento, linguaggio. E poi c’è la creatività. 

“La creatività – ha affermato Tomei – non è una esigenza filosofica, o un modo per calmare la mente, ma è qualcosa di fisico: quando ci scatta quella molla mentale, si è felici. Quando si riesce a inventare qualcosa, si è felici. Questa – ha ammesso Tomei – è la molla della creatività. Noi abbiamo bisogno della creatività perché è il motore di tutto”.

Ecco, su Olio Officina Magazine, dove la grande totalità dei lettori segue passo passo un alimento come l’olio, queste parole sono oro, preziose come l’oro, e andrebbero prese nella dovuta considerazione, per ispirarsi e trarre motivo per ripartire. Linguaggio, movimento, creatività. È ciò che occorre a chi lavora nel settore, ed è ciò che di fatto manca.

“La cucina non è masturbativa, ma scopativa”, ha affermato lo chef Tomei. Lo stesso vale per l’olio. 

Tomei ha chiarito ulteriormente: “La cucina è per gli altri e al centro deve esserci il cliente, perché il cliente deve godere”.

Così vale per l’olio.

Torniamo al linguaggio. La pima edizione di Olio Officina Festival, nel 2012, era proprio dedicata al linguaggio.

E guarda caso Tomei ad Avant-Garda ha affermato “Bisogna creare un linguaggio della cucina italiana e non aver paura di farlo”.

Appunto, non bisogna avere paura e accettare le sfide, andare oltre le consuetudini.

Sono anni che ripeto che l’olio deve andare al di là del proprio orticello, e Tomei ha affermato che “la cucina non ha barriere e non ha confini, ha un linguaggio universale. Noi italiani – ha detto –  siamo stati invasi da tutti e abbiamo assorbito da tutti”.

È una lezione che va assimilata. Andare al di là delle barriere, soprattutto quelle mentali.

Chiudo con un aneddoto di Cristiano Tomei che mi ha commosso. “In tempi di guerra – ha detto –  ci si ungeva le mani d’olio e si condivano le foglie di insalata. Perché non si poteva esagerare, con la quantità d’olio”. 

Già, non si poteva esagerare con le quantità, tanto era prezioso. Senza sprecare nulla. Peccato che l’olio nel frattempo, pur essendo migliorato nella sua qualità, distintività e durabilità, trascorsi i decenni abbia perso però valore. Non è forse che questa perdita di valore, la discesa agli inferi da prodotto esclusivo a commodity, sia stata la conseguenza della paura di innovare, di rinnovare il linguaggio, di rinunciare alla creatività?

Per parafrasare Tomei, l’olio non è masturbativo, ma scopativo.

 

Nota per chi non era presente a Toscolano Maderno e non ne sapeva nulla dimostrando con ciò di non essere sufficientemente al corrente di ciò che di importante accade nell'universo mondo. Cosa è stato Avant-Garda. Organizzato dalla rivista ItaliaSquisita a Toscolano Maderno, è un evento dedicato alle produzioni più significative della sponda bresciana del lago di Garda con oltre trenta protagonisti delle cucine e delle tavole del territorio. Teatro dell'evento, che si è celebrato lunedì 7 ottobre, è stata la spettacolare Valle delle Cartiere di Toscolano Maderno. Qui chef, produttori, giornalisti ed esperti del settore gastronomia si sono riuniti nelle sale del Museo della Carta per discutere delle nuove tendenze e sperimentazioni nel campo dell’alta cucina. Erano presenti cinque chef gardesani e cinque  chef  “forestieri”, i quali si sono confrontati sull’utilizzo di cinque prodotti simbolo dell'area gardesana: limone, olio extra vergine di oliva Dop Garda, capperi, zafferano e pesce di lago, oltre che sull’utilizzo degli stessi ingredienti, simili solo nell’aspetto ma differenti per provenienza, prodotti nel resto dell'Italia. L’olio extra vergine di oliva Dop Garda è stato al centro dell’intervento degli chef Alfio Ghezzi e Iside De Cesare, che hanno discusso della versatilità dell’olio d’oliva e delle differenze produttive nelle varie regioni d’Italia, mettendo in luce la biodiversità, la varietà delle materie prime e il loro utilizzo nell’alta cucina contemporanea. Ma l'olio non poteva certo passare inosservato da parte degli altri chef, tra cui Cristiano Tomei, del risotrante L’Imbuto  di Lucca.

 

Luigi Caricato - 08-10-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
Un libro per imparare il codice sensoriale della carne

Un libro per imparare il codice sensoriale della carne

Il codice sensoriale della carne, edito dal Centro Studi Assaggiatori in collaborazione con Narratori del gusto, aiuterà a rispondere alle domande dei consumatori di fronte alla scelta della carne migliore. Attraverso i sensi, si può imparare a scegliere una carne di qualità

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo