Giovedì 25 Aprile 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

La grande cecità

Giuseppe Barbera

Si chiama la “Grande Cecità” quella che non ci consente di vedere in che precipizio stiamo cacciando noi, i nostri figli e tutto il pianeta. Di Maio è felice, perché adesso esportiamo in aereo le arance in Cina. Martina protesta, siamo stati noi per primi a permetterlo. Si contendono il merito di esportare arance in Cina.

Ora, l’arancio ha nome botanico Citrus sinensis. Sinensis, cioè cinese. La Cina è la patria dell'arancio. I cinesi lo sanno bene visto che sono il terzo produttore al mondo (14,4 milioni di tonnellate nel 2013). Noi siamo al nono posto (1,7).

È un mondo molto stupido e cieco quello che gioisce perché le arance in aereo (emissioni di CO2, cambiamenti climatici…) arrivano nel paese che per primo e di più le produce.

Si dirà: ma sono le magnifiche arance Tarocco e la Cina non produce arance rosse. Errore! La Cina le produce, e l’Università dello Hunan ha da qualche anno in coltivazione varietà rosse (le chiamano Lido Blood Orange) introdotte dall’Italia. Quindi tra pochissimi anni è presumibile che saranno loro ad esportare in Italia.

Ma noi, adesso, ciechi e stupidi, esultiamo e, per gli agrumicoltori italiani, per quelli che si prendono cura dei paesaggi agrari più belli del mondo, spendiamo solo chiacchiere.

Giuseppe Barbera - 26-03-2019 - Tutti i diritti riservati

Giuseppe Barbera

Professore di Colture arboree all’Università di Palermo e autore di diversi saggi, tra cui "Abbracciare gli alberi", per le edizioni il Saggiatore.

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Schiava 2017, di Tiefenbruner

Il vino della settimana: Schiava 2017, di Tiefenbruner

Un vino alto atesino di una storica azienda attiva sin dal 1675, ottenuto da un vitigno autoctono di grande qualità che andrebbe rivalutato. Le prime sensazioni sono di frutta rossa matura, leggermente speziato, pepe bianco, lampone, fragoline di bosco, prugna con note balsamiche > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

La Pasqua si avvicina e non ci si può sottrarre alle consuetudini. Questa volta l'Irlanda, attraverso Bord Bia, viene da noi, con una ricetta in cui tra l'altro anche l'olio extra vergine di oliva è presente. Tanti gli ingredienti, ma la carne, quella proposta in questa preparazione, è rigorosamente Irish, da animali allevati secondo la più autentica tradizione irlandese e che pascolano in piena libertà, alimentandosi per oltre l’80 per cento di erba fresca

EXTRA MOENIA
Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

Unire le varietà per dare vita al nuovo. Torna il concorso Carapelli For Art

È stato presentato in occasione del World Art Day, lo scorso 15 aprile, la seconda edizione del premio internazionale per le arti visive. Al centro, il legame perfetto tra la maestria del brand nell’esaltare le diverse varietà di olivi che danno luogo ai diversi oli da olive e la capacità dell’arte di armonizzare le diversità di pensiero, forma e materia

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria

VISIONI

Il mondo è un bellissimo posto / per nascere

Lawrence Ferlinghetti