Giovedì 22 Giugno 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

La maleducazione degli oleari su Internet

Luigi Caricato

Vi è mai capitato di imbattervi con persone moleste che credono di fare qualcosa di tanto importante da non riuscire a fare a meno di dirlo a tutti? Succede. Qualcuno in effetti potrebbe erroneamente pensare che con la parola "comunicazione" si intenda, di fatto, dare libero sfogo a tutto quanto ci passi per la testa, estendendolo all’universo mondo.

Comunicare è invece qualcosa di molto più complesso, che richiede in particolare una sorta di auto regolamentazione. Non si può d’altronde comunicare in maniera corretta se non c’è, dall’altra parte, qualcuno disposto ad accogliere i contenuti della comunicazione.

Comunicare non significa infatti imporre ad altri qualcosa che ci riguarda in prima persona, ritenendola fondamentale per tutti, e considerando tale operazione del comunicare come avere piena libertà di dire e scrivere tutto quello che ci pare, quando, come e dove ci pare. Non è così.

In quest’epoca social, con Internet che amplifica ogni nostro sussurro, basta in fondo taggare il prossimo, per illudersi che questo approccio sia quello giusto. Non lo è.

Da quando sono sui social, sono stato letteralmente bombardato - soprattutto i primi tempi; e in maniera, direi, anche selvaggia - da tante presunte notizie che in realtà interessano solo chi le scrive, non chi le subisce, vedendole suo malgrado pubblicate sulla propria bacheca. Io ho risolto il problema facendo un po` di pulizia, ed esprimendo pubblicamente il mio disappunto. Una scelta che ha funzionato. Eppure, nonostante le norme di buona educazione, noto che la maleducazione su Internet, da parte degli oleari, è alquanto invadente.

Partecipando, volontariamente o meno, in vari gruppi social (in molti dei quali sono stato però inserito senza che nessuno mi abbia mai chiesto il permesso), noto - debbo confessare: con un certo fastidio - che ci sono alcuni molestatori che appartengono e operano all’interno del mondo dell’olio, che utilizzano in maniera impropria il meraviglioso strumento di Internet come fosse casa di tutti, dove chiunque può prendersi confidenza e fare quel che più gli pare conveniente per sé.

Ebbene, ritengo che questo atteggiamento sia quanto mai deprecabile, e mi auguro vivamente che tutti si oppongano all'invadenza dei maleducati, altrimenti a rimetterci, in tutto ciò, è proprio il mondo dell’olio.

Fare comunicazione significa farla bene, e soprattutto farla con moderazione, senza esagerare con effetti spettacolari, e, prima di ogni cosa, senza in particolare effettuare invasioni di campo.
Basta, insomma, con l’ansia da prestazione, insistendo ad ogni costo nell’imporre qualcosa di personale agli altri. La notizia che si vuol far circolare, deve circolare nel modo giusto, altrimenti è solo molestia, nient’altro che molestia, ovverosia: nulla di importante.

Purtroppo, occorre ammetterlo, sono proprio i molestatori perditempo (non gli oleari seri, quelli che dedicano il proprio tempo al lavoro, e non al cazzeggio) la parte funesta di Internet, luogo in cui trovano spazio soprattutto i creatori di fake news. È questo l'aspetto fallace di Internet. Sta tutto nel concedere spazio a chicchessia, senza dare valore alla qualità delle comunicazioni.

Luigi Caricato - 13-06-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Tofu grigliato su crema di melanzane, cipolla egiziana ligure e fantasia dell’orto

Tofu grigliato su crema di melanzane, cipolla egiziana ligure e fantasia dell’orto

Non c'è più la cucina di una volta. Ora, oltre alla bontà e biodiversità delle materie prime, c'è anche un componente principale da non trascurare: la fantasia. Viene prima questa, infatti, e solo in un secondo momento tutto il resto. Tra gli ingredienti, vi sono pure i fiori eduli > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Festival dei Due Mondi di Spoleto. L’investimento nella cultura si ripaga

Festival dei Due Mondi di Spoleto. L’investimento nella cultura si ripaga

Il mecenatismo d’impresa secondo l'imprenditrice della nota casa olearia umbra. "Sono convinta - precisa Maria Flora Monini - che per un imprenditore che vive oggi in un Paese come l’Italia, esista il dovere morale di contribuire alla preservazione e diffusione di quello che è un patrimonio culturale immenso, fondamentale risorsa economica per la nostra nazione, soprattutto in un momento difficile come quello che stiamo vivendo"

GIRO WEB
Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

Luigi Caricato racconta Wooe 2017

L'esperienza del direttore di Olio Officina Magazine intorno alla sesta edizione del World Olive Oil Exhibition che si è svolto lo scorso marzo a Madrid

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine, in libreria e su abbonamento

OOF International Magazine, in libreria e su abbonamento

Il primo numero è disponibile da giugno nelle librerie, ma è anche possibile abbonarsi al trimestrale edito da Olio Officina. C'è grande fermento culturale, il primo numero, in edizione bilingue italiano/inglese, è dedicato al packaging: la rivoluzione silenziosa