Martedì 24 Aprile 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

La maleducazione degli oleari su Internet

Luigi Caricato

Vi è mai capitato di imbattervi con persone moleste che credono di fare qualcosa di tanto importante da non riuscire a fare a meno di dirlo a tutti? Succede. Qualcuno in effetti potrebbe erroneamente pensare che con la parola "comunicazione" si intenda, di fatto, dare libero sfogo a tutto quanto ci passi per la testa, estendendolo all’universo mondo.

Comunicare è invece qualcosa di molto più complesso, che richiede in particolare una sorta di auto regolamentazione. Non si può d’altronde comunicare in maniera corretta se non c’è, dall’altra parte, qualcuno disposto ad accogliere i contenuti della comunicazione.

Comunicare non significa infatti imporre ad altri qualcosa che ci riguarda in prima persona, ritenendola fondamentale per tutti, e considerando tale operazione del comunicare come avere piena libertà di dire e scrivere tutto quello che ci pare, quando, come e dove ci pare. Non è così.

In quest’epoca social, con Internet che amplifica ogni nostro sussurro, basta in fondo taggare il prossimo, per illudersi che questo approccio sia quello giusto. Non lo è.

Da quando sono sui social, sono stato letteralmente bombardato - soprattutto i primi tempi; e in maniera, direi, anche selvaggia - da tante presunte notizie che in realtà interessano solo chi le scrive, non chi le subisce, vedendole suo malgrado pubblicate sulla propria bacheca. Io ho risolto il problema facendo un po` di pulizia, ed esprimendo pubblicamente il mio disappunto. Una scelta che ha funzionato. Eppure, nonostante le norme di buona educazione, noto che la maleducazione su Internet, da parte degli oleari, è alquanto invadente.

Partecipando, volontariamente o meno, in vari gruppi social (in molti dei quali sono stato però inserito senza che nessuno mi abbia mai chiesto il permesso), noto - debbo confessare: con un certo fastidio - che ci sono alcuni molestatori che appartengono e operano all’interno del mondo dell’olio, che utilizzano in maniera impropria il meraviglioso strumento di Internet come fosse casa di tutti, dove chiunque può prendersi confidenza e fare quel che più gli pare conveniente per sé.

Ebbene, ritengo che questo atteggiamento sia quanto mai deprecabile, e mi auguro vivamente che tutti si oppongano all'invadenza dei maleducati, altrimenti a rimetterci, in tutto ciò, è proprio il mondo dell’olio.

Fare comunicazione significa farla bene, e soprattutto farla con moderazione, senza esagerare con effetti spettacolari, e, prima di ogni cosa, senza in particolare effettuare invasioni di campo.
Basta, insomma, con l’ansia da prestazione, insistendo ad ogni costo nell’imporre qualcosa di personale agli altri. La notizia che si vuol far circolare, deve circolare nel modo giusto, altrimenti è solo molestia, nient’altro che molestia, ovverosia: nulla di importante.

Purtroppo, occorre ammetterlo, sono proprio i molestatori perditempo (non gli oleari seri, quelli che dedicano il proprio tempo al lavoro, e non al cazzeggio) la parte funesta di Internet, luogo in cui trovano spazio soprattutto i creatori di fake news. È questo l'aspetto fallace di Internet. Sta tutto nel concedere spazio a chicchessia, senza dare valore alla qualità delle comunicazioni.

Luigi Caricato - 13-06-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Scegliere le capsule giuste, per vestire bene le bottiglie d’olio, aceto e vino

Scegliere le capsule giuste, per vestire bene le bottiglie d’olio, aceto e vino

Nessuna rottura o imprecisione al momento dello strappo della linguetta. Ogni volta lo strappo è preciso e puntuale, e anche la termoretrazione è migliorata, permettendo un’ottima aderenza della capsula alla bottiglia. B.E.E.S., acronimo di Best Enoplastic Environmental Solution, è il nuovo materiale per capsule termoretraibili, un’ottima alternativa al PVC e al PET

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Regole precise per considerare i claim degli oli da olive

Il segreto della longevità? La scienza lo ha dimostrato: l’olio extra vergine di oliva fa parte di questa “ricetta” di lunga vita. Si tratta di uno degli approfondimenti affrontati nella lectio magistralis tenuta di recente a Milano dal prof. Gabriele Riccardi, ordinario di Endocrinologia all'università Federico II di Napoli e diabetologo, oltre che specialista della nutrizione umana. Nostra intervista allo studioso, membro del Comitato scientifico dell’Istituto Nutrizionale Carapelli onlus

BIBLIOTECA OLEARIA
Una biblioteca olearia per ogni azienda

Una biblioteca olearia per ogni azienda

Cosa hanno gli olivicoltori, i frantoiani, i confezionatori d'olio nelle proprie aziende? Sono forniti di libri e riviste sui temi che concernono il proprio lavoro?