Giovedì 21 Febbraio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

La mediocrità delle classi dirigenti

Alfonso Pascale

Quello che avviene in questi giorni in Europa dopo Brexit ci fa impietosamente toccare con mano la mediocrità delle nostre classi dirigenti. Il Regno Unito ha deciso con un referendum di uscire dall'Unione. Per conseguire il risultato, i gruppi dirigenti di quel paese non si sono fatti scrupolo di ricorrere addirittura alla menzogna.

Il premier che ha voluto il referendum non ha notificato agli organi dell'Unione la decisione, chiara e lineare, assunta dal popolo britannico, ma si è semplicemente dimesso. Chi lo ha sostituito non ha ancora ottemperato a quanto esplicitamente previsto nei Trattati (notifica della decisione) e se ne va, invece, in giro per le capitali europee.

I capi di governo litigano con la Commissione su chi deve condurre il negoziato per l'uscita del Regno Unito dall'Unione e ci si divide se il confronto debba essere inflessibile o morbido. In realtà ognuno è preoccupato dell'impatto che il negoziato avrà nel proprio paese, ma nessuno pensa all'Europa.

La Merkel sogna il ritorno al direttorio, che è l'antitesi del progetto di integrazione pensato a Roma nel 1957, e prevale la logica del club tra paesi indisponibili a cedere quote di sovranità ad un'autorità istituzionale legittimata democraticamente.

Solo il governo italiano oggi appare il soggetto più credibile per proporre una soluzione che ci faccia fare un passo avanti verso un'unione politica: promuovere una leadership istituzionale, democraticamente legittimata, per condurre il negoziato. Solo in tal modo si potrà contrastare il ruolo disintegrativo delle leadership nazionali.

Perché intorno a questa iniziativa del nostro paese non debba costruirsi un ampio consenso degli italiani?

Alfonso Pascale - 02-08-2016 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Sharis 2017, di Livio Felluga

Il vino della settimana: Sharis 2017, di Livio Felluga

Un vino dagli aromi floreali, di agrumi, sambuco, e molto minerale, che merita i soldi spesi. Acquistato al supermercato, è il frutto di uve Chardonnay e Ribolla. Adatto, peraltro, con pesce e carni bianche alla griglia > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Antipasti caldi e freddi. A scuola di cucina dai Salvagno

Antipasti caldi e freddi. A scuola di cucina dai Salvagno

Protagonista lo chef Eugenio Ghiraldi con un nuovo appuntamento de "I corsi pratici di cucina in Frantoio... per stupire con gusto". Conoscere, capire ed applicare i segreti della buona cucina imparando a scoprire i prodotti del territorio, tra stagionalità, semplicità e gusto.

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il prezzo delle bottiglie d'olio in commercio

L'analisi dei costi di produzione secondo l'esperto di marketing Massimo Occhinegro mette in luce, a partire da uno studio del Consiglio oleicolo internazionale, i reali costi che una azienda deve sostenere per produrre il prezioso olio extra vergine di oliva. Da qui diventa chiaro a quale prezzo può essere immessa in commercio una bottiglia d'olio. Una intervista di Cinzia Boschiero

BIBLIOTECA OLEARIA
Dop Garda. L'olio e il suo lago

Dop Garda. L'olio e il suo lago

Il numero 7 dell’annuario Olio Officina Almanacco quest'anno si presenta con una veste completamente rinnovata. Stesso formato, stesso numero di pagine, 96, ma con un taglio monografico, interamente dedicato all'olio gardesano e al suo territorio. Inizia così la nuova serie della rivista, dando spazio e rilievo ogni anno a un territorio altamente vocato all'olivicoltura di qualità