Mercoledì 16 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

La ricerca in Italia. Non ci resta che sperare

Francesco Visioli

Io sono in una posizione particolare, nell’ambito della ricerca agro-alimentare: perchè mi occupo dell’effetto dei prodotti vegetali (e dei loro derivati) sulla salute umana. Ne so quindi poco di agronomia, politiche agricole, investimenti ecc.

Quello che so è che l’Italia è ricca di eccellenze non sfruttate. La Commissione Europea classifica l’Italia come un “innovatore moderato”, al di sotto della media europea.
Ci sono forti disparità a livello regionale e un disinteresse della politica che sfiora lo scandaloso.

Anche l’Ambrosetti Innosystem Index vede l’Italia ultima in un campione internazionale. Non siamo un Paese con materie prime, con petrolio, con industrie manifatturiere di basso livello che possano esportare a prezzi competitivi. Siamo però un Paese con poche realtà economiche sfruttabili, ma di alto livello (penso all’industria del lusso – anche automobilistico – agli artigiani, all’abbigliamento).

Nel turismo siamo crollati, ma anche per l’agroalimentare ce la stiamo mettendo tutta per farci del male. Poca fiducia in noi stessi, molta litigiosità, corporativismo, invidie, interessi personali anteposti a quelli della comunità.

Credo sia ora di smetterla con i proclami e passare ai fatti: investimenti mirati, rendicontati, valutati per vedere se hanno reso (in termini economici, ma ancora di più in termini di innovazione), filiere disegnate per efficienza e qualità del prodotto finale e molte altre cose.

Tra l’altro iniziare è facile, basta copiare la Spagna e migliorarla. Altrimenti, se non ci diamo una mossa, non potremo mai sfruttare il grande patrimonio di conoscenza tramandato da generazioni e migliorabile grazie alla ricerca.

Non ci resta che sperare…

 

Francesco Visioli - 13-10-2015 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

mario de angelis

15:46 | 14 ottobre 2015

ma che vogliamo parlare di ricerca se stanno "ricercando" di chiudere l'Istituto Sperimentale per la Elaiotecnica di Città Sant'Angelo (PE)!!!! Poi per sapere qualcosa sull'olio EVO o sulle Olive da tavola ci rivolgiamo al Ministero oppure all'Istituto di Siviglia!!! Scegliete voi!!!

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

Forte dei suoi ventisette anni di esperienza nel settore F&B e conserviero, si prepara a entrare nel mondo dell’olio con l’obiettivo di presidiare la qualità dei brand storici italiani del gruppo, tra cui Carapelli, Bertolli, Sasso e Friol, e di proseguire con lo sviluppo di prodotti premium e il percorso di valorizzazione della categoria

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo