Giovedì 19 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

La sedia lasciata vuota

Alfonso Pascale

Sulle vicende della Coldiretti e dei suoi dirigenti più volte è stata esercitata la satira politica per mettere in risalto magagne e vizi dell'organizzazione. Quando Mario Melloni incominciò il 12 dicembre 1967 la collaborazione con "l'Unità", scrivendo corsivi in prima pagina con lo pseudonimo di Fortebraccio, il suo primo bersaglio fu proprio il capo della Coldiretti, Paolo Bonomi: "Ha parlato a Firenze ed è stato, sia detto tra parentesi, un bel sollievo per le altre città...".

Ma chi più di tutti faceva arrabbiare Bonomi, in un modo tremendo, perché lo sfotteva negli articoli sul "Mondo" era Ernesto Rossi, un democratico ribelle che si batteva per un'esigenza morale e per un ideale di civiltà, indipendentemente dai risultati. Il tema era la Federconsorzi e i conti che non tornavano. Egli conosceva bene i novellieri del Cinquecento, che gli davano lo spunto per usare un'ironia che non diventava mai sarcasmo volgare ma era efficacissima. Bonomi si arrabbiava assai perché era impotente a rispondere con lo stesso stile. E più si arrabbiava e più Rossi o utilizzava i novellieri oppure inventava egli stesso delle barzellette ad hoc.

Anche Giancarlo Pajetta si divertì per un'intera campagna elettorale, quella del 1963, ad attaccare Bonomi, prendendolo in giro in modo esilarante. E' rimasta famosa una trasmissione di Tribuna politica, in cui il capo della Coldiretti non si presentò e prestò il fianco al velenoso sarcasmo del tribuno comunista che si rivolse per tutto il tempo a sua disposizione alla sedia lasciata vuota da Bonomi.

Il giornalista Luigi Caricato e il vignettista Valerio Marini tornano oggi a colpire con l'arma dell'ironia i dirigenti attuali della Coldiretti e i politici più in vista che si occupano di agricoltura. Un modo per sorridere e riflettere sui vizi antichi della nostra classe dirigente; vizi che, come un fiume carsico, riemergono ciclicamente nel nostro Paese.

Alfonso Pascale - 28-07-2015 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo