Giovedì 18 Gennaio 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

La sedia lasciata vuota

Alfonso Pascale

Sulle vicende della Coldiretti e dei suoi dirigenti più volte è stata esercitata la satira politica per mettere in risalto magagne e vizi dell'organizzazione. Quando Mario Melloni incominciò il 12 dicembre 1967 la collaborazione con "l'Unità", scrivendo corsivi in prima pagina con lo pseudonimo di Fortebraccio, il suo primo bersaglio fu proprio il capo della Coldiretti, Paolo Bonomi: "Ha parlato a Firenze ed è stato, sia detto tra parentesi, un bel sollievo per le altre città...".

Ma chi più di tutti faceva arrabbiare Bonomi, in un modo tremendo, perché lo sfotteva negli articoli sul "Mondo" era Ernesto Rossi, un democratico ribelle che si batteva per un'esigenza morale e per un ideale di civiltà, indipendentemente dai risultati. Il tema era la Federconsorzi e i conti che non tornavano. Egli conosceva bene i novellieri del Cinquecento, che gli davano lo spunto per usare un'ironia che non diventava mai sarcasmo volgare ma era efficacissima. Bonomi si arrabbiava assai perché era impotente a rispondere con lo stesso stile. E più si arrabbiava e più Rossi o utilizzava i novellieri oppure inventava egli stesso delle barzellette ad hoc.

Anche Giancarlo Pajetta si divertì per un'intera campagna elettorale, quella del 1963, ad attaccare Bonomi, prendendolo in giro in modo esilarante. E' rimasta famosa una trasmissione di Tribuna politica, in cui il capo della Coldiretti non si presentò e prestò il fianco al velenoso sarcasmo del tribuno comunista che si rivolse per tutto il tempo a sua disposizione alla sedia lasciata vuota da Bonomi.

Il giornalista Luigi Caricato e il vignettista Valerio Marini tornano oggi a colpire con l'arma dell'ironia i dirigenti attuali della Coldiretti e i politici più in vista che si occupano di agricoltura. Un modo per sorridere e riflettere sui vizi antichi della nostra classe dirigente; vizi che, come un fiume carsico, riemergono ciclicamente nel nostro Paese.

Alfonso Pascale - 28-07-2015 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Premio De@Terra 2017 a Francesca Petrini

Premio De@Terra 2017 a Francesca Petrini

La nota azienda marchigiana è particolarmente sensibile al tema salutistico, tanto che qualche anno fa ha realizzato il primo olio funzionale al mondo, il Petrini plus - brevettato - con le vitamine D3, K1 e B6, atte a favorire l’assorbimento e la fissazione del calcio nelle ossa, dagli effetti comprovati da tests clinici

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La genesi dell'oliva

In un video emozionale e insieme documentaristico l'azienda veneta Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese, fa comprendere a chi non ha confidenza con il frutto dell'oliva, come si forma e si struttura il frutto ne corso dei mesi e come alla fine nasca l'olio extra vergine, quello a marchio Garda Dop Turri di varietà Casaliva

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2018, le migliori selezioni

Evooleum 2018, le migliori selezioni

Pur essendo alla sua seconda edizione, si è imposta all’attenzione come se si trattasse della guida di riferimento per tutti i buyer, chef ma anche per gli stessi estimatori del prezioso succo di olive. È non a caso la guida più importante e autorevole, tra quelle finora editate nel mondo. Si concentra solo sui 100 migliori extra vergini, vantando una giuria di esperti di altissimo livello > Luigi Caricato