Lunedì 09 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

La vendita diretta non sia prigioniera di un brand

Alfonso Pascale

Un giornalismo non d'accatto ma d'inchiesta scoprirebbe che dietro lo scontro tra la Coldiretti e l'amministrazione capitolina (in cui la giunta Raggi è solo una miserevole comparsa) ci sono interessi inconfessabili che partono dalla giunta Alemanno e dall'assessore al bilancio dell'epoca, Ezio Castiglione, passato all'improvviso, dopo appena un anno, alla carica, appositamente predisposta per lui, di segretario nazionale economico sindacale della Coldiretti, per poi tornare nel 2014 all'Ismea, non più come direttore ma come presidente. Da un anno ha litigato con Martina ed è sparito. Non sappiamo in che veste resusciterà all'improvviso. Ma se c'è chi l'ha visto da qualche parte, ce lo faccia sapere. Così ci prepariamo alla sua ricomparsa.

"Campagna Amica" è un esempio di opportunistico e mistificante uso di nuove sensibilità che attraversano la società contemporanea, che un giornalismo non d'accatto ma d'inchiesta dovrebbe aiutarci a capire e non a coprire.

La modalità con cui la Coldiretti presenta i propri mercatini snatura l'idea di fondo da cui nasce - dagli anni '70 in poi - la "vendita diretta" come reinvenzione della relazione personalizzata tra chi vende e chi acquista un prodotto nella fase post-fordista e nella nuova ruralità. Tutte le forme di vendita diretta - che si sono sperimentate negli ultimi decenni - costituiscono un modo di "resistere" alle forme moderne di distribuzione e riscoprono un rapporto "intimo" tra le persone che acquistano e i produttori.

Non già un ritorno al passato, ma la reinvenzione, in forme attuali, di una relazione fiduciaria che sostituisce altre forme ritenute non soddisfacenti perché fondate sulla spersonalizzazione dello scambio economico. Ma questo rapporto "intimo" non può essere "coperto" da un brand, dalla bandiera di chi organizza il servizio, svilendo la relazione personale che deve nascere tra il cittadino che si avvicina al banco e l'agricoltore che dovrebbe essere presente con tutta la sua personalità, non nascosto in un involucro che lo rende anonimo.

Questo modello tradisce il fine della "vendita diretta post-fordista" e banalizza un'innovazione. Serve soltanto a conseguire l'obiettivo di accrescere il valore del brand, veicolandolo attraverso i media, così come d'altronde sta avvenendo in questi giorni.

C'è da scommettere che la soluzione tra qualche giorno sarà la proroga dell'assegnazione clientelare fatta a suo tempo dalla giunta Alemanno. Ma se si vuole invece davvero un mercatino al Circo Massimo, perché le forze politiche di maggioranza e opposizione non si cimentano con la formulazione di un bando che metta al centro l'idea originaria della "vendita diretta" e, cioè, l'intimità della relazione culturale, ancorché economica, tra produttore e cittadino senza che nulla possa ostacolarne la genuinità dell'esperienza personale vissuta tra i due soggetti? E' così difficile?

Alfonso Pascale - 14-02-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

Si è conclusa la prima edizione dedicata agli extra vergine con attestazione di origine prodotti nel corso dell’olivagione 2019

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora