30 Aprile 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

La vendita diretta non sia prigioniera di un brand

Alfonso Pascale

Un giornalismo non d'accatto ma d'inchiesta scoprirebbe che dietro lo scontro tra la Coldiretti e l'amministrazione capitolina (in cui la giunta Raggi è solo una miserevole comparsa) ci sono interessi inconfessabili che partono dalla giunta Alemanno e dall'assessore al bilancio dell'epoca, Ezio Castiglione, passato all'improvviso, dopo appena un anno, alla carica, appositamente predisposta per lui, di segretario nazionale economico sindacale della Coldiretti, per poi tornare nel 2014 all'Ismea, non più come direttore ma come presidente. Da un anno ha litigato con Martina ed è sparito. Non sappiamo in che veste resusciterà all'improvviso. Ma se c'è chi l'ha visto da qualche parte, ce lo faccia sapere. Così ci prepariamo alla sua ricomparsa.

"Campagna Amica" è un esempio di opportunistico e mistificante uso di nuove sensibilità che attraversano la società contemporanea, che un giornalismo non d'accatto ma d'inchiesta dovrebbe aiutarci a capire e non a coprire.

La modalità con cui la Coldiretti presenta i propri mercatini snatura l'idea di fondo da cui nasce - dagli anni '70 in poi - la "vendita diretta" come reinvenzione della relazione personalizzata tra chi vende e chi acquista un prodotto nella fase post-fordista e nella nuova ruralità. Tutte le forme di vendita diretta - che si sono sperimentate negli ultimi decenni - costituiscono un modo di "resistere" alle forme moderne di distribuzione e riscoprono un rapporto "intimo" tra le persone che acquistano e i produttori.

Non già un ritorno al passato, ma la reinvenzione, in forme attuali, di una relazione fiduciaria che sostituisce altre forme ritenute non soddisfacenti perché fondate sulla spersonalizzazione dello scambio economico. Ma questo rapporto "intimo" non può essere "coperto" da un brand, dalla bandiera di chi organizza il servizio, svilendo la relazione personale che deve nascere tra il cittadino che si avvicina al banco e l'agricoltore che dovrebbe essere presente con tutta la sua personalità, non nascosto in un involucro che lo rende anonimo.

Questo modello tradisce il fine della "vendita diretta post-fordista" e banalizza un'innovazione. Serve soltanto a conseguire l'obiettivo di accrescere il valore del brand, veicolandolo attraverso i media, così come d'altronde sta avvenendo in questi giorni.

C'è da scommettere che la soluzione tra qualche giorno sarà la proroga dell'assegnazione clientelare fatta a suo tempo dalla giunta Alemanno. Ma se si vuole invece davvero un mercatino al Circo Massimo, perché le forze politiche di maggioranza e opposizione non si cimentano con la formulazione di un bando che metta al centro l'idea originaria della "vendita diretta" e, cioè, l'intimità della relazione culturale, ancorché economica, tra produttore e cittadino senza che nulla possa ostacolarne la genuinità dell'esperienza personale vissuta tra i due soggetti? E' così difficile?

Alfonso Pascale - 14-02-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il mio nome è Italo

Il mio nome è Italo

Un extra vergine abruzzese, frutto di un blend di oli ottenuti da ben cinque cultivar, tra cui la celebre Dritta. All’assaggio l’olio si presenta morbido, senza venir meno alle connotazioni fruttate, che gli attribuiscono corpo e personalità. Versatile, dall'ottimo rapporto qualità, prezzo e rendimento. Reca la firma Fattoria del Torquato > Luigi Caricato

RICETTE OLIOCENTRICHE
Zuppa di cipolla… egiziana ligure

Zuppa di cipolla… egiziana ligure

Ormai è una tappa fissa. Questo bulbo sta diventando un must. Basta poco per gioire dei sapori semplici. Sono sufficienti gli ingredienti essenziali, facili da reperire > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Il sepolcro vuoto

Il sepolcro vuoto

Maria di Magdala. Gli evangelisti ne parlano come una delle donne che accompagnavano e assistevano Gesù e che furono presenti nei momenti drammatici della sua passione e morte. Di lei in particolare si precisa, per ben due volte, che era stata liberata da sette demoni > Sante Ambrosi

GIRO WEB
I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

Ha riscontrato un grande successo la webserie di cui è testimonial, in veste di mamma, moglie e imprenditrice, la stessa titolare della nota azienda olearia umbra. Se vogliamo collocarla sulla quantità di visualizzazioni, ne ha ottenute oltre 100 mila, ma anche sul fronte dell’efficacia qualitativa spicca per originalità e inventiva > Maria Carla Squeo

OO VIDEO

In grazia di Dio, la vita al tempo della crisi

Un momento dell'incontro con il regista Edoardo Winspeare, nell'ambito di Olio Officina Festival 2014, dove aveva presentato il suo ultimo film, con il quale ha partecipato, per l'Italia, al festival di Berlino. In questa pellicola, il regista racconta di una famiglia costretta dalla crisi a chiudere l'azienda e a trasferirsi in campagna. Nonostante le difficoltà e le asprezze della vita nei campi, i protagonisti ritrovano le serenità e il senso della vita comunitaria (Prima parte)

BIBLIOTECA OLEARIA
Tre autori per un libro. Protagonista l’olio extra vergine di oliva

Tre autori per un libro. Protagonista l’olio extra vergine di oliva

Sono Marco Larentis, Simona De Nicola e Stefano Bonamico, a firmare un libro illustrato per le edizioni Hoepli. Diventato un prodotto "cult della moderna interpretazione della alimentazione consapevole”, il succo di olive è ormai al centro dell’attenzione generale > Luigi Caricato