Mercoledì 20 Giugno 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

La vera posta in gioco

Alfonso Pascale

La Conferenza sul Clima, svoltasi a Parigi dal 30 novembre al 12 dicembre 2015, si è conclusa quando il ministro degli esteri francese ha battuto sul banco della presidenza un “piccolo martello che può fare grandi cose”. Ma l’entusiasmo delle prime ore successive alla conclusione di una faticosissima discussione durata giorni e notti insonni già si va affievolendo. E si approfondiscono le analisi dell’accordo, entrando nei minimi dettagli.

Quello di Kyoto fu ratificato solo dagli stati che rappresentavano il 12% del totale delle emissioni. Nel 2005, dopo lunghe dispute, 152 paesi sottoscrissero l’accordo, obbligandosi a limitare l’emissione di gas serra tra il 2008 e il 2012. Il protocollo era stato stilato nella città giapponese nel 1997, dove solo 35 paesi industrializzati avevano assunto impegni di taglio delle emissioni. A ratificarlo furono in pochi: tra gli altri, l’Italia, ma non grandi paesi come l’India e la Cina; e soprattutto vennero meno gli Stati Uniti, che avevano stracciato l’accordo con l’arrivo di Bush alla Casa Bianca.

Parigi può e deve essere considerato il punto di partenza di un nuovo quadro e di un nuovo percorso internazionali: questa volta hanno firmato l’accordo 195 paesi e l’Unione europea, che ha negoziato finalmente con una voce sola. Si va dall’obiettivo dell’1.5 gradi a tassative verifiche quinquennali sui risultati raggiunti, con la previsione di correzioni al rialzo. Si istituisce il fondo da 100 miliardi di dollari da incrementare nel periodo successivo.

Gli impegni al contenimento del riscaldamento, tuttavia, sono ancora di tipo volontario. E questo è un limite. Ma è stata inserita una clausola importante: l’accordo entrerà in vigore quando sarà ratificato da 55 nazioni che rappresentino almeno il 55% delle emissioni globali. Quando questa circostanza si verificherà, sarà tale la pressione su gli altri che il nuovo quadro giuridico verrà a configurarsi, di fatto, come una sorta di obbligatorietà. Essendo il tutto nella configurazione istituzionale dell’ONU, non sono previste sanzioni. Il ruolo e la forza di vigilanza e di controllo sociale delle società civili resteranno centrali e costituiranno anche una valore democratico e di crescita civile, su scala mondiale.

La vera posta in gioco sarà la combinazione virtuosa tra tecnologie sempre più appropriate per la decarbonizzazione dei processi produttivi e stili di vita coerenti e impegnativi. Il mondo si è rimesso in movimento: nessuno potrà più sfuggire alle proprie, specifiche responsabilità.

 

Alfonso Pascale - 15-12-2015 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Diventare dei bravi e competenti assaggiatori di olive? Si può

Diventare dei bravi e competenti assaggiatori di olive? Si può

Dal 27 al 29 giugno, un corso realizzato secondo i criteri e le modalità stabiliti dalle linee guida per la formazione dei panel leader e dei giudici di analisi sensoriale delle olive da tavola del Consiglio Oleicolo Internazionale a Bologna, a cura dell'Università di Bologna e Serinar, con la regia del panel leader Coi Roberto De Andreis

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La cultura dell’olio attraverso gli chef

Il mondo della ristorazione oggi è molto vivace, dinamico e attento. A sostenerlo, in una intervista rilasciata nell’ambito della prima edizione del Forum Olio & Ristorazione (a Milano, il 28 maggio 2018), è stata Maria Francesca Di Martino. Preziose le sue considerazioni, molto utili al fine di capire come procedere con un corretto impiego degli oli extra vergini di oliva in cucina. Ed ecco allora, dalla Puglia, gli oli a marchio “Schinosa”: gli extra vergini da olive Coratina, più complessi e non adatti a tutti gli utilizzi, e quelli ottenuti invece dalla cultivar Peranzana, molto più morbidi e facili da abbinare

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese