19 Gennaio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Le conseguenze di un’agricoltura arrampicata

Alfonso Pascale

Lo scrittore e agronomo Antonio Pascale in una intervista video (“L'orto di Pinocchio e quello di Masterchef”) rilasciata ad Alessandro Leogrande dice che il problema dell'agricoltura italiana è la frammentazione aziendale. A tale conclusione pervenne anche l'inchiesta parlamentare sulle condizioni delle campagne, coordinata da Stefano Jacini dal 1881 al 1886. Ma da allora ogni tentativo di accrescere in modo significativo le dimensioni aziendali è sempre naufragato. Questo sta a dimostrare che l'assetto fondiario polverizzato è una caratteristica strutturale dell'agricoltura del nostro paese e difficilmente si può superare. Anzi, non è auspicabile un suo superamento.

Emilio Sereni distingueva il paesaggio agrario italiano definendolo "verticale", rispetto alla "orizzontalità" che dominava e domina nei paesaggi europei, segnati dall'estesa presenza delle pianure. Questa nostra "agricoltura arrampicata" può reggersi solo con questo assetto fondiario polverizzato. Ogni tentativo di allargare la maglia poderale è destinato a fallire perché non c'è la convenienza a farlo. E soprattutto una media più elevata della dimensione aziendale sarebbe incompatibile con il mantenimento dei nostri paesaggi rurali storici.

Nei secoli passati, la frammentazione era gestita mediante sistemi territoriali efficienti: mezzadrili e colonici. Quei sistemi locali non hanno potuto più reggere perché avevano alcuni caratteri inaccettabili sul piano sociale e civile. Ma oggi, in una condizione di relativo benessere e non più di miseria e di tendenziale parità di condizioni tra proprietari e concessionari, si potrebbero rivitalizzare i contratti associativi, adeguatamente ammodernati, per far convivere i "fazzoletti di terra" con efficienti imprese agricole di servizi alle comunità e ai territori, tecnologicamente attrezzate e non legate alla dimensione della base fondiaria.
Si dovrebbero, però, perseguire delle chiare scelte sul piano normativo per costituire moderni sistemi locali di soggetti legati tra loro con contratti flessibili e istituendo l'impresa agricola di servizi che sostituirebbe l'antica fattoria o masseria dei sistemi mezzadrili e colonici dei secoli scorsi.

Come dice Giacomo Becattini, è sbagliato lo slogan "piccolo è bello"; ma esso non va sostituito con "grande è bello", bensì con "intimo è bello". E' l'intimità delle relazioni tra i diversi soggetti di un sistema territoriale il segreto dell'efficienza. Ma ci vuole piena consapevolezza che è la qualità delle relazioni e delle collaborazioni la strada maestra per tenere insieme la vividezza delle comunità locali, la bellezza dei paesaggi storici e l'efficienza economica.

Alfonso Pascale - 08-03-2016 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
“Ieri è oggi e anche domani”, il nuovo romanzo di Monica Sommacampagna

“Ieri è oggi e anche domani”, il nuovo romanzo di Monica Sommacampagna

Edito da il Seme Bianco, è il terzo romanzo per l’autrice. Una prima presentazione di questo suo nuovo libro, si svolgerà giovedì 16 gennaio alle ore 18 presso la Feltrinelli Libri e Musica a Verona, in Via Quattro Spade 2. L’autrice dialogherà con la giornalista de L’Arena Laura Perina e inoltre ci sarà un reading realizzato da Isabella Caserta, direttrice artistica del Teatro Scientifico – Teatro Laboratorio e attrice, in modo tale da rendere più appassionanti le parti più vivaci e toccanti del romanzo. Alla fine dell’incontro, si potranno degustare i vini biologici dell’azienda vitivinicola La Cappuccina.

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo