Lunedì 19 Novembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Le conseguenze di un’agricoltura arrampicata

Alfonso Pascale

Lo scrittore e agronomo Antonio Pascale in una intervista video (“L'orto di Pinocchio e quello di Masterchef”) rilasciata ad Alessandro Leogrande dice che il problema dell'agricoltura italiana è la frammentazione aziendale. A tale conclusione pervenne anche l'inchiesta parlamentare sulle condizioni delle campagne, coordinata da Stefano Jacini dal 1881 al 1886. Ma da allora ogni tentativo di accrescere in modo significativo le dimensioni aziendali è sempre naufragato. Questo sta a dimostrare che l'assetto fondiario polverizzato è una caratteristica strutturale dell'agricoltura del nostro paese e difficilmente si può superare. Anzi, non è auspicabile un suo superamento.

Emilio Sereni distingueva il paesaggio agrario italiano definendolo "verticale", rispetto alla "orizzontalità" che dominava e domina nei paesaggi europei, segnati dall'estesa presenza delle pianure. Questa nostra "agricoltura arrampicata" può reggersi solo con questo assetto fondiario polverizzato. Ogni tentativo di allargare la maglia poderale è destinato a fallire perché non c'è la convenienza a farlo. E soprattutto una media più elevata della dimensione aziendale sarebbe incompatibile con il mantenimento dei nostri paesaggi rurali storici.

Nei secoli passati, la frammentazione era gestita mediante sistemi territoriali efficienti: mezzadrili e colonici. Quei sistemi locali non hanno potuto più reggere perché avevano alcuni caratteri inaccettabili sul piano sociale e civile. Ma oggi, in una condizione di relativo benessere e non più di miseria e di tendenziale parità di condizioni tra proprietari e concessionari, si potrebbero rivitalizzare i contratti associativi, adeguatamente ammodernati, per far convivere i "fazzoletti di terra" con efficienti imprese agricole di servizi alle comunità e ai territori, tecnologicamente attrezzate e non legate alla dimensione della base fondiaria.
Si dovrebbero, però, perseguire delle chiare scelte sul piano normativo per costituire moderni sistemi locali di soggetti legati tra loro con contratti flessibili e istituendo l'impresa agricola di servizi che sostituirebbe l'antica fattoria o masseria dei sistemi mezzadrili e colonici dei secoli scorsi.

Come dice Giacomo Becattini, è sbagliato lo slogan "piccolo è bello"; ma esso non va sostituito con "grande è bello", bensì con "intimo è bello". E' l'intimità delle relazioni tra i diversi soggetti di un sistema territoriale il segreto dell'efficienza. Ma ci vuole piena consapevolezza che è la qualità delle relazioni e delle collaborazioni la strada maestra per tenere insieme la vividezza delle comunità locali, la bellezza dei paesaggi storici e l'efficienza economica.

Alfonso Pascale - 08-03-2016 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Fare squadra. È l'ambizioso obiettivo che è stato sottoscritto dal presidente e ad Carapelli Firenze SpA Pierluigi Tosato, del gruppo Deoleo, e dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino. L'accordo è stato siglato a Roma e punta su innovazione e sviluppo del mercato degli oli extra vergini  di oliva di qualità superiore. 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti