Venerdì 29 Luglio 2016 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Le conseguenze di un’agricoltura arrampicata

Alfonso Pascale

Lo scrittore e agronomo Antonio Pascale in una intervista video (“L'orto di Pinocchio e quello di Masterchef”) rilasciata ad Alessandro Leogrande dice che il problema dell'agricoltura italiana è la frammentazione aziendale. A tale conclusione pervenne anche l'inchiesta parlamentare sulle condizioni delle campagne, coordinata da Stefano Jacini dal 1881 al 1886. Ma da allora ogni tentativo di accrescere in modo significativo le dimensioni aziendali è sempre naufragato. Questo sta a dimostrare che l'assetto fondiario polverizzato è una caratteristica strutturale dell'agricoltura del nostro paese e difficilmente si può superare. Anzi, non è auspicabile un suo superamento.

Emilio Sereni distingueva il paesaggio agrario italiano definendolo "verticale", rispetto alla "orizzontalità" che dominava e domina nei paesaggi europei, segnati dall'estesa presenza delle pianure. Questa nostra "agricoltura arrampicata" può reggersi solo con questo assetto fondiario polverizzato. Ogni tentativo di allargare la maglia poderale è destinato a fallire perché non c'è la convenienza a farlo. E soprattutto una media più elevata della dimensione aziendale sarebbe incompatibile con il mantenimento dei nostri paesaggi rurali storici.

Nei secoli passati, la frammentazione era gestita mediante sistemi territoriali efficienti: mezzadrili e colonici. Quei sistemi locali non hanno potuto più reggere perché avevano alcuni caratteri inaccettabili sul piano sociale e civile. Ma oggi, in una condizione di relativo benessere e non più di miseria e di tendenziale parità di condizioni tra proprietari e concessionari, si potrebbero rivitalizzare i contratti associativi, adeguatamente ammodernati, per far convivere i "fazzoletti di terra" con efficienti imprese agricole di servizi alle comunità e ai territori, tecnologicamente attrezzate e non legate alla dimensione della base fondiaria.
Si dovrebbero, però, perseguire delle chiare scelte sul piano normativo per costituire moderni sistemi locali di soggetti legati tra loro con contratti flessibili e istituendo l'impresa agricola di servizi che sostituirebbe l'antica fattoria o masseria dei sistemi mezzadrili e colonici dei secoli scorsi.

Come dice Giacomo Becattini, è sbagliato lo slogan "piccolo è bello"; ma esso non va sostituito con "grande è bello", bensì con "intimo è bello". E' l'intimità delle relazioni tra i diversi soggetti di un sistema territoriale il segreto dell'efficienza. Ma ci vuole piena consapevolezza che è la qualità delle relazioni e delle collaborazioni la strada maestra per tenere insieme la vividezza delle comunità locali, la bellezza dei paesaggi storici e l'efficienza economica.

Alfonso Pascale - 08-03-2016 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
L’olio Social, quello con la lettera “i” al rovescio

L’olio Social, quello con la lettera “i” al rovescio

E’ un olio da agricoltura biologica certificato Icea, da olive Rotondella e Leccino, prodotto dalla Cooperativa sociale Capovolti, una onlus con sede operativa in Campania, a Montecorvino Pugliano, in provincia di Salerno. Proprio nel cuore dei Monti Picentini > Luigi Caricato

RICETTE OLIOCENTRICHE
Girello di pesce sciabola

Girello di pesce sciabola

Poche ed essenziali indicazioni, nella ricetta di Antonio Vitale, chef all'Atletico Farina, di  Marina di Ragusa. L'olio extra vergine di oliva da utilizzare? Ovviamente siciliano, possibilmente ragusano: per esempio un monovarietale Tonda Iblea: e magari anche un Dop Monti Iblei. Perché no?

EXTRA MOENIA
Atletico Farina

Atletico Farina

A Marina di Ragusa vi è qualcosa di inedito e insolito: un concept originale che introduce una nuova idea di locale. Quando infatti il caffè incontrò un tempo il calcio, divenne per tutti "bar sport”; ma ora, quando il bar sport si è da poco trasformato in ristorante (ma anche pizzeria, american bar e piscina) non si può più chiamare "ristorante sport”. Vi pare? > Nicola Dal Falco

GIRO WEB
La voce di chi crede nell’olivicoltura

La voce di chi crede nell’olivicoltura

“Benvenuti su InfoXylella”, è in questo modo che alcuni imprenditori e studiosi si aprono al mondo dei social per ritagliarsi un proprio spazio, difendendosi da chi ne ha usurpato per mesi ruolo e centralità, fingendosi amanti dell’olivo ma senza minimamente preoccuparsi delle sorti dell’olivicoltura. Per ora è una pagina facebook, a breve anche un sito internet di pura e corretta informazione

OO VIDEO
loading...

L'olfatto secondo il filosofo Sossio Giametta

Luigi Caricato incontra l'autore di volumi come Il bue squartato e altri macelli, L'oro prezioso dell'essere e Cortocircuiti e discorre intorno ai temi dei piaceri del buon cibo e dell'arte culinaria

BIBLIOTECA OLEARIA
Racconti a macchia d’olio

Racconti a macchia d’olio

E’ stata pubblicata fresca di stampa un’antologia di piccole storie quotidiane di cui sono autori gli stessi protagonisti della filiera. Le micro narrazioni fanno parte di un contest letterario organizzato dall’Università di Bari "Aldo Moro" e si sono concretizzate in un volume a cura di Maria Lisa Clodoveo e Maria Antonietta Colonna