Venerdì 23 Giugno 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Le conseguenze di un’agricoltura arrampicata

Alfonso Pascale

Lo scrittore e agronomo Antonio Pascale in una intervista video (“L'orto di Pinocchio e quello di Masterchef”) rilasciata ad Alessandro Leogrande dice che il problema dell'agricoltura italiana è la frammentazione aziendale. A tale conclusione pervenne anche l'inchiesta parlamentare sulle condizioni delle campagne, coordinata da Stefano Jacini dal 1881 al 1886. Ma da allora ogni tentativo di accrescere in modo significativo le dimensioni aziendali è sempre naufragato. Questo sta a dimostrare che l'assetto fondiario polverizzato è una caratteristica strutturale dell'agricoltura del nostro paese e difficilmente si può superare. Anzi, non è auspicabile un suo superamento.

Emilio Sereni distingueva il paesaggio agrario italiano definendolo "verticale", rispetto alla "orizzontalità" che dominava e domina nei paesaggi europei, segnati dall'estesa presenza delle pianure. Questa nostra "agricoltura arrampicata" può reggersi solo con questo assetto fondiario polverizzato. Ogni tentativo di allargare la maglia poderale è destinato a fallire perché non c'è la convenienza a farlo. E soprattutto una media più elevata della dimensione aziendale sarebbe incompatibile con il mantenimento dei nostri paesaggi rurali storici.

Nei secoli passati, la frammentazione era gestita mediante sistemi territoriali efficienti: mezzadrili e colonici. Quei sistemi locali non hanno potuto più reggere perché avevano alcuni caratteri inaccettabili sul piano sociale e civile. Ma oggi, in una condizione di relativo benessere e non più di miseria e di tendenziale parità di condizioni tra proprietari e concessionari, si potrebbero rivitalizzare i contratti associativi, adeguatamente ammodernati, per far convivere i "fazzoletti di terra" con efficienti imprese agricole di servizi alle comunità e ai territori, tecnologicamente attrezzate e non legate alla dimensione della base fondiaria.
Si dovrebbero, però, perseguire delle chiare scelte sul piano normativo per costituire moderni sistemi locali di soggetti legati tra loro con contratti flessibili e istituendo l'impresa agricola di servizi che sostituirebbe l'antica fattoria o masseria dei sistemi mezzadrili e colonici dei secoli scorsi.

Come dice Giacomo Becattini, è sbagliato lo slogan "piccolo è bello"; ma esso non va sostituito con "grande è bello", bensì con "intimo è bello". E' l'intimità delle relazioni tra i diversi soggetti di un sistema territoriale il segreto dell'efficienza. Ma ci vuole piena consapevolezza che è la qualità delle relazioni e delle collaborazioni la strada maestra per tenere insieme la vividezza delle comunità locali, la bellezza dei paesaggi storici e l'efficienza economica.

Alfonso Pascale - 08-03-2016 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Tofu grigliato su crema di melanzane, cipolla egiziana ligure e fantasia dell’orto

Tofu grigliato su crema di melanzane, cipolla egiziana ligure e fantasia dell’orto

Non c'è più la cucina di una volta. Ora, oltre alla bontà e biodiversità delle materie prime, c'è anche un componente principale da non trascurare: la fantasia. Viene prima questa, infatti, e solo in un secondo momento tutto il resto. Tra gli ingredienti, vi sono pure i fiori eduli > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Festival dei Due Mondi di Spoleto. L’investimento nella cultura si ripaga

Festival dei Due Mondi di Spoleto. L’investimento nella cultura si ripaga

Il mecenatismo d’impresa secondo l'imprenditrice della nota casa olearia umbra. "Sono convinta - precisa Maria Flora Monini - che per un imprenditore che vive oggi in un Paese come l’Italia, esista il dovere morale di contribuire alla preservazione e diffusione di quello che è un patrimonio culturale immenso, fondamentale risorsa economica per la nostra nazione, soprattutto in un momento difficile come quello che stiamo vivendo"

GIRO WEB
Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

Luigi Caricato racconta Wooe 2017

L'esperienza del direttore di Olio Officina Magazine intorno alla sesta edizione del World Olive Oil Exhibition che si è svolto lo scorso marzo a Madrid

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine, in libreria e su abbonamento

OOF International Magazine, in libreria e su abbonamento

Il primo numero è disponibile da giugno nelle librerie, ma è anche possibile abbonarsi al trimestrale edito da Olio Officina. C'è grande fermento culturale, il primo numero, in edizione bilingue italiano/inglese, è dedicato al packaging: la rivoluzione silenziosa