Lunedì 10 Dicembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Le grandi e irrisolte paure

Luigi Caricato

A Foggia, nel corso di una giornata di approfondimento organizzata da Agromillora, la più imponente e all’avanguardia azienda vivaistica di olivi al mondo, si è affrontato il tema dell’olivicoltura ad alta densità. 

Il pubblico presente, numeroso e molto attento, ha dato dimostrazione di quanto oggi sia importante rendersi conto che l’olivicoltura italiana ha urgente necessità di intraprendere un nuovo corso. 

Quella di Foggia è stata una giornata alquanto efficace, anche perché, dati alla mano, è ormai evidente che ciò che più conta nelle decisioni future di un imprenditore siano i risultati, non le parole. Interessanti le relazioni presentate eilluminanti le osservazioni emerse.

Il futuro fa perno sulla scelta degli oliveti intensivi o super intensivi, non ci sono altre soluzioni possibili. Con ciò non significa dismettere il patrimonio varietale presente e i sistemi di allevamento adottati, anche perché l’Italia ha una propria identità da preservare, ma il futuro, a parte l’esistente, va in una sola direzione.

È ora si smetterla con le grandi e irrisolte paure che hanno finora impedito all’Italia olivicola di crescere e di voltare finalmente pagina ed entrare nell’età moderna dell’olivicoltura. Le resistenze che finora non hanno fatto che regredire il Paese non possono più essere ammissibili.

L’innovazione serve a farci colmare lacune mai risolte. La modernità più che una scelta di campo deve essere una scelta di pieno convincimento. Una adesione alla modernità sottrae il Paese al degrado delle campagne abbandonate.

È ora che l’olivicoltura venga considerata alla pari della frutticoltura e viticoltura, puntando sempre a ottenere il meglio e la giusta remunerazione per chi lavora.  

Per mancanza di una solida base culturale, finora chi ha occupato posizioni strategiche a livello decisionale, ha contrastato in maniera subdola il passaggio al nuovo, ma non è più possibile ascoltare i detrattori dell’alta densità e continuare a regredire come sistema Paese. Ci si deve ribellare a coloro che non riescono ancora a comprendere l’arretratezza della nostra olivicoltura. Siamo fermi da più di trent’anni ed è arrivata l’ora di superare le grandi e irrisolte paure che alcuni ancora non riescono o non vogliono affrontare, da persone adulte e coscienziose.

È ora invece di dire basta, e per fortuna alcuni illuminati imprenditori hanno iniziato a comprendere il drammatico stato della realtà in cui ci troviamo. Così, investendo in prima persona in nuovi oliveti, sono già diversi coloro che agiscono con saggezza e professionalità, buon per loro e per il futuro dell’olivicoltura italiana. 

La salvezza dell’Italia può venire solo dall’alta densità e dal mantenimento in essere degli oliveti tradizionali nei territori in cui non è possibile, per ragioni orografiche, far diversamente. Che sia un buon inizio per chi investe nel futuro.

 

Luigi Caricato - 20-11-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA

"Pane e olio" sbarca nella Food Valley

La merenda della tradizione al centro di uno “street event” a Collecchio, luogo simbolo del distretto agroalimentare di Parma. A organizzarlo il Gruppo Panificatori Artigiani di Parma con Assitol e Aibi, l’Associazione italiana Bakery Ingredients. Erano presenti Paolo Bianchi, sindaco di Collecchio, ed Elena Levati, assessore alle Attività produttive

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti