Lunedì 25 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Le gravi colpe degli agricoltori

Luigi Caricato

In questo periodo di olivagione sono tante le occasioni in cui incontro gli olivicoltori, sempre operativi sul campo, indaffarati come è giusto che sia, mai, tuttavia, in luoghi diversi dal proprio luogo di lavoro. Certo, è evidente, nel pieno delle attività non si prendono impegni, ma la loro latitanza permane in tutti i mesi, tranne rare eccezioni. Non sta bene.

Non che sia sbagliato restare inchiodati in campagna, ma a volte, non dico sempre, l’agricoltore dovrebbe in qualche modo (e in qualche misura) ritagliarsi del tempo per se stesso e per qualcosa che non sia soltanto il lavoro nei campi. 

Sarebbe utile per esempio dedicare del tempo agli incontri di formazione, scegliendo accuratamente tra le migliori proposte in circolazione e pagando possibilmente di tasca propria, non aderendo a corsi gratuiti. Non è per nulla secondario, circa la qualità delle scelte, il fatto che si individuino le migliori offerte formative, non solo nel chiuso ambito del proprio territorio.

Fin qui, sembra di parlare a vuoto, perché so che saranno inascoltati questi consigli. Come pure sarà deliberatamente rifiutato l’invito a frequentare incontri in cui si affrontino le questioni agricole. Lo so, è più forte di loro. Non sono interessati.

Non ci sono solo queste latitanze. CI sono molte altre colpe, una delle quali è la più grave in assoluto: non disporre di un proprio tecnico - agronomo, perito agrario o agrotecnico che sia. Nulla. Nemmeno l’idea. È scontata a loro risposta, prevedibilissima: “non abbiamo risorse per poterci permettere un tecnico”. Lo sappiamo che il mondo agricolo di risorse non ne ha molte, anzi, quasi non ne ha, i poderi sono troppo frammentati e piccoli. Tuttavia, il modo per disporre tutto l’anno di un tecnico c’è: unirsi assieme, con altri agricoltori, e condividere il professionista. Bastano anche dieci agricoltori, o anche di più, perché ciascuno paghi una propria quota, come avviene per il condominio di un palazzo. È semplicissimo, ma insieme complicatissimo, perché in agricoltura la condivisione non esiste, ciascuno va per conto proprio. 

È questo il grosso limite degli agricoltori: non avere la forma mentis dell’imprenditore, non ritenere la propria azienda una impresa, non gestire l’azienda con la massima professionalità, ricorrendo a professionisti esterni.

Non è solo un limite, ma una grave, gravissima responsabilità. Una delle tante, troppe responsabilità.

 

 

 

Luigi Caricato - 06-11-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le colture no food?

Le colture no food?

L'altra via dell'agricoltura. Esiste ORA un network internazionale, denominato Panacea, nato per diffondere la conoscenza delle colture non alimentari tra gli agricoltori e favorire di conseguenza i principi della bioeconomia. C'è spazio per bioplastiche ottenute da scarti agricoli, lubrificanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici, bioenergia, biocarburanti. Il tutto derivante da piante oleaginose (camelina, ricino), lignocellulosiche (canapa, canna comune), carboidrati (sorgo, barbabietola da zucchero) e tante altre colture > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria