Martedì 17 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Le gravi colpe degli agricoltori

Luigi Caricato

In questo periodo di olivagione sono tante le occasioni in cui incontro gli olivicoltori, sempre operativi sul campo, indaffarati come è giusto che sia, mai, tuttavia, in luoghi diversi dal proprio luogo di lavoro. Certo, è evidente, nel pieno delle attività non si prendono impegni, ma la loro latitanza permane in tutti i mesi, tranne rare eccezioni. Non sta bene.

Non che sia sbagliato restare inchiodati in campagna, ma a volte, non dico sempre, l’agricoltore dovrebbe in qualche modo (e in qualche misura) ritagliarsi del tempo per se stesso e per qualcosa che non sia soltanto il lavoro nei campi. 

Sarebbe utile per esempio dedicare del tempo agli incontri di formazione, scegliendo accuratamente tra le migliori proposte in circolazione e pagando possibilmente di tasca propria, non aderendo a corsi gratuiti. Non è per nulla secondario, circa la qualità delle scelte, il fatto che si individuino le migliori offerte formative, non solo nel chiuso ambito del proprio territorio.

Fin qui, sembra di parlare a vuoto, perché so che saranno inascoltati questi consigli. Come pure sarà deliberatamente rifiutato l’invito a frequentare incontri in cui si affrontino le questioni agricole. Lo so, è più forte di loro. Non sono interessati.

Non ci sono solo queste latitanze. CI sono molte altre colpe, una delle quali è la più grave in assoluto: non disporre di un proprio tecnico - agronomo, perito agrario o agrotecnico che sia. Nulla. Nemmeno l’idea. È scontata a loro risposta, prevedibilissima: “non abbiamo risorse per poterci permettere un tecnico”. Lo sappiamo che il mondo agricolo di risorse non ne ha molte, anzi, quasi non ne ha, i poderi sono troppo frammentati e piccoli. Tuttavia, il modo per disporre tutto l’anno di un tecnico c’è: unirsi assieme, con altri agricoltori, e condividere il professionista. Bastano anche dieci agricoltori, o anche di più, perché ciascuno paghi una propria quota, come avviene per il condominio di un palazzo. È semplicissimo, ma insieme complicatissimo, perché in agricoltura la condivisione non esiste, ciascuno va per conto proprio. 

È questo il grosso limite degli agricoltori: non avere la forma mentis dell’imprenditore, non ritenere la propria azienda una impresa, non gestire l’azienda con la massima professionalità, ricorrendo a professionisti esterni.

Non è solo un limite, ma una grave, gravissima responsabilità. Una delle tante, troppe responsabilità.

 

 

 

Luigi Caricato - 06-11-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
A Vieste l’olio è stato protagonista

A Vieste l’olio è stato protagonista

Una intera settimana per celebrare il re dei grassi nel Gargano. L’olio extra vergine di oliva ha dimostrato di essere un "marcatore culturale” in grado di catalizzare le attenzioni al pari del mare. Gli olivi di Vieste e dintorni sono stati il paesaggio al quale si è potuto fare riferimento, persino per praticare lo yoga e ritrovare se stessi

 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

L’olio è stato sempre nascosto, ora è tempo di rimetterlo in risalto

Recuperare il valore della materia prima è fondamentale. Dare centralità all’olio ricavato dalle olive è importante e oggi occorre puntare soprattutto ai giovani, adottando linguaggi adeguati Ai tempi. L’intervista al creative director Antonio Mele nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione (Milano, 2019)

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo