Giovedì 19 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Le iniziative etiche e sociali? Le aziende ci guadagnano

Roberto Bazzano

La suddivisione unanimemente riconosciuta identifica tre settori fondamentali della società: Stato, Mercato e Terzo Settore.

Per un erroneo luogo comune si pensa che l'impegno sociale ed etico sia appannaggio dello Stato e del Terzo Settore.  

Un'altra errata conclusione è che “fare impresa” sia opposto a “fare sociale”.

Molte aziende svolgono un ruolo sociale al di fuori della propria attività produttivo/commerciale finanziando associazioni, creando o partecipando a fondazioni benefiche, ma credo che questo ruolo possa essere svolto con efficacia e vantaggi ancora maggiori all'interno della propria attività principale.

Questo è ancora più vero per le imprese che operano nel settore oleario, che rappresentano una grande risorsa per il paese, con una lunga tradizione alle spalle e certificazioni di qualità e genuinità rigorose.

Con piccoli accorgimenti o aderendo ad iniziative particolari, infatti, l'azienda può incidere positivamente sulle parti più deboli della società svolgendo semplicemente la propria attività quotidiana e traendone, quindi, il giusto guadagno.

Facciamo un esempio che mi riguarda da vicino: un'azienda che aderisce a Etichetta Lilla, il sistema di etichettatura per ciechi e ipovedenti da noi ideato, realizza esattamente quanto scritto sopra, cioè svolge una funzione preziosa a livello sociale consentendo a tali persone di conoscere e riconoscere i prodotti che sta utilizzando. Nel fare ciò trae automaticamente da questo servizio il giusto guadagno e acquisisce quote di un mercato che fino ad oggi non aveva reali possibilità di scelta, dato che non vi sono, o quasi, prodotti etichettati in tale modo.  Il tutto senza che la riconoscibilità visiva del prodotto o del marchio venga intaccata.

Le dimensioni di tale mercato per la sola Italia equivalgono a oltre 1,5 milioni di persone.

Ad esso si aggiungono i milioni di presbiti e astigmatici o di anziani che, pur non avendo gravi problemi di vista possono comunque usufruire della facilità di informazione data dall'Etichetta Lilla.

Allora ecco che si innesca un giro virtuoso: un'iniziativa che sembra avere fini puramente sociali alimenta l'economia che alimenta il sociale che alimenta l'economia e così via dando a ognuno dei partecipanti, imprese e consumatori, il giusto beneficio.

In questo caso particolarmente efficace e positivo spariscono le vecchie suddivisioni che vedevano le iniziative etiche o sociali come un costo, una beneficenza a carico dell'azienda e il fare impresa come mero guadagno.

A questo punto perfino la soddisfazione di fare qualcosa di altamente utile e il ritorno di immagine derivante dal prodigarsi nel sociale, non sono più gli unici vantaggi per l'impresa essendo affiancati dalla scoperta di un mercato a cui nessuno si era mai rivolto.

Nella ricerca e profilazione di nuovi target raramente si tiene conto di queste tipologie di persone che hanno semplicemente esigenze particolari e, quando trovano prodotti che le soddisfano sono bene liete di inserirle nel proprio paniere di acquisti.

Perché comprare una bottiglia d'olio che non distinguo dalle altre quando posso comprarne ed usarne una riconoscendola al tatto, essendo in grado, anche privo della vista, di conoscerne le caratteristiche, le proprietà nutritive ecc.?

Bisogna dire che non sono molte le iniziative come l'Etichetta Lilla, che permettono alle aziende di svolgere un ruolo sociale all'interno della propria attività, ma crediamo che si moltiplicheranno se le associazioni che hanno idee di questo tipo sapranno proporle ad aziende pronte ad ascoltarle, a valutarle e metterle in pratica.

Credo che adottare una di queste iniziative sia anche, per l'azienda, la migliore risposta alla domanda che la responsabilità sociale delle aziende sussurra all'orecchio degli imprenditori: “come puoi inserire l'etica, il comportamento sociale positivo, nella tua azienda?”.

Da oggi lo sappiamo.

Roberto Bazzano - 25-06-2019 - Tutti i diritti riservati

Roberto Bazzano

È presidente della cooperativa sociale Bandiera Lilla, che ha come obiettivo la valorizzazione del turismo di persone con disabilità.Dal 2012 premia e supporta gli enti comunali e gli operatori privati che prestano particolare attenzione a questo tipo di target turistico. A Olio Officina Festival 2019 ha inoltre presentato il progetto delle etichette di olio extra vergine di oliva in braille.

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo