Mercoledì 20 Febbraio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

No, no e no

Luigi Caricato

No Tav,

No Tap,

No Vax,

No Triv,

No Gronda, 

No Ilva, 

No Terzo Valico, 

No Euro, 

No Europa, 

e no a molto altro ancora. 

 

Per esempio, per restare in ambito più strettamente agricolo, non manca nemmeno qui la comunità del No. 

No Ogm, come pure…

No Agricoltura convenzionale, e, soprattutto…

No Gliphosate. 

 

Da qualche decennio a questa parte è tutto un dilagare del no, senza alcuna possibilità di una soluzione intermedia. 

Ci sono perfino i negazionisti assoluti.

No Xylella. 

Ovvero quelli che, nonostante l’evidenza, continuano imperterriti a negare ciò che in ogni caso tutti vedono, e gli olivi rinsecchiti sono i primi a testimoniarlo.

Con l’avanzata del no, non è più possibile contrastare ogni  azione volta in qualche misura ad arginare l’avanzata del terribile e devastante batterio degli olivi.

 

L’Italia ormai si è ridotta a essere il Paese del No.

In ambito olivicolo, è ormai un netto no a tutto. 

No superintensivo. 

No intensivo.

No cultivar straniere.

No importazioni d’olio - nonostante l’Italia non sia mai stata autosufficiente, impossibilitata a soddisfare sia i consumi interni, sia le quote destinate all’export.

No aziende commerciali.

No aziende industriali.

 

Come pure vi è, nel medesimo tempo, il fronte del no che si estende addirittura agli oli da olive che non siano extra vergini di sola eccellenza, e pertanto:

No extra vergini “democratici”, destinati al consumo quotidiano, abbordabili da chiunque, anche dalle fasce più povere della popolazione. 

No oli vergini – nonostante se ne produca sempre tanto di olio vergine di oliva.

No oli di oliva – nonostante si produca ancora tanto olio vergine lampante, da cui poi inevitabilmente si ricava l’olio di oliva propriamente detto.

No oli di sansa di oliva – nonostante gli oli ricavati da questo residuo di lavorazione siano nutrizionalmente validi.

 

No tutto, insomma, all’insegna del declino più totale.

Se qualcuno oggi parla di decrescita felice, io avanzerei più di qualche dubbio al riguardo. 

Noi italiani non stiamo affatto diventando campioni della decrescita felice, come pure sarebbe auspicabile in tempi in cui occorre pur rivedere il proprio rapporto con il mondo, ma siamo ormai diventati protagonisti assoluti di una rovinosa e incontrastata decrescita infelice, così orgogliosamente stupidi, così stupidamente boriosi, da non preoccuparci nemmeno lontanamente del nostro futuro. 

Avanziamo solo un netto e indiscutibile no: 

no, no e no.

 

Luigi Caricato - 04-09-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Sharis 2017, di Livio Felluga

Il vino della settimana: Sharis 2017, di Livio Felluga

Un vino dagli aromi floreali, di agrumi, sambuco, e molto minerale, che merita i soldi spesi. Acquistato al supermercato, è il frutto di uve Chardonnay e Ribolla. Adatto, peraltro, con pesce e carni bianche alla griglia > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Antipasti caldi e freddi. A scuola di cucina dai Salvagno

Antipasti caldi e freddi. A scuola di cucina dai Salvagno

Protagonista lo chef Eugenio Ghiraldi con un nuovo appuntamento de "I corsi pratici di cucina in Frantoio... per stupire con gusto". Conoscere, capire ed applicare i segreti della buona cucina imparando a scoprire i prodotti del territorio, tra stagionalità, semplicità e gusto.

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Gli oli e i pesci della Basilicata

A Olio Officina Festival 2019 è stata protagonista di primo piano una regione piccola ma particolarmente ricca di risorse. L'occasione per presentare al pubblico di Milano le produzioni olearie e i prodotti ittici, in occasione di una pubblicazione dedicata dal titolo "I pesci nuotano nell'olio". L'intervista a Michele Brucoli, responsabile marketing e comunicazione presso il Dipartimento Agricoltura della Regione Basilicata

BIBLIOTECA OLEARIA
Dp Garda. L'olio e il suo lago

Dp Garda. L'olio e il suo lago

Il numero 7 dell’annuario Olio Officina Almanacco quest'anno si presenta con una veste completamente rinnovata. Stesso formato, stesso numero di pagine, 96, ma con un taglio monografico, interamente dedicato all'olio gardesano e al suo territorio. Inizia così la nuova serie della rivista, dando spazio e rilievo ogni anno a un territorio altamente vocato all'olivicoltura di qualità