Martedì 15 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Noi siamo fatti di parole

Luigi Caricato

In questo spazio riservato agli editoriali, riportiamo, a beneficio dei lettori della rivista telematica Olio Officina Magazine, l'editoriale a firma del Direttore, Luigi Caricato, apparso sul numero 7 dell'annuario Olio Officina Almanacco, di cui potete ammirare la copertina. Buona lettura 

La parola è la nostra cifra distintiva. Attraverso il ricorso alle parole, o comunque per il tramite di altri segni con i quali esprimiamo emozioni o pensieri, non possiamo far altro che comunicare ciò che siamo e desideriamo.

Più parole immagazziniamo, meglio è. 

Più parole acquisiamo nel corso della nostra vita, più la nostra storia diventa importante, lasciando segni concreti e tangibili di noi a tutti coloro che nasceranno dopo. 

È un dato di fatto. Ogni generazione lascia sempre di sé una propria traccia, consegnandola a quelle successive. 

Il linguaggio è sempre la chiave di lettura di un popolo, del territorio e dell’ambiente fisico e sociale in cui si vive.

Le parole mutano e all’occorrenza se ne inventano anche di nuove, proprio perché il nostro essere al mondo si sostanzia ogni volta di contenuti inediti e originali. 

Assorbendo i linguaggi degli altri, confrontandosi e relazionandosi con il mondo esterno, si assimila sempre una nuova chiave di lettura con la quale interpretare la propria epoca, indagando nel contempo quelle precedenti e, nondimeno, immaginando quelle future.

In quest’ordine di idee, tutto ciò che facciamo assume di conseguenza un valore e se questo valore riusciamo a comunicarlo bene e a trasmetterlo compiutamente ad altri, il vantaggio allora è di tutti. Proprio per questo, acquisendo qualcosa in più, ogni civiltà si perfeziona allorquando il proprio vocabolario si amplia, si rigenera e si rinnova. Senza il linguaggio, saremmo persi nel nulla.

Non ci sono tuttavia solo le parole espresse a voce o per iscritto. Ci sono anche i sensi, attraverso i quali comunichiamo. E così, a partire da questo numero 7 dell’annuario Olio Officina Almanacco, abbiamo deciso di sperimentare un nuovo approccio. Abbiamo subito immaginato l’idea di proporre un numero monografico dedicato ai territori. Siamo partiti con quella vasta, fascinosa e prospera geografia che abbraccia le tre sponde del lago di Garda: l’area bresciana, quella orientale che comprende i territori del veronese e del mantovano, fino a giungere in ultimo nell’estremità più a nord, lungo la sponda trentina del lago. Le nostre attenzioni si sono concentrate sulle parole, con il preciso obiettivo di valorizzare non soltanto il lago di Garda in sé, ma anche, se non soprattutto, il suo entroterra, con i suoi olivi, i frantoi, i tanti, tra donne e uomini, impegnati a rendere sempre più prestigioso e unico un territorio olivicolo d’elezione, con oli, di una delicatezza ed eleganza, che godono ormai di una fama internazionale sempre più riconosciuta e consolidata. 

Nel realizzare questo numero 7 dell’Almanacco, abbiamo individuato tante parole, che tra loro si intrecciano in continuazione dando luogo a molti altri vocaboli, di cui riporto qui le due parole chiave principali e fondanti. 

La prima, riconducibile al territorio: GARDA. 

La seconda, riconducibile invece a una materia prima che da sempre connota e contraddistingue il territorio in questione: OLIO. 

E, come è ben prevedibile, ne esiste anche una terza, di espressione, oggi tanto in voga; una parola che in realtà è un acronimo: DOP, che sta per Denominazione di origine protetta.

Il nuovo corso di Olio Officina Almanacco prende dunque corpo e vita all’insegna dell’olio Dop Garda. 

Buon viaggio, allora, in questo lieto navigar tra parole, a vele spiegate. 

 

Luigi Caricato - 29-01-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

Una nuova generazione di biocomposti a base di fibre d'oliva

L’interessante progetto europeo Compolive, pensato per la creazione di nuovi composti derivati dal residuo di potatura delle olive. Ora i nuovi biomateriali da sviluppare saranno più sostenibili e sono programmati per molte applicazioni industriali. Tutto ciò rientra nell'attuale politica europea per l'attuazione di un'economia circolare, che promuove il riciclaggio e il riutilizzo delle risorse nell'Unione Europea

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo