Lunedì 10 Dicembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Olio democratico

Luigi Caricato

Quando alcuni anni fa teorizzai il concetto di “olio democratico” non tutti compresero il valore e la portata di una simile idea.

Oggi, dopo che all’evento Cibo a Regola d’Arte - voluto e concepito nell’ambito del Corriere della Sera, organizzato da Angela Frenda, food editor della testata e direttore artistico della manifestazione - il tema portante della settima edizione è stato proprio il “cibo democratico”, ho compreso che tutto appare ora più semplice. Alla fine ci si arriva, anche se non tutti, ancora, nel comparto oleario, hanno ben compreso la portata di tale mia idea.

Angela Frenda ha inteso esplorare l’accessibilità al cibo in tutte le sue accezioni, dall’elitarismo dell’alimentazione sana alla cucina dei migranti.

“Un’alimentazione buona e sana, ma anche accessibile, è un diritto ancora troppo poco esteso. Ecco perché quella della cucina democratica è la grande sfida dei nostri giorni”, ha spiegato Angela Frenda.

Il concetto è il medesimo di quello da me presentato anni fa a Olio Officina Festival e riproposto in più occasioni. La sfida, nel caso del comparto oleario, è produrre olio per tutti, senza alcuna esclusione. E anche la Frenda ha voluto chiamare gli ospiti della sua manifestazione "a immaginare come vincere la scommessa di un cibo di qualità che remuneri chi lo produce e sia abbordabile per chi lo compra.”

La sfida è tutta qui: produrre e presentare in commercio un bene prezioso come l’olio rendendolo alla portata di tutti. Non è una sfida impossibile, soprattutto oggi che la tecnologia ci viene incontro. Abbattere i costi di produzione diventa allora un dovere morale, non si può sprecare materia prima, e occorre in particolare renderla disponibile a tutti. Ciò che importa è garantire una equa remunerazione a chi produce, ai lavoratori e agli imprenditori implicati nel processo produttivo, ma rendere nel contempo tale valore pienamente disponibile e fruibile a prezzi accessibili.

Oggi questa è la vera sfida, tutto il resto è solo fuffa.

Luigi Caricato - 27-03-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA

"Pane e olio" sbarca nella Food Valley

La merenda della tradizione al centro di uno “street event” a Collecchio, luogo simbolo del distretto agroalimentare di Parma. A organizzarlo il Gruppo Panificatori Artigiani di Parma con Assitol e Aibi, l’Associazione italiana Bakery Ingredients. Erano presenti Paolo Bianchi, sindaco di Collecchio, ed Elena Levati, assessore alle Attività produttive

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti