Giovedì 21 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Paura della libertà

Alfonso Pascale

Andrebbe ripreso, in questi tempi di cambiamenti tumultuosi e di derive populiste, un testo di Carlo Levi che forse abbiamo letto distrattamente. Si tratta di Paura della libertà, un quaderno scritto nell'inverno 1939-40 e pubblicato nel 1946.

Dinanzi alla minaccia di distruzione imminente che sovrasta sull'Europa, lo scrittore fa i conti con la storia. Il testo viene dato alle stampe non perché quella condizione di pericolo sia "morta", ma con la consapevolezza che possa sempre "ritornare".

Il libro torna in libreria per i tipi di Neri Pozza di Vicenza con un'introduzione di Giorgio Agamben. Ne ha scritto su "Domenica" del "Sole 24 Ore" del 18 agosto Davide Bidussa. Il tema non è solo il bilancio ma anche la diagnosi.

La dimensione del vissuto della politica non ha più quella della missione ma quella della sudditanza, come macchina in cui la personalità e il profilo individuale tendono a eclissarsi per affermarsi solo come gerarchia di figuranti. Nel libro emergono e sono analizzati le ossessioni, le fantasie, i meccanismi culturali e mentali, le parole che rendono estranei molti dei conoscenti fino a ieri prossimi.

Il tema sono le masse e l'affidamento allo Stato perché dia la certezza di una protezione che prima di tutto è richiesta di esclusione, selezione, separazione da chi non conosciamo. Poi è la costruzione di un vissuto religioso il cui fondamento è dato dall'ansia di avere un nemico; poi la dimensione di sacrificio, di immolazione, di violenza che sono suggestioni e derive di quella cultura della morte (sicuramente di destra, ma che alberga anche in settori della sinistra).  

Al fondo c'è la morte della politica come impegno a costruire un domani responsabile. Paura della libertà è da rileggere perchè è un libro folto di idee sulla rinascita e la riscoperta della civiltà. Di tali idee oggi si avverte un gran bisogno.

Alfonso Pascale - 21-08-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le colture no food?

Le colture no food?

L'altra via dell'agricoltura. Esiste ORA un network internazionale, denominato Panacea, nato per diffondere la conoscenza delle colture non alimentari tra gli agricoltori e favorire di conseguenza i principi della bioeconomia. C'è spazio per bioplastiche ottenute da scarti agricoli, lubrificanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici, bioenergia, biocarburanti. Il tutto derivante da piante oleaginose (camelina, ricino), lignocellulosiche (canapa, canna comune), carboidrati (sorgo, barbabietola da zucchero) e tante altre colture > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria