Mercoledì 26 Settembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Paura della libertà

Alfonso Pascale

Andrebbe ripreso, in questi tempi di cambiamenti tumultuosi e di derive populiste, un testo di Carlo Levi che forse abbiamo letto distrattamente. Si tratta di Paura della libertà, un quaderno scritto nell'inverno 1939-40 e pubblicato nel 1946.

Dinanzi alla minaccia di distruzione imminente che sovrasta sull'Europa, lo scrittore fa i conti con la storia. Il testo viene dato alle stampe non perché quella condizione di pericolo sia "morta", ma con la consapevolezza che possa sempre "ritornare".

Il libro torna in libreria per i tipi di Neri Pozza di Vicenza con un'introduzione di Giorgio Agamben. Ne ha scritto su "Domenica" del "Sole 24 Ore" del 18 agosto Davide Bidussa. Il tema non è solo il bilancio ma anche la diagnosi.

La dimensione del vissuto della politica non ha più quella della missione ma quella della sudditanza, come macchina in cui la personalità e il profilo individuale tendono a eclissarsi per affermarsi solo come gerarchia di figuranti. Nel libro emergono e sono analizzati le ossessioni, le fantasie, i meccanismi culturali e mentali, le parole che rendono estranei molti dei conoscenti fino a ieri prossimi.

Il tema sono le masse e l'affidamento allo Stato perché dia la certezza di una protezione che prima di tutto è richiesta di esclusione, selezione, separazione da chi non conosciamo. Poi è la costruzione di un vissuto religioso il cui fondamento è dato dall'ansia di avere un nemico; poi la dimensione di sacrificio, di immolazione, di violenza che sono suggestioni e derive di quella cultura della morte (sicuramente di destra, ma che alberga anche in settori della sinistra).  

Al fondo c'è la morte della politica come impegno a costruire un domani responsabile. Paura della libertà è da rileggere perchè è un libro folto di idee sulla rinascita e la riscoperta della civiltà. Di tali idee oggi si avverte un gran bisogno.

Alfonso Pascale - 21-08-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
La Sardegna è anche olivicoltura, non solo mare e vacanza

La Sardegna è anche olivicoltura, non solo mare e vacanza

Vi è una tradizione olivicolamillenaria che sa guardare avanti e innovare. Negli ultimi anni si stanno piantando nuovi oliveti, quasi tutti a coltivazione irrigua, con utilizzo di varietà a duplice attitudine, finalizzati a produzioni di alta qualità. In tutto ciò, c’è anche un importante concorso, che presto accoglierà le nuove produzioni d’eccellenza > Daniela Capogna

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La Dieta Mediterranea e l’olio da olive

Intervista a Evelina Flachi, specialista in Scienza dell’alimentazione e nutrizionista. Per una vita sana è necessario scegliere i giusti alimenti. Un buon condimento è fondamentale. L’olio extra vergine di oliva è un buon punto di partenza. In dosi moderate fa la differenza

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Evooleum 2019, la miglior guida del mondo

Anche se vi sono in commercio altre pubblicazioni analoghe in cui si segnalano i migliori extra vergini, nessuna finora ha raggiunto i medesimi livelli di qualità e stile. Primo valore con cui si contraddistingue: la trasparenza. Non meno importante è anche la grafica con cui è stata confezionata. Non poteva essere diversamente, con una guida che propone non una quantità smodata di oli, ma solo i migliori cento > Luigi Caricato