Martedì 20 Agosto 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Per i nostri figli

Alfonso Pascale

A che deve servire la politica? A decidere del futuro di una comunità. Non un futuro lontano e generico, in cui porre tutto… e il contrario di tutto, una cosa… ma anche il suo opposto. Tanto poi – si dice - accadrà quel che accadrà indipendentemente da noi.

La politica deve servire a decidere hic et nunc di un futuro prossimo che obbliga. Per dare un senso concreto al carattere obbligante dell’avvenire ci aiuta un’espressione comune: “per i nostri figli”. La misura concreta del tempo della politica dovrebbe difatti essere la stessa delle azioni e delle opere che svolgiamo nella vita di ogni giorno: guardare alla generazione successiva alla nostra.

Come osserva Salvatore Natoli, il termine ebraico per “generazioni” è “dor”, che significa “cerchio”, “riunirsi attorno”: indica dunque continuità e passaggio. Infatti, nell’espressione “di generazione in generazione” più che il termine “generazione” sono importanti le preposizioni “di… in…” che indicano ciò che nel tempo dura: indicano un inizio di cui non si vede l’origine e un futuro di cui non si vede la fine. 

Anche l’umanità, come l’avvenire, non è un’astrazione. La si riconosce e rispetta nell’uomo che ci sta accanto. C’è un comune futuro che lega le generazioni l’una all’altra e c’è un comune senso di umanità che vincola uomini e popoli.

La politica deve provvedere a ciò che è comune. Soprattutto nei crocevia della storia. E anche quando chi agisce non vedrà l’esito di ciò che fa. Nel passaggio da una generazione all’altra non possiamo evitare la morte e il dolore connesso alla nostra mortalità. Ma quello che sicuramente possiamo evitare è il dolore che c’infliggiamo l’un l’altro. Questo è il terreno proprio della politica.

Alfonso Pascale - 21-05-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Messere Sforzato di Valtellina di Caven

Il vino della settimana è il Messere Sforzato di Valtellina di Caven

È stata degustata l'annata 2013, ed è una esplosione di aromi e gusti. Al naso è molto intenso e persistente. Al gusto, molto speziato, sorprende con note balsamiche di menta e cioccolato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Anche la seconda edizione del concorso è andata molto bene. Si è registrato infatti uno straordinario numero di candidature, oltre a un altissimo livello delle opere candidate. C'è grande attesa: i vincitori saranno annunciati nel mese di settembre. Il montepremi complessivo messo in palio dal concorso è di 12 mila euro, suddivisi tra le categorie "Open" e "Accademia"

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo