19 Gennaio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Per una visione dinamica della tutela dei paesaggi storici

Alfonso Pascale

Leggendo l’interessante articolo di Salvatore Settis (“Serve un piano nazionale a tutela dei paesaggi storici” - La Domenica - Il Sole 24 Ore del 14 ottobre 2019), non ho potuto fare a meno di tornare a riflettere sull’idea di paesaggio agrario elaborata da Emilio Sereni.

Per lo storico dell’agricoltura esso è «quella forma che l’uomo, nel corso e ai fini delle sue attività produttive, coscientemente e sistematicamente imprime al paesaggio naturale» (“Storia del paesaggio agrario italiano”, Laterza, 1961). E dinanzi all’insistenza del professor Settis ad affrontare l’emergenza xylella non solo dal punto di vista agronomico ed economico, bensì con «un piano lungimirante… pensando al futuro del paesaggio storico del Salento con piena cognizione del suo passato», non ho potuto esimermi dal ricordare quella essenziale convinzione manifestata da Sereni in campo storiografico relativa al carattere unitario della storia: «… non si dimentichi mai che la storia è una» (Prefazione alla “Storia agraria romana” di Max Weber, Il Saggiatore, 1967).

Per lo studioso delle comunità rurali occorre ricondurre ad unità diversi modi di fare storia dell’agricoltura: quella degli agronomi, l’altra ancora degli economisti e dei giuristi e quella - che egli introdusse per la prima volta – dello studio delle trasformazioni del paesaggio agrario, delle caratteristiche ambientali dei territori e delle culture alimentari.

Ma veniamo all’articolo dell’archeologo Settis. Correttamente egli definisce la xylella una peste del nostro tempo a cui si poteva impedire di distruggere completamente il paesaggio agrario salentino se si fossero messe in atto per tempo appropriate strategie di contenimento. Ma in che modo – questa è la preoccupazione che egli vuole trasmetterci con il suo articolo – tali strategie potranno tener conto dell’esigenza di tutelare il paesaggio storico? E a mo’ d’esempio il professore elenca alcuni problemi: « …qua e là campi di ulivi lasciano il posto a distese di pannelli solari; altri, specialmente in aree di piccola proprietà, vengono abbandonati, e le aziende agricole sono costrette a vendere le loro attrezzature (per esempio gli scuotitori di olive) ad altri Paesi produttori, dalla Grecia al Marocco; altri ancora ospitano, per sopravvivere, culture o attività estranee alla tradizione e alla storia dei luoghi. Ci sono, è vero, altre specie olivicole che sono, a quel che pare, immuni all’infezione da xylella, e qua e là si progetta di impiantarle in luogo degli ulivi defunti: ma quanto ci vorrà per ricostituire la forma del paesaggio storico? E quali specie olivicole sono davvero compatibili con il ripristino di un paesaggio degno del Salento?».

Sembra emergere, dunque, una visione della tutela del paesaggio storico salentino statica e meramente conservativa. Come se si dovesse ripristinare tutto quello che ha caratterizzato gli ultimi quattromila anni storia. Che nel “costruire” la storia del Salento si debba aggiungere anche lo studio archeologico dei luoghi è fuori dubbio. Ma non si deve mai trascurare che la norma costituzionale “la Repubblica … tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione – art. 9.2” è preceduta nel medesimo articolo da un’altra norma di pari pregnanza: “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica – art. 9.1”. E i due dettati vanno sempre letti in modo congiunto.

Sicché è vero che il futuro dei territori olivetati distrutti dalla xylella debba tener conto dei saperi esperienziali e storici accumulati nei loro paesaggi. Ma questa condizione va fatta salva guardando alla storia dei luoghi con una visione unitaria: a partire dalle trasformazioni dei sistemi sociali con cui si è retto per millenni il rapporto tra uomo e natura e dal modo come la scienza e la tecnica hanno supportato le trasformazioni.

Oggi c’è una novità che Sereni aveva già intravisto cinquant’anni fa e che va tenuta nel debito conto: la rivoluzione scientifico-tecnologica in atto è diventata essa stessa fattore produttivo e ai vecchi conflitti sociali di potere si è sostituita una nuova contrapposizione: quella che vede in contrasto chi detiene la conoscenza e chi ne sta fuori. Dunque, non solo non si devono tenere distinte e separate le varie branche della conoscenza, ma occorre socializzare la conoscenza, rendendo protagonisti gli agricoltori e le popolazioni locali e costruendo dal basso strategie di sviluppo.

Alfonso Pascale - 22-10-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
“Ieri è oggi e anche domani”, il nuovo romanzo di Monica Sommacampagna

“Ieri è oggi e anche domani”, il nuovo romanzo di Monica Sommacampagna

Edito da il Seme Bianco, è il terzo romanzo per l’autrice. Una prima presentazione di questo suo nuovo libro, si svolgerà giovedì 16 gennaio alle ore 18 presso la Feltrinelli Libri e Musica a Verona, in Via Quattro Spade 2. L’autrice dialogherà con la giornalista de L’Arena Laura Perina e inoltre ci sarà un reading realizzato da Isabella Caserta, direttrice artistica del Teatro Scientifico – Teatro Laboratorio e attrice, in modo tale da rendere più appassionanti le parti più vivaci e toccanti del romanzo. Alla fine dell’incontro, si potranno degustare i vini biologici dell’azienda vitivinicola La Cappuccina.

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo