Giovedì 28 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Perché le scuole di assaggio dell’olio non decollano

Luigi Caricato

In Italia è così. Io l’ho sempre detto, sia a voce, sia in forma scritta, e tutti possono testimoniarlo. Nel nostro Paese, le varie scuole di assaggio non decollano. Lavorano, si impegnano tantissimo, esprimendo tanta professionalità e muovendosi con passione e grinta, ma senza raccogliere grandi consensi. Quando c’è da pagare la formazione, tutti coloro che si dicono a favore dell’olio snobbano le scuole di assaggio, preferendo soluzioni all’italiana, non pagando, accedendo a corsi gratuiti o a corsi a prezzi stracciati.

Non è una questione di libera concorrenza, dove vince il più organizzato e strutturato, ovvero chi riesce a proporre seminari e corsi di alta qualità a prezzi concorrenziali, e a proporsi al meglio, in modo efficace. Niente da fare, le scuole di assaggio non decollano come dovrebbero perché pur cercando di fare il possibile, i risultati non premiano l’impegno e le energie profuse. 

Questa difficoltà non è da attribuire a una diretta responsabilità di queste scuole, in quanto non all’altezza del compito. Non è così: la vera causa del loro mancato successo è dovuta a un sistema malato e perverso, che ha favorito i soliti raccomandati della politica clientelare, i quali, ricevendo tanto danaro pubblico, hanno di fatto spiazzato e impoverito tutte quelle strutture realmente destinate a fare una formazione seria, professionale e competente. 

La sottrazione di importanti risorse economiche non ha permesso di far crescere in tutti questi anni le scuole di assaggio, non potendo migliorare ed estendere i propri servizi da destinare  a un pubblico professionista e amatoriale. 

Una concorrenza sleale, mai sanzionata, ma anzi indebitamente favorita da soggetti istituzionali legati a perverse logiche politiche, ha di fatto favorito un sottobosco formativo il cui valore è quanto meno discutibile. 

I mancati introiti delle scuole di assaggio, per via di questa pesante interferenza esterna, hanno determinato in tutto questo tempo uno status quo ormai irrimediabile. 

Le scuole di assaggio dell’olio, pertanto, al momento non decollano, né mai sono destinate a decollare, in realtà, in quanto i formatori che vi fanno parte saranno condannati, ancora per molto altro tempo, a svolgere la propria professione sempre sulla base di un impegno volontaristico, oppure, in alternativa, potranno senz’altro continuare a essere ripagati con formule consolatorie, allietati, quando capita, da qualche magro gettone di presenza, mai però ritenuti professionalmente degni di una retribuzione che li metta alla pari, per dignità ed entità di compenso, con i docenti di altri saperi da tutti universalmente riconosciuti come importanti e fondamentali. 

 

 

Luigi Caricato - 18-06-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

Tre generazioni della famiglia Manca manifestano l'orgoglio di essere produttori d'olio d'alta qualità

L’olio San Giuliano, il noto marchio sardo di Alghero, si aggiudica quattro ori all’International Olive Oil Competition di New York. Nel corso di quest'anno ha inoltre ricevuto molti altri prestigiosi riconoscimenti, a Los Angeles e a Zurigo, come pure in Italia. Il tutto a partire dai 167.495 ulivi di proprietà

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

L’olio musicale

È un olio che racconta la passione della famiglia Mela per la musica ed è dedicato ai 70 anni del Festival di Sanremo. A raccontarlo, a Olio Officina festival 2020, Serena Mela, dell’azienda imperiese Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri