Venerdì 23 Agosto 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Perché si parla sempre di crisi?

Luigi Caricato

Sono oltre trent'anni che scrivo sui giornali.

Il mio primo articolo lo pubblicai a sedici anni e uscì, senza firma, per il quindicinale L'Ora del Salento; poi ho proseguito per tante e tante altre testate, italiane ed estere, fino ad arrivare a oggi. Qui, ora. Ho sempre cercato di costruire qualcosa, di andare oltre alla cronaca, anzi superando il concetto di cronaca e di andare oltre: proporre, agire, fare, costruire. 

Avevo intenzione di scrivere oggi alcune brevissime riflessioni, che vogliono rimanere tali: brevi, appunto. Così talmente scarne da richiedere in verità il vostro diretto contributo, ammesso che abbiate ancora pazienza di riflettere e dare risposte oneste. Ma credo sia chiedere forse troppo, ai più piace oggi lamentarsi, protestare, indossare i panni di chi vive un disagio perenne. Nessuno però oggi vuole più riflettere, si cerca di sopravvivere protestando e invocando aiuti esterni, questuando aiuti alla politica.

Così, più che una riflessione vuole essere una provocazione in forma di domanda: perché, secondo voi, quando il tema è l'agricoltura si parla e si scrive sempre di crisi? 

A parte una nota organizzazione di categoria, che alterna momenti di estrema euforia a piagnucoli adolescenziali, ogni persona che opera in campo agricolo associa sempre, in Italia, l'agricoltura alla crisi, a momenti di grande depressione, a una sensazione di forte disagio e a molto altro ancora, sempre in chiave negativa.

Ecco: perché? Perché si parla sempre di crisi? 

Non mi mancano certo le risposte, visti i miei tanti articoli sul tema, in cui sono stato fin troppo esplicito nelle argomentazioni, ma la mia provocazione sta proprio qui: nel chiedere a voi, proprio a voi, le risposte, perché il guaio dell'Italia agricola sta proprio nel non darsi risposte vere, sincere, che non risparmino assunzioni di responsabilità.

 

Luigi Caricato - 05-03-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Dop Riviera Ligure Riviera di Levante Olea albero della vita

Il Dop Riviera Ligure Riviera di Levante Olea albero della vita

Prodotto da Lucchi & Guastalli a Santo Stefano Magra, in provincia di La Spezia. I meriti di Marco Lucchi?Aver avuto un ruolo importante nella rinascita dell’olivicoltura del Levante ligure e di essere “l’uomo che ha sconfitto la taggiasco dipendenza” > Francesco Bruzzo

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Anche la seconda edizione del concorso è andata molto bene. Si è registrato infatti uno straordinario numero di candidature, oltre a un altissimo livello delle opere candidate. C'è grande attesa: i vincitori saranno annunciati nel mese di settembre. Il montepremi complessivo messo in palio dal concorso è di 12 mila euro, suddivisi tra le categorie "Open" e "Accademia"

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo