Mercoledì 20 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Perché si parla sempre di crisi?

Luigi Caricato

Sono oltre trent'anni che scrivo sui giornali.

Il mio primo articolo lo pubblicai a sedici anni e uscì, senza firma, per il quindicinale L'Ora del Salento; poi ho proseguito per tante e tante altre testate, italiane ed estere, fino ad arrivare a oggi. Qui, ora. Ho sempre cercato di costruire qualcosa, di andare oltre alla cronaca, anzi superando il concetto di cronaca e di andare oltre: proporre, agire, fare, costruire. 

Avevo intenzione di scrivere oggi alcune brevissime riflessioni, che vogliono rimanere tali: brevi, appunto. Così talmente scarne da richiedere in verità il vostro diretto contributo, ammesso che abbiate ancora pazienza di riflettere e dare risposte oneste. Ma credo sia chiedere forse troppo, ai più piace oggi lamentarsi, protestare, indossare i panni di chi vive un disagio perenne. Nessuno però oggi vuole più riflettere, si cerca di sopravvivere protestando e invocando aiuti esterni, questuando aiuti alla politica.

Così, più che una riflessione vuole essere una provocazione in forma di domanda: perché, secondo voi, quando il tema è l'agricoltura si parla e si scrive sempre di crisi? 

A parte una nota organizzazione di categoria, che alterna momenti di estrema euforia a piagnucoli adolescenziali, ogni persona che opera in campo agricolo associa sempre, in Italia, l'agricoltura alla crisi, a momenti di grande depressione, a una sensazione di forte disagio e a molto altro ancora, sempre in chiave negativa.

Ecco: perché? Perché si parla sempre di crisi? 

Non mi mancano certo le risposte, visti i miei tanti articoli sul tema, in cui sono stato fin troppo esplicito nelle argomentazioni, ma la mia provocazione sta proprio qui: nel chiedere a voi, proprio a voi, le risposte, perché il guaio dell'Italia agricola sta proprio nel non darsi risposte vere, sincere, che non risparmino assunzioni di responsabilità.

 

Luigi Caricato - 05-03-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un inedito touchpoint per interagire con la clientela

Un inedito touchpoint per interagire con la clientela

Innovazioni. Fratelli Carli, la storica azienda olearia ligure, entra nel mondo digical - neologismo generato dalla crasi tra le parole “digital” e “physical” -  e allarga il numero di punti di contatto con la propria clientela. Dopo la vendita per corrispondenza, l’e-commerce e la catena retail degli Empori, l’azienda potenzia il proprio percorso verso l’omnicanalità e lancia a Monza il prototipo di self-machine refrigerata, dedicata ai piatti tipici della propria regione

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria