Martedì 17 Luglio 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Perché un mondo dell’olio in chiave negativa?

Luigi Caricato

Quando qualcuno, tra le persone che frequento estranee al mondo dell’olio, si imbatte per caso in questo rissoso, lagnoso, schizofrenico e apocalittico comparto oleario italiano, mi guarda perplesso e interrogativo, chiedendomi conto, frastornato, del perché di simili atteggiamenti, io rispondo, ormai rassegnato, che non è un comparto per persone normali. Forse un tempo lo erano, normali, ma poi nel corso degli ultimi anni tutto è cambiato. È un mondo in chiave negativa.

Non tutti, per la verità, sono da considerare in luce negativa, di ottimisti e resistenti ve ne sono ancora, seppure il quadro generale in cui si opera non sia poi così favorevole. Non tutti dunque rientrano nella fattispecie negativa e umbratile. Non tutti, perché altrimenti sarebbe la fine.

Quelli, tuttavia, che sono realmente esempi positivi, anziché essere seguiti e presi a modello, vengono al contrario dileggiati, quando va bene ostacolati, ma quando i cavalieri del negativo si rendono conto che sono davvero bravi e possono avere sempre più successo, in chiave commerciale, allora come minimo vengono accusati di essere potenziali e presunti frodatori, o tutt’al più condannati alla gogna come “industriali”.

Insomma, per essere tranquilli e non subire alcuna accusa, occorre come minimo dichiararsi “artigianali”, odiare l’olivicoltura superintensiva, non ricorrere a impianti di estrazione che interessino grossi volumi di prodotto, dotarsi di un impianto di confezionamento il più minimal che si possa avere, perché  tutto deve essere il più easy possibile ed evitare accuratamente di diventare grandi, altrimenti la qualità non è più tale. Solo ciò che è piccolo è bello, presentabile e buono. Se si finisce l’olio a disposizione, non ci si preoccupa di garantire la fornitura ai propri clienti, ma si attende pazientemente la nuova olivagione. Insomma, guai a diventare grandi, perché ciò che è grande non è mai buono né sano né autentico, e c’è sempre l’imbroglio di mezzo.

Ecco, il fatto è che il mondo dell’olio, quello che sta all'inizio della filiera, quindi la parte più strettamente agricola, ha grande paura di crescere, e crede che fare impresa consista solo nell’attendere che ci sia qualche benefico e salutare contributo pubblico che piova dall’alto, mai che ci si assuma nemmeno lontanamente il rischio di impresa e si punti a obiettivi ambiziosi.

Questa è l’Italia olivicola di oggi, l’equivalente della nazionale di calcio, che non aspira a nulla e piange quando scopre di non essere più competitiva e di restare esclusa dal grande consesso mondiale dell’olio. Non si ha più fame di successo, non si osa più e tutto viene visto e vissuto in chiave negativa.

Chi alza la testa e dimostra di agire bene, da imprenditore audace e capace, diventa subito il nemico da abbattere, perché è la mediocrità la nuova legge che impera in Italia.
Se c’è qualcuno che emerge, bisogna prontamente azzopparlo, o comunque frenarlo: non deve diventare grande impresa, deve ripiegare sui piccoli numeri. E così, a farsi avanti in questa campagna in sola chiave negativa, vi sono anche le stesse istituzioni, che anziché favorire le imprese migliori e potenzialmente efficienti, premiandole e sostenendole, preferiscono bloccarle per punirle della loro bravura e spirito di intraprendenza.

Quel che resta, è solo un abusato slogan, che risuona come un mantra: made in Italy, made in Italy, made in Italy, pronunciato ossessivamente, senza interruzione, solo per mettere a tacere la propria coscienza e mediocrità.

Luigi Caricato - 28-11-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Oleificio Zucchi premiato al Fancy Food per la sostenibilità

Oleificio Zucchi premiato al Fancy Food per la sostenibilità

Il 100 % Italiano Sostenibile si è aggiudicato l’Italian Food Awards USA 2018. Una giuria di importanti retailer, importatori e distributori statunitensi ha selezionato i quattordici prodotti italiani più innovativi dell’anno, tra cui il fiore all’occhiello dell’azienda olearia cremonese

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

L’olio è elemento cardine

In cucina non si può prescindere dalla scelta di un ottimo olio extra vergine di oliva. Il principio ispiratore deve essere riconducibile al territorio: gli oli del territorio con gli alimenti del territorio. Nostra intervista allo chef Vincenzo Butticè, del Ristorante “Il Moro” di Monza, nell’ambito della prima edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine numero 4

OOF International Magazine numero 4

Una monografia interamente dedicata agli abbinamenti olio/cibo. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese