Mercoledì 16 Ottobre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Prima la cultura, poi l’economia

Luigi Caricato

Oliocentrico, giunto al suo terzo numero, esce anche in agosto. Non sono previste pause. Forse un po’ si esagera. Senz’altro si sta esagerando, ma le mezze misure non sono adatte a un progetto di grande portata come Olio Officina.

Qualcuno pensa forse che si possa smettere di respirare e poi riprendere i consueti ritmi? Per noi l’impegno che ci siamo presi consiste proprio in questo: nell’essere sempre presenti. Per noi lavorare è come respirare. Così è stato all’inizio. E così resta ancora per noi, come un atteggiamento incontrovertibile. Semmai qualche dubbio su quanti ritengono di amare gli oli da olive lo abbiamo. Abbiamo per esempio notato che la maggioranza di chi si occupa a vario titolo di olio aspira solo a vendere, e poco interessa coltivare la conoscenza e diffonderla. La gran parte è disinteressata a fare cultura e a seminarla, diffondendola.

Creare un nuovo approccio con il “prodotto” olio e renderlo, anziché “merce”, un “marcatore culturale” fa la differenza. Per noi l’olio non è più solo un “prodotto” ma “materia prima”, non è “merce”, anche se ciò che si produce va necessariamente venduto, ma l’equivalente di un’opera letteraria o di un’opera d’arte. Questo è per noi l’olio. Eppure, facciamo fatica a farlo comprendere agli operatori del settore, ai titolari o ai manager delle aziende. Sono dei commerciali pure, non riescono i più ad andare oltre l’idea di vendere, non credono nell’olio.

Per molti l’olio è soltanto pura merce, e per il resto è massa grassa e nulla di più. Tutti perciò puntano il dito contro la Gdo, o contro i ristoratori che non capiscono, o se la prendono addirittura con il consumatore perché vuole solo risparmiare. In pochi si rendono conto che finché non si fa cultura, sarà sempre una sfida persa, e se qualche volta sul piano commerciale va bene, non è per sempre. La cultura fa la differenza. Prima la cultura, poi l’economia.

 

PER APPROFONDIRE

LEGGI IL NUMERO 3 DI OLIOCENTRICO

LEGGI IL NUMERO 2 DI OLIOCENTRICO

LEGGI IL NUMERO 1 DI OLIOCENTRICO



 

Luigi Caricato - 30-07-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

È Roberto Sassoni il nuovo general manager di Carapelli Firenze

Forte dei suoi ventisette anni di esperienza nel settore F&B e conserviero, si prepara a entrare nel mondo dell’olio con l’obiettivo di presidiare la qualità dei brand storici italiani del gruppo, tra cui Carapelli, Bertolli, Sasso e Friol, e di proseguire con lo sviluppo di prodotti premium e il percorso di valorizzazione della categoria

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Raccontare e sperimentare l’olio

Andare oltre le consuetudini. È molto importante mettersi in relazione con gli chef, perché possono ogni volta nascere idee nuove e preziose. La cucina va raccontata sempre, con tutte le sue emozioni; e anche l’olio extra vergine di oliva è uno di quei alimenti che va a sua volta raccontato, mettendolo in relazione con gli altri cibi. Da qui la creazione di nuovi prodotti, nati dalla collaborazione con gli chef. Intervista a Serena Mela, del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo