Martedì 20 Agosto 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Quando si viene censurati e non puoi far nulla

Luigi Caricato

Domenica scorsa ho postato su Instagram, e in condivisione anche su Facebook, una foto di Rogi André che ritrae, nuda, Dora Maar, celebre musa di Pablo Picasso e lei stessa fotografa e pittrice. 

La foto è di una bellezza straordinaria. Non vi è in essa alcuna volgarità, nessuna concessione al cattivo gusto, e peraltro nemmeno si scorgono i genitali. Si possono solo intuire, perché in un certo luogo questi, sì, effettivamente ci sono, ma non si vedono, è tutto un gioco d’ombre. È pura arte. È un grande inno alla bellezza e ho avuto il piacere di postare tale foto e condividerla con altrettanta gioia con chi mi segue, ma gli algoritmi dei social network, la cui proprietà ricade su Mark Zuckerberg, mi hanno censurato. 

Instagram in particolare scrive: “abbiamo rimosso il tuo post perché non segue le nostre linee guida della community in merito a nudo o pornografia”. E ricevo anche una minaccia: “il tuo account potrebbe subire limitazioni o essere disattivato”.

Anche Facebook ribadisce lo stesso concetto e mi avverte che l’immagine è visibile solo a me stesso. Insomma, mi viene concessa un’isola di solipsismo e di autocompiacimento. Ne prendo atto. Su questi canali social si vedono e si leggono tante aberrazioni e abusi, mai censurati, ma ci si impantana su un nudo d’arte. Di conseguenza, se così deve essere, così sia. Ognuno in casa propria stabilisce le proprie “linee guida” e queste vanno assolutamente rispettate: concordo, ma sono io, come Luigi Caricato, che su un piano affettivo e ideale mi autosospendo da Facebook e Instagram e nel prendere le distanze ammetto che i social sono come una rete - un Grande Fratello - che ti si si finge amico ma poi di fatto ti governa e ti domina, ti imbriglia, alterando la tua identità, perché se non c’è spazio per la libera espressione di una bellezza vuol dire che uno strumento che censurandoti ti spegne, condizionandoti, spingendoti all’autocensura. 

L'obiettivo è questo: condizionare e nel contempo fare reddito. Non c'è alcuna nobile causa se non quella del denaro e del potere. I canali social sono senza dubbio uno strumento piacevole, che alletta e cattura, che ti fa sentire bene e ti occupa tempo mentre il tempo in realtà te lo sottrae e crea quella distrazione dalla realtà alterando quella che tu pensi sia la realtà vera, ma poi questo strumento così seducente ti lascia in fondo solo l'apparenza della libertà. 

Ti senti coccolato dal social network, ma nello stesso tempo questo strumento ti altera in maniera subdola la coscienza e ti usa: sei soltanto un numero tra i tanti numeri che contribuisce pazientemente al dominio di pochi su interi popoli con il consenso degli stessi soggetti che rinunciano, facendovi parte, alla propria libertà. 

Cosi, molto spesso accade che è proprio ciò che sarebbe realmente censurabile e deprecabile, a non essere censurato, proprio perché giova di più al social network creare occasioni di insulto e litigio tra diversi soggetti, anziché favorire una reale fratellanza e integrazione tra la gente. 

Questa è dunque la nuova dimensione che ci si prospetta: non sono più le nazioni e i popoli a decidere di se stessi ma l’occhio invisibile del Grande Fratello che detta legge e artatamente ci condiziona. Il nero dell'immagine che vedete è, simbolicamente, lo spegnimento di ogni libertà individuale proprio nel momento in cui ci si illude di viverla e possederla. Non si è per niente liberi. Quanto all'immagine censurata, potete ammirare una delle foto di Rogi André che ritrae - oddio: nuda! - Dora Maar andando direttamente al Centre Georges Pompidou di Parigi, dove sono esposte dal 5 giugno al 21 luglio. Per saperne di più leggi QUI

La foto censurata è invece questa che potete ammirare.

 

 

Luigi Caricato - 11-06-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Messere Sforzato di Valtellina di Caven

Il vino della settimana è il Messere Sforzato di Valtellina di Caven

È stata degustata l'annata 2013, ed è una esplosione di aromi e gusti. Al naso è molto intenso e persistente. Al gusto, molto speziato, sorprende con note balsamiche di menta e cioccolato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Il successo di Carapelli for Art 2019 porta nuovo valore

Anche la seconda edizione del concorso è andata molto bene. Si è registrato infatti uno straordinario numero di candidature, oltre a un altissimo livello delle opere candidate. C'è grande attesa: i vincitori saranno annunciati nel mese di settembre. Il montepremi complessivo messo in palio dal concorso è di 12 mila euro, suddivisi tra le categorie "Open" e "Accademia"

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo