Sabato 21 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Rimboccarsi le maniche

Daniela Marcheschi

Morte degli intellettuali o riforma della cultura?

Come intellettuali, dovremmo più spesso pensare a quell'insegna di libertà che è il Manifesto agli intellettuali redatto da Carlo Antoni, connesso alla costituzione dell’Associazione italiana per la Libertà della Cultura. La data è quella del 1 dicembre 1951. Vi leggiamo:

Noi riteniamo che il mondo moderno possa proseguire nel suo avanzamento solamente in virtù di quel principio di libertà della coscienza, del pensiero, dell’espressione, che si è faticosamente conquistato nei passati secoli.
Riteniamo che, in quanto uomini e cittadini, anche coloro che professano le arti e le scienze siano tenuti ad impegnarsi nella vita politica e civile, ma che al di fuori delle tendenze e degli ideali politici e delle preferenze per l’una o per l’altra forma di ordinamento sociale e di struttura economica, sia loro dovere custodire e difendere la propria indipendenza, e che gravissima e senza perdono sia la loro responsabilità ove rinuncino a questa difesa.
E riteniamo infine che, nell’attuale periodo storico che ha visto e vede tanti sistematici attentati alla vita dell’arte e del pensiero da parte dei potenti del giorno, i liberi artisti e scienziati siano tenuti a prestarsi reciproca solidarietà e a confortarsi nel pericolo.

76 le firme, fra cui Arrigo Benedetti, Vitaliano Brancati, Piero Calamandrei, Nicola Chiaromonte, Eugenio Montale, Mario Pannunzio, Ferruccio Parri, Ernesto Rossi, Nina Ruffini, Gaetano Salvemini, Ignazio Silone, Mario Soldati.

Oggi si parla di morte o crisi dell'intellettuale; e gli intellettuali dovrebbero invece solo rimboccarsi le maniche: c'è tanto da fare, tanto da lavorare. In questo paese, dove anche la grande borghesia ragiona da piccola borghesia, occorre una vera riforma della cultura, e che questa faccia i conti con l'etica, appunto. Quegli scrittori, quei giornalisti, quegli intellettuali l'avevano già capito nel 1951.

L'Italia, terra delle occasioni perse, dei problemi incancreniti. Per un periodo si è asservita l'etica all'ideologia, considerata salvifica di per sé: la crisi dei partiti nasce anche da questo errore della cultura. Poi si sono asserviti i propri ideali personali al denaro e al potere: e abbiamo visto/vediamo spesso quanti intellettuali hanno gestito/gestiscono spazi pubblici o istituzionali di qualsiasi tipo nello stesso modo clientelare in cui vari politici e amministratori hanno gestito la cosa pubblica.

Perché? Perché spesso chi la fa, non crede nella cultura, non crede nei suoi valori di riscatto civile e morale e la ritiene qualcosa di inferiore: prima alla politica, ora all'economia. Soprattutto, non ne è cambiato.

Sì, questi intellettuali sono davvero morti. Lo riconoscano e si definiscano in altro modo.

 

 

 

Questa "Incursione" è stata anche pubblicata, in contemporanea, su Corso Italia 7, il supplemento culturale di Olio Officina Magazine

 

Daniela Marcheschi - 13-09-2016 - Tutti i diritti riservati

Daniela Marcheschi

Scrittrice e antropologa, è nata a Lucca, dove vive d’abitudine. Dirige la rivista letteraria "Corso Italia 7", supplemento culturale di "Olio Officina Magazine", fa parte della redazione di "Kamen’. Rivista Internazionale di Poesia e Filosofia", e collabora al supplemento domenicale del "Sole-24 Ore". Autrice di diversi volumi, tradotti in inglese, portoghese, tedesco, francese, svedese, spagnolo, neogreco, ha vinto il Rockefeller Award per la Letteratura nel 1996.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Si chiama Evo Selection. È il nuovo nato del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Novità di prodotto. Si amplia la gamma della Famiglia Mela di Imperia. Si tratta di un monocultivar Taggiasca che arricchisce l’ampia offerta di produzioni della nota azienda ligure. Si presenta con un abbigliaggio in chiave moderna, in linea con le esigenze di bellezza e bontà proprie del pubblico dei millenials

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Aurevo. L’olio al centro delle attenzioni

È una delle tre proposte ristorative presenti all’interno del Palazzo di Varignana. Per chi ha piacere di andarci, è possibile degustare tutti gli oli prodotti nelle tenute di Agrivar a Castel San Pietro Terme, sui colli bolognesi. Il contesto è unico e ha due anime: è un resort e insieme una azienda agricola con oltre 200 ettari. L’intervista a Eleonora Berardi, nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione. Tre i punti di forza: legame con il territorio, storia e tradizione

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo