Lunedì 09 Dicembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Si preferisce non discutere

Alfonso Pascale

Di Europa non si vuole discutere perché è un tema che mette tutti in questione. Eppure è del tutto evidente che gli Stati nazionali non sono sufficienti per affrontare i problemi quotidiani più rilevanti dei cittadini. La dimensione sovrana dello Stato non è più in grado di fornire una risposta adeguata alle dinamiche globali che hanno investito il pianeta. Non a caso gli Stati egemoni — Stati Uniti, Russia, Cina — hanno una dimensione continentale che supera di gran lunga quella degli Stati nazionali europei.

L'insofferenza verso la politica nasce prevalentemente da una diffusa percezione di impotenza e irrilevanza delle attuali istituzioni e delle attuali rappresentanze politiche e sociali. Ma le ragioni di fondo della condizione di ininfluenza e di incapacità delle istituzioni e delle rappresentanze politiche e sociali nel risolvere problemi di scala globale vanno ricercate nella mancanza di istituzioni democratiche effettivamente integrate a livello europeo, partiti e organizzazioni d'interessi autorevoli ed efficaci di dimensioni europee.

Dinanzi alle istituzioni e alle rappresentanze nazionali non c'è il dilemma se cedere più sovranità all'Europa o ritirare quella già ceduta. La vecchia sovranità non c'è più. Si tratta di costruire una sovranità europea ex novo. Europa politica non può significare che Europa sovrana. Si tratta di dare la dimensione europea alla democrazia rappresentativa e alle rappresentanze democratiche.

La società aperta oggi ha bisogno di un diverso assetto dei poteri, che superi lo status quo dell'attuale Ue, distinguendo bene l'area della cooperazione politica rafforzata da quella che è una una semplice area di libero scambio. È solo con una nuova sovranità europea su alcune questioni chiave che alcuni problemi possono essere efficacemente affrontati e non con patetiche retoriche su fantomatici recuperi di sovranità che isolerebbero l'Italia nella sua impotenza.

Questa sfida può essere vinta solo se prevarranno in tutta Europa forze politiche europeiste su quelle sovraniste. Ma è evidente che un'Europa sovrana, efficiente e democratica presuppone anche partiti e organizzazioni di rappresentanza di dimensioni europee. Non già le forme di coordinamento che esistono oggi, ma nuovi soggetti politici e sociali che abbiano la funzione di agire e influire quotidianamente nel mondo globale. Tale salto di qualità presuppone in chi deve compierlo un coraggio e un entusiasmo non comuni. E' per questo che di Europa si preferisce non discutere.

Alfonso Pascale - 06-02-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

L’Anteprima dell’olio Dop Umbria

Si è conclusa la prima edizione dedicata agli extra vergine con attestazione di origine prodotti nel corso dell’olivagione 2019

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Disponibile la nuova guida “Evooleum 2020”

Il gruppo editoriale Mercacei ha reso pubblica la nuova guida della quarta edizione dell'Evooleum World's Top100 Extravergine Olive Oils, in cui sono presentati i migliori 100 oli extra vergine d’oliva ottenuti in base ai risultati nell'ambito dell'Evooleum Awards. In questa guida deluxe, prologo del celebre chef Andoni Adúriz (Mugaritz), il lettore si può imbattere nelle ricette mediterranee dello chef 2 stelle Michelin Paco Roncero, negli articoli sugli usi culinari dell'olio extravergine di oliva, le destinazioni più alla moda, le ultime tendenze nel mondo del packaging e degli abbinamenti e tanto altro ancora