Giovedì 21 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Si preferisce non discutere

Alfonso Pascale

Di Europa non si vuole discutere perché è un tema che mette tutti in questione. Eppure è del tutto evidente che gli Stati nazionali non sono sufficienti per affrontare i problemi quotidiani più rilevanti dei cittadini. La dimensione sovrana dello Stato non è più in grado di fornire una risposta adeguata alle dinamiche globali che hanno investito il pianeta. Non a caso gli Stati egemoni — Stati Uniti, Russia, Cina — hanno una dimensione continentale che supera di gran lunga quella degli Stati nazionali europei.

L'insofferenza verso la politica nasce prevalentemente da una diffusa percezione di impotenza e irrilevanza delle attuali istituzioni e delle attuali rappresentanze politiche e sociali. Ma le ragioni di fondo della condizione di ininfluenza e di incapacità delle istituzioni e delle rappresentanze politiche e sociali nel risolvere problemi di scala globale vanno ricercate nella mancanza di istituzioni democratiche effettivamente integrate a livello europeo, partiti e organizzazioni d'interessi autorevoli ed efficaci di dimensioni europee.

Dinanzi alle istituzioni e alle rappresentanze nazionali non c'è il dilemma se cedere più sovranità all'Europa o ritirare quella già ceduta. La vecchia sovranità non c'è più. Si tratta di costruire una sovranità europea ex novo. Europa politica non può significare che Europa sovrana. Si tratta di dare la dimensione europea alla democrazia rappresentativa e alle rappresentanze democratiche.

La società aperta oggi ha bisogno di un diverso assetto dei poteri, che superi lo status quo dell'attuale Ue, distinguendo bene l'area della cooperazione politica rafforzata da quella che è una una semplice area di libero scambio. È solo con una nuova sovranità europea su alcune questioni chiave che alcuni problemi possono essere efficacemente affrontati e non con patetiche retoriche su fantomatici recuperi di sovranità che isolerebbero l'Italia nella sua impotenza.

Questa sfida può essere vinta solo se prevarranno in tutta Europa forze politiche europeiste su quelle sovraniste. Ma è evidente che un'Europa sovrana, efficiente e democratica presuppone anche partiti e organizzazioni di rappresentanza di dimensioni europee. Non già le forme di coordinamento che esistono oggi, ma nuovi soggetti politici e sociali che abbiano la funzione di agire e influire quotidianamente nel mondo globale. Tale salto di qualità presuppone in chi deve compierlo un coraggio e un entusiasmo non comuni. E' per questo che di Europa si preferisce non discutere.

Alfonso Pascale - 06-02-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le colture no food?

Le colture no food?

L'altra via dell'agricoltura. Esiste ORA un network internazionale, denominato Panacea, nato per diffondere la conoscenza delle colture non alimentari tra gli agricoltori e favorire di conseguenza i principi della bioeconomia. C'è spazio per bioplastiche ottenute da scarti agricoli, lubrificanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici, bioenergia, biocarburanti. Il tutto derivante da piante oleaginose (camelina, ricino), lignocellulosiche (canapa, canna comune), carboidrati (sorgo, barbabietola da zucchero) e tante altre colture > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria