Venerdì 16 Novembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Sono 30 anni che l’Italia olivicola è ferma

Luigi Caricato

A sostenerlo, nei giorni scorsi, non sono stato io, ma il professor Franco Famiani dell’Università di Perugia, in occasione di un convegno di cui ero anch’io relatore, a Castelmuzio, nella Toscana senese.

Ovviamente non mi limito a sottoscrivere tale implacabile, severo e funesto giudizio, ma colgo l’occasione per ribadire come questa denuncia di immobilismo assoluto io l’abbia fatta almeno vent’anni fa, non solo a parole pronunciate in privato e in pubblico, ma anche con articoli su carta stampata e sul web, ovunque e in qualsiasi contesto ho espresso la mia visione, allora dapprima inascoltata, poi avversata e contrastata, ora tutto è diverso. Si avvicina la fine dell’olivicoltura italiana per inedia e tutti se ne rendono ora conto, anche se non tutti ne comprendono ancora la via d’uscita. Credono che basti sperare e evocare la parola “cambiamento” perché tutto avvenga, ma nulla potrà avvenire, perché gli italiani sono malati di immobilismo, e più che alla decrescita felice puntano ostinatamente alla decrescita infelice. Ce la mettono tutta per osteggiare chi cerca ogni possibile soluzione per voltare pagina.

Franco Famiani è stato impietoso: “abbiamo piante vecchie, sesti irregolari, densità basse, difficoltà nell’ubicazione degli oliveti, piante vetuste che non si prestano alla meccanizzazione, oggettive problematicità di gestione, pochi impianti intensivi e moderni, collocazione degli ulivi su terreni non ottimali, con bassa redditività”. Insomma, non c’è speranza di risalire la china. Non piantiamo nemmeno olivi, quelli che lo fanno vengono contrastati e intralciati, anche derisi in alcuni casi. Forse dobbiamo interrogarci su cosa vogliamo fare. Siamo un popolo vecchio, senza energie, che si sta spegnendo, eppure la strada per voltare la pagina c’è. L’ho detto anni fa, senza essere ascoltato, poi  finanche in seguito denigrato e calunniato, per le cose dette e scritte, anche perché sostenere che le responsabilità siano state tutte di coloro che hanno gestito il sistema agricolo non piace, perché è una verità amara, ma presto, vedrete, tra altri trent’anni, ci sarà chi riconoscerà che effettivamente quel che andavo dicendo e scrivendo era giusto, le responsabilità sono di chi ha governato le organizzazioni agricole, ma ieri come ora sarà troppo tardi ormai, e si potrà solo constatare la causa del decesso dell’olivicoltura italiana. Saremo testimoni di una civiltà passata e i pochi imprenditori illuminati che hanno in tutti questi anni compiuto i propri passi in solitudine, investendo, credendoci, resteranno i nuovi paladini della olivicoltura della rinascita, perché poi alla fine la storia è ciclica, conosce avanzamenti e arretramenti. Peccato che oggi stiamo vivendo la fase di inesorabile declino, una crisi tanto più amara quanto più si rivela figlia della stoltezza di chi ancora insiste nell’ostacolare il progresso e la civiltà a suon di logori slogan made in Italy - made in Italy: per giungere dove?

Luigi Caricato - 23-10-2018 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Fare squadra. È l'ambizioso obiettivo che è stato sottoscritto dal presidente e ad Carapelli Firenze SpA Pierluigi Tosato, del gruppo Deoleo, e dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino. L'accordo è stato siglato a Roma e punta su innovazione e sviluppo del mercato degli oli extra vergini  di oliva di qualità superiore. 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti