Lunedì 25 Maggio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Sovranisti o europeisti? Quel che ci attende in futuro

Alfonso Pascale

I sovranisti criticano l’integrazione europea perché la considerano uno strumento volto a neutralizzare la capacità protettiva degli Stati. Che tale capacità degli Stati si sia indebolita è un dato di fatto che sta sotto gli occhi di tutti: siamo, infatti, dinanzi ad una polarizzazione sociale, che contrappone gli "avvantaggiati" e gli "svantaggiati" dell'apertura economica.

Per ovviare allo svantaggio, il sovranismo propone di ridurre l’integrazione economica, di rimpatriare competenze, di restituire agli Stati il controllo (se non la proprietà) di attività industriali e finanziarie. In poche parole, propone il protezionismo statale.

Per confutare questi argomenti, gli europeisti non si possono limitare a dire che il protezionismo statale ci renderebbe tutti più poveri. Ci sono molti cittadini che votano i partiti sovranisti perché sono interessati più a soluzioni stataliste che a visioni contrarie al mercato. La risposta degli europeisti ai timori di questi elettori deve, pertanto, necessariamente affrontare il tema del governo dell'apertura dei mercati per prevenire la polarizzazione sociale. Una questione che richiede la riforma del Trattato per rendere efficienti le istituzioni europee: un parlamento formato da due camere, quella dei popoli e quella degli stati, che esercita la funzione legislativa e di bilancio in modo esclusivo; dà o revoca la ‘fiducia’ al governo dell’Unione. 

I sovranisti giustificano il ritorno alle sovranità nazionali con la necessità di restituire ai “popoli” la loro capacità di difendere l'identità culturale, etnica e perfino religiosa. Per i sovranisti, l’Ue celebra il cittadino astratto ma non la sua comunità concreta. L’Ue viene vista come un progetto cosmopolita fatto di individui “che stanno da nessuna parte (nowhere)”, mentre il popolo è fatto di gente che “sta da qualche parte (somewhere)”. Di qui, il rifiuto radicale dell’immigrazione. A Budapest o a Varsavia, in nome della difesa delle tradizioni costituzionali nazionali, viene ridimensionata l’indipendenza del potere giudiziario o l’autonomia del sistema dei media dal potere politico.

Per confutare queste tesi, gli europeisti non possono solo dire che il populismo ci renderebbe tutti meno liberi e che l'immigrazione potrebbe costituire una risorsa. I cittadini che votano i partiti sovranisti temono che la costruzione di un super-stato europeo sostituisca gli attuali stati, i quali oggi garantiscono i diritti conquistati nei decenni scorsi. La risposta degli europeisti a queste legittime preoccupazioni deve necessariamente affrontare il tema del riconoscimento delle identità nazionali. Una questione che richiede una riforma del Trattato. Si tratta, infatti, di confermare la sovranità degli stati nazionali su gran parte delle competenze che riguardano la vita dei cittadini (anche restituendo agli stati competenze impropriamente gestire dall'Ue) e di definire con precisione le poche competenze essenziali che effettivamente necessitano di essere svolte in una dimensione sovranazionale (difesa, sicurezza, migrazioni, commercio internazionale, sistema della conoscenza e dell'innovazione, cambiamenti climatici). Va, inoltre, affermata la centralità del Parlamento europeo nella cura, salvaguardia e difesa dei principi di democrazia e dello Stato di diritto in tutte le articolazioni dell’Unione e negli Stati membri. La democratizzazione dell'Unione non va fatta pensando di ripetere l’esperienza degli Stati nazionali. Dobbiamo abituarci a ragionare su forme di democrazia rappresentativa senza Stato perché una di queste incarnerà l'Unione europea del futuro.

Alfonso Pascale - 14-05-2019 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il Casa Coricelli 100% italiano

Il Casa Coricelli 100% italiano

Il punto di forza e di novità è nella tracciabilità certificata, ben evidenziata in etichetta. Il numero di lotto rimanda a una materia prima pugliese, e in particolare proveniente dalle province di Taranto e Brindisi. Sapidità, armonia, morbidezza, una nota dolce persistente al primo impatto, il gusto che ricorda il carciofo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Ricetta d’autore: Budino di pane al cioccolato con zuppa di fragole, menta e olio extra vergine di oliva

Marisa Iocco, chef e patron di Spiga Ristorante a Boston, ci propone un dolce tipicamente americano, molto popolare e ormai ritenuto così familiare da non poterlo togliere dal menu, per quanto è richiesto. Lo stesso dolce è stato proposto in occasione del progetto di comunicazione e formazione che si è tenuto a fine 2019 a Boston, Providence e New York, organizzato dai consorzi di qualità degli oli extra vergini di oliva Ceq Italia e, per la Spagna, da QvExtra! con il supporto dell’Unione europea

EXTRA MOENIA
Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp

Ecco il miglior Aceto Balsamico di Modena Igp

L’organizzazione tedesca Stiftung Warentest, nota per la propria indipendenza e imparzialità, ha reso noto, attraverso le pagine della sua rivista Test, i risultati di una serie di analisi effettuate su ben 19 aceti balsamici di Modena. A guadagnare il più alto gradino sul podio è stato l’Igp “5 Grappoli invecchiato” dell’Acetaia Giuseppe Cremonini di Spilamberto

GIRO WEB
Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Una piattaforma per cercare manodopera nei campi

Si chiama “Lavora con agricoltori italiani” ed è una iniziativa di Cia-Agricoltori Italiani. Si tratta, per l'esattezza, di un portale di intermediazione per mettere in contatto lavoratori e aziende agricole. Ora però si attendono misure concrete da parte delle Istituzioni, la mancanza di manodopera desta non poche preoccupazioni

OO VIDEO

Il sottocosto dell’olio extra vergine di oliva

È un approccio commerciale decisamente sbagliato, perché non attribuisce il reale valore a un olio che vanta invece grandi meriti nutrizionali, salutistici e perfino edonistici. Ne abbiamo parlato con Andrea Carrassi, direttore generale di Assitol, organizzazione da tempo impegnata a contrastare pratiche commerciali che sviliscono un prodotto di alto valore

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Tutto sull’olio. Una guida essenziale

Non tutti gli italiani conoscono l'olio extra vergine di oliva. Lo consumano, certo, ma ne ignorano la natura e il valore. Lo si vede da come acquistano l’olio al supermercato, scegliendo sempre quello in offerta al prezzo più stracciato. Ecco allora un utile strumento per acquisire le giuste conoscenze e imparare a impiegare al meglio tutti gli extra vergini > Silvia Ruggieri