Giovedì 21 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Tutto si fonda sul consenso

Alfonso Pascale

Scorrendo i "pizzini" di Bernardo Provenzano, si scopre che egli non si occupava solo di dirigere Cosa nostra, ma spesso si prodigava per favorire un'assunzione, far superare un esame di maturità, soddisfare una richiesta di informazioni utili per un fidanzamento. Che si trattasse di uomini d'onore o di persone solo vicine all'organizzazione, il capo corleonese non ha fatto mai mancare il suo "autorevole" intervento. Anche Giuseppe Pelle, uno dei capi della 'ndrangheta, aveva relazioni con imprenditori e politici e interveniva per orientare pacchetti di voti o dissuadere un locatore dal far pagare ad un conduttore di un appartamento oneri che a suo dire non gli spettavano.

Ma la socialità mafiosa s'indirizza prevalentemente verso gli strati inferiori. Nino Rotolo, uno dei capi mafiosi palermitani così si esprimeva con uno dei suoi affiliati:

Noi campiamo per il popolino... prima uno deve rispettare la gentuccia del quartiere per essere voluto bene, perché tu non devi essere, come dire, temuto, tu devi essere voluto bene, che è diverso! perché il rispetto, signori miei, è una cosa, la soggezione è un'altra cosa! appena ti giri... la soggezione... e un altro ha la possibilità un colpo di pugnale te lo dà! Ma se tu, come si dice, fai del bene, la pugnalata non te la dà nessuno.


Lo stesso concetto esprimeva anche un esponente della 'ndrangheta in un colloquio con un suo collega:

Una volta non era la paura che ti portava a portare rispetto agli "uomini" (cioè ai mafiosi); ora da vent'anni a questa parte è paura, non è più rispetto, ma è paura.


E continua Giuseppe Pelle, rivolto ad un altro 'ndranghetista:

Voi seminate, non seminate male... Con i cristiani che ti ricordano il bene... no il male!... perché il popolo è stanco! Non è che puoi dire... 'a voglia che li minacci le persone a fare... sì, sì, minacciano... che minacci oggi, che è più tempo di minacce? con le minacce ti combini... Ma poi uno... se lo prendi con le buone, se le fai con le buone, con garbo, con cose... e ha il garbo verso le persone, ognuno... dice va be'...


Scrivono Giuseppe Pignatone e Michele Prestipino in Piccolo glossario delle mafie, tratto dai documenti ufficiali di Cosa nostra e della 'ndrangheta:

L'adeguamento alle regole mafiose si conquista creando consenso, non con le minacce, che invece generano paura: è un concetto chiaro che accomuna mafiosi e 'ndranghetisti ai diversi livelli, consapevoli che il venir meno di quel consenso costituirebbe un gravissimo pericolo per la stessa sussistenza delle rispettive organizzazioni mafiose, che proprio in questo tessuto di relazioni con il resto della società trovano il punto di distinzione dalle altre forme di criminalità organizzata.

Alfonso Pascale - 25-11-2014 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le colture no food?

Le colture no food?

L'altra via dell'agricoltura. Esiste ORA un network internazionale, denominato Panacea, nato per diffondere la conoscenza delle colture non alimentari tra gli agricoltori e favorire di conseguenza i principi della bioeconomia. C'è spazio per bioplastiche ottenute da scarti agricoli, lubrificanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici, bioenergia, biocarburanti. Il tutto derivante da piante oleaginose (camelina, ricino), lignocellulosiche (canapa, canna comune), carboidrati (sorgo, barbabietola da zucchero) e tante altre colture > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria