19 Gennaio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Tutto si fonda sul consenso

Alfonso Pascale

Scorrendo i "pizzini" di Bernardo Provenzano, si scopre che egli non si occupava solo di dirigere Cosa nostra, ma spesso si prodigava per favorire un'assunzione, far superare un esame di maturità, soddisfare una richiesta di informazioni utili per un fidanzamento. Che si trattasse di uomini d'onore o di persone solo vicine all'organizzazione, il capo corleonese non ha fatto mai mancare il suo "autorevole" intervento. Anche Giuseppe Pelle, uno dei capi della 'ndrangheta, aveva relazioni con imprenditori e politici e interveniva per orientare pacchetti di voti o dissuadere un locatore dal far pagare ad un conduttore di un appartamento oneri che a suo dire non gli spettavano.

Ma la socialità mafiosa s'indirizza prevalentemente verso gli strati inferiori. Nino Rotolo, uno dei capi mafiosi palermitani così si esprimeva con uno dei suoi affiliati:

Noi campiamo per il popolino... prima uno deve rispettare la gentuccia del quartiere per essere voluto bene, perché tu non devi essere, come dire, temuto, tu devi essere voluto bene, che è diverso! perché il rispetto, signori miei, è una cosa, la soggezione è un'altra cosa! appena ti giri... la soggezione... e un altro ha la possibilità un colpo di pugnale te lo dà! Ma se tu, come si dice, fai del bene, la pugnalata non te la dà nessuno.


Lo stesso concetto esprimeva anche un esponente della 'ndrangheta in un colloquio con un suo collega:

Una volta non era la paura che ti portava a portare rispetto agli "uomini" (cioè ai mafiosi); ora da vent'anni a questa parte è paura, non è più rispetto, ma è paura.


E continua Giuseppe Pelle, rivolto ad un altro 'ndranghetista:

Voi seminate, non seminate male... Con i cristiani che ti ricordano il bene... no il male!... perché il popolo è stanco! Non è che puoi dire... 'a voglia che li minacci le persone a fare... sì, sì, minacciano... che minacci oggi, che è più tempo di minacce? con le minacce ti combini... Ma poi uno... se lo prendi con le buone, se le fai con le buone, con garbo, con cose... e ha il garbo verso le persone, ognuno... dice va be'...


Scrivono Giuseppe Pignatone e Michele Prestipino in Piccolo glossario delle mafie, tratto dai documenti ufficiali di Cosa nostra e della 'ndrangheta:

L'adeguamento alle regole mafiose si conquista creando consenso, non con le minacce, che invece generano paura: è un concetto chiaro che accomuna mafiosi e 'ndranghetisti ai diversi livelli, consapevoli che il venir meno di quel consenso costituirebbe un gravissimo pericolo per la stessa sussistenza delle rispettive organizzazioni mafiose, che proprio in questo tessuto di relazioni con il resto della società trovano il punto di distinzione dalle altre forme di criminalità organizzata.

Alfonso Pascale - 25-11-2014 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
“Ieri è oggi e anche domani”, il nuovo romanzo di Monica Sommacampagna

“Ieri è oggi e anche domani”, il nuovo romanzo di Monica Sommacampagna

Edito da il Seme Bianco, è il terzo romanzo per l’autrice. Una prima presentazione di questo suo nuovo libro, si svolgerà giovedì 16 gennaio alle ore 18 presso la Feltrinelli Libri e Musica a Verona, in Via Quattro Spade 2. L’autrice dialogherà con la giornalista de L’Arena Laura Perina e inoltre ci sarà un reading realizzato da Isabella Caserta, direttrice artistica del Teatro Scientifico – Teatro Laboratorio e attrice, in modo tale da rendere più appassionanti le parti più vivaci e toccanti del romanzo. Alla fine dell’incontro, si potranno degustare i vini biologici dell’azienda vitivinicola La Cappuccina.

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo