Giovedì 22 Giugno 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Un atto di coraggio e tanta temerarietà

Luigi Caricato

Investire in Italia, oggi, comporta un notevole atto di coraggio e tanta temerarietà.

Agli imprenditori suggerisco sempre di operare altrove, creando ricchezza e benessere in altri luoghi, non ostili alle idee e alle innovazioni. Fermarsi solo all’Italia equivale a spegnersi lentamente.

Creare imprese in altri Paesi equivale a dimostrare che i talenti in Italia ci sono, e ce ne sono tanti, ma non emergono solo perché la palla al piede è proprio l’Italia, con il discutibile sistema che la governa.

Non ha d’altra parte alcun senso insistere là dove le condizioni non sono favorevoli, o addirittura ostative, là dove è lo Stato a taglieggiare cittadini e imprese al pari della criminalità con il racket, con la differenza, tuttavia, che lo Stato è egli stesso vittima della criminalità, perché di fatto non è in grado di fronteggiarla difendendo e tutelando i propri cittadini.

Le energie vanno dunque ben dosate. Ogni spreco di energia è deleterio e inutile, oltre che controproducente. Un’impresa non si regge in piedi, o lo fa a fatica, se non ha un ambiente favorevole.

Piaccia o meno, l’Italia sta attraversando purtroppo un fase discendente, di grande arretramento e di perdita di sé. Non so se sia giusto essere così crudi, nell’affermare una simile verità, ma non si può certo tacere.

Non ci si può nascondere. Le responsabilità di tale situazione non sono mai di qualcuno in particolare, ma di tutti. Tutti hanno gravi colpe, sia ben chiaro. Uno Stato affonda perché anche il suo popolo ha fatto la propria parte in questa discesa verso il basso.

Se c’è tuttavia da accusare una singola parte, più di tutte le altre, questa allora è riconoscibile espressamente nelle Istituzioni, ovvero in tutti quegli elementi che costituiscono l’apparato burocratico. Non il corpo politico, che pure ha gravissime responsabilità, ma i burocrati.

Il peggio in assoluto viene proprio dai soggetti interni alle Istituzioni. Sono loro il cattivo esempio. Usano la burocrazia per esercitare un potere discrezionale su persone e imprese. Tengono pertanto in ostaggio il Paese solo per un loro tornaconto personale, e tutti ne sono vittime.

È solo abbattendo il vetusto apparato burocratico che incombe sul Paese come una spada di Damocle che può esserci un timido accenno di speranza per un cambiamento.

Nonostante queste mie considerazioni, resto sempre ottimista, anche perché il Paese potrà salvarsi, ma, la parte più realistica di me crede nel medesimo tempo che, molto oggettivamente, si tratta di una sfida quanto mai improba, ed è proprio per questo che ritengo l’invito a investire altrove la via più saggia per risollevare indirettamente il Paese.

Non conosco altre soluzioni.

Luigi Caricato - 30-05-2017 - Tutti i diritti riservati

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Tofu grigliato su crema di melanzane, cipolla egiziana ligure e fantasia dell’orto

Tofu grigliato su crema di melanzane, cipolla egiziana ligure e fantasia dell’orto

Non c'è più la cucina di una volta. Ora, oltre alla bontà e biodiversità delle materie prime, c'è anche un componente principale da non trascurare: la fantasia. Viene prima questa, infatti, e solo in un secondo momento tutto il resto. Tra gli ingredienti, vi sono pure i fiori eduli > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Festival dei Due Mondi di Spoleto. L’investimento nella cultura si ripaga

Festival dei Due Mondi di Spoleto. L’investimento nella cultura si ripaga

Il mecenatismo d’impresa secondo l'imprenditrice della nota casa olearia umbra. "Sono convinta - precisa Maria Flora Monini - che per un imprenditore che vive oggi in un Paese come l’Italia, esista il dovere morale di contribuire alla preservazione e diffusione di quello che è un patrimonio culturale immenso, fondamentale risorsa economica per la nostra nazione, soprattutto in un momento difficile come quello che stiamo vivendo"

GIRO WEB
Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

Luigi Caricato racconta Wooe 2017

L'esperienza del direttore di Olio Officina Magazine intorno alla sesta edizione del World Olive Oil Exhibition che si è svolto lo scorso marzo a Madrid

BIBLIOTECA OLEARIA
OOF International Magazine, in libreria e su abbonamento

OOF International Magazine, in libreria e su abbonamento

Il primo numero è disponibile da giugno nelle librerie, ma è anche possibile abbonarsi al trimestrale edito da Olio Officina. C'è grande fermento culturale, il primo numero, in edizione bilingue italiano/inglese, è dedicato al packaging: la rivoluzione silenziosa