Giovedì 21 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Un'idea laica dell’economia

Alfonso Pascale

Il primo maggio è associato alla festa del lavoro. Per molti giovani è la festa di qualcosa che ancora non c’è. Per tanti è la festa di qualcosa che si è perduto e non si è ancora ritrovato.

Non aver mai lavorato o non lavorare per lunghi periodi comporta gravi sofferenze sotto il profilo psicologico. Una sofferenza che nulla ha a che vedere con il minor reddito, ma con la perdita dell’autostima e del rispetto di sé. Restare a lungo disoccupati significa erodere sensibilmente le proprie capacità effettive di conseguire gli obiettivi di vita.
Queste semplici considerazioni dovrebbero spingere verso l'adozione di misure capaci di incidere sui meccanismi di crescita.
Una di queste misure è sicuramente l’eliminazione degli ostacoli che impediscono l’espansione dell’economia civile.

Bisogna innanzitutto abbattere il pregiudizio negativo nei confronti dell’economia civile e convincersi che si può fare impresa – e dunque essere parte della sfera economica – anche quando si perseguono fini di interesse generale. Le politiche pubbliche ancora non riconoscono questa realtà.
Occorre, poi, rottamare il pensiero unico della concorrenza, quello che considera ogni scambio economico come arena in cui ci sono necessariamente vincitori e perdenti, e recuperare invece il significato etimologico della parola “competere” (cum-petere = crescere insieme).

L’economia civile si potrà espandere non già combattendo le imprese capitalistiche ma affermando un’idea pluralistica degli ethos del mercato, cosa che le politiche ancora non fanno a causa del conflitto imperante tra il pensiero unico del modello imprenditoriale capitalistico e il pensiero unico del modello sociale anticapitalistico.

L’economia civile potrà prosperare solo se si abbandoneranno i pensieri unici e si affermerà un'idea laica dell’economia: pluralistica, collaborativa, reciprocante.

L’economia civile potrà contribuire a creare lavoro se si avvieranno progetti territoriali al fine di promuovere partecipazione, coesione, inclusione, sviluppo locale, legalità e interazione tra le diverse culture. Si tratta di far crescere le persone, la qualità umana dei singoli mediante l’aumento della buona occupazione e della relazionalità.

Alfonso Pascale - 05-05-2015 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le colture no food?

Le colture no food?

L'altra via dell'agricoltura. Esiste ORA un network internazionale, denominato Panacea, nato per diffondere la conoscenza delle colture non alimentari tra gli agricoltori e favorire di conseguenza i principi della bioeconomia. C'è spazio per bioplastiche ottenute da scarti agricoli, lubrificanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici, bioenergia, biocarburanti. Il tutto derivante da piante oleaginose (camelina, ricino), lignocellulosiche (canapa, canna comune), carboidrati (sorgo, barbabietola da zucchero) e tante altre colture > Marcello Ortenzi

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria