19 Gennaio 2020 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Un'idea laica dell’economia

Alfonso Pascale

Il primo maggio è associato alla festa del lavoro. Per molti giovani è la festa di qualcosa che ancora non c’è. Per tanti è la festa di qualcosa che si è perduto e non si è ancora ritrovato.

Non aver mai lavorato o non lavorare per lunghi periodi comporta gravi sofferenze sotto il profilo psicologico. Una sofferenza che nulla ha a che vedere con il minor reddito, ma con la perdita dell’autostima e del rispetto di sé. Restare a lungo disoccupati significa erodere sensibilmente le proprie capacità effettive di conseguire gli obiettivi di vita.
Queste semplici considerazioni dovrebbero spingere verso l'adozione di misure capaci di incidere sui meccanismi di crescita.
Una di queste misure è sicuramente l’eliminazione degli ostacoli che impediscono l’espansione dell’economia civile.

Bisogna innanzitutto abbattere il pregiudizio negativo nei confronti dell’economia civile e convincersi che si può fare impresa – e dunque essere parte della sfera economica – anche quando si perseguono fini di interesse generale. Le politiche pubbliche ancora non riconoscono questa realtà.
Occorre, poi, rottamare il pensiero unico della concorrenza, quello che considera ogni scambio economico come arena in cui ci sono necessariamente vincitori e perdenti, e recuperare invece il significato etimologico della parola “competere” (cum-petere = crescere insieme).

L’economia civile si potrà espandere non già combattendo le imprese capitalistiche ma affermando un’idea pluralistica degli ethos del mercato, cosa che le politiche ancora non fanno a causa del conflitto imperante tra il pensiero unico del modello imprenditoriale capitalistico e il pensiero unico del modello sociale anticapitalistico.

L’economia civile potrà prosperare solo se si abbandoneranno i pensieri unici e si affermerà un'idea laica dell’economia: pluralistica, collaborativa, reciprocante.

L’economia civile potrà contribuire a creare lavoro se si avvieranno progetti territoriali al fine di promuovere partecipazione, coesione, inclusione, sviluppo locale, legalità e interazione tra le diverse culture. Si tratta di far crescere le persone, la qualità umana dei singoli mediante l’aumento della buona occupazione e della relazionalità.

Alfonso Pascale - 05-05-2015 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Conoscete l'olio Dop Provence?

Conoscete l'olio Dop Provence?

Sul mensile Oliocentrico di ottobre abbiamo ospitato la recensione di un olio francese, del Moulin à huile d’olive «Bastide du Laval», operativo a Cadenet, ottenuto a partire da olive Aglandau, Salonenque, Cayon, Bouteillan e Picholine. Sul numero 5 della rivista si può leggere la versione in lingua francese, qui quella in lingua italiana > Cécile Le Galliard

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

L’oliva al piatto e la torta evo, due ricette d’autore

Lo chef Damiano Carrara ha realizzato per Monini due dessert in cui l’olio extra vergine di oliva è protagonista oltre che in cucina anche in pasticceria: un’alternativa più salutare rispetto al burro

EXTRA MOENIA
“Ieri è oggi e anche domani”, il nuovo romanzo di Monica Sommacampagna

“Ieri è oggi e anche domani”, il nuovo romanzo di Monica Sommacampagna

Edito da il Seme Bianco, è il terzo romanzo per l’autrice. Una prima presentazione di questo suo nuovo libro, si svolgerà giovedì 16 gennaio alle ore 18 presso la Feltrinelli Libri e Musica a Verona, in Via Quattro Spade 2. L’autrice dialogherà con la giornalista de L’Arena Laura Perina e inoltre ci sarà un reading realizzato da Isabella Caserta, direttrice artistica del Teatro Scientifico – Teatro Laboratorio e attrice, in modo tale da rendere più appassionanti le parti più vivaci e toccanti del romanzo. Alla fine dell’incontro, si potranno degustare i vini biologici dell’azienda vitivinicola La Cappuccina.

GIRO WEB
Coi, nuovo sito web

Coi, nuovo sito web

Il 19 novembre è entrato in funzione un rinnovato website, più facilmente navigabile e agevole, in linea con le tecnologie più avanzate. Un utile strumento web per essere costantemente aggiornati sulle news del Consiglio oleicolo internazionale.  Si tratta di un solido punto di riferimento per il mondo olivicolo e oleario mondiale da tenere sempre sotto osservazione. Tante le novità

OO VIDEO

Diminuisce il consumo degli oli da olive

Se da un lato si riduce la quantità d’olio utilizzata nel consumo domestico, dall’altra cresce la quantità di olio prodotto nel mondo. Questo accade nei Paesi tradizionali – Grecia, Italia, Spagna - dove storicamente si è sempre utilizzato l’olio ricavato dalle olive. L’analisi della tecnologa alimentare Daniela Capogna, intervistata nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione

BIBLIOTECA OLEARIA
Tutto sull'olio

Tutto sull'olio

Il titolo è alquanto eloquente, nondimeno il sottotitolo: "Guida essenziale alla conoscenza
e all’utilizzo degli extra vergini a tavola e in cucina". Ne è autore l'oleologo Francesco Caricato, direttore del centro culturale Casa dell'Olivo