Lunedì 23 Settembre 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Un mondo infiammato

Alfonso Pascale

La mia nipotina Miriam è stata bravissima. Si è laureata in Studi letterari, linguistici e storico-filosofici dissertando su una tesi in Storia della Filosofia. La prova è stata valutata in 110/110 con lode. Il lavoro s'intitola "Il labirinto inestricabile del libero arbitrio. Il dibattito tra Lutero ed Erasmo".

Affascinata dalla profondità del pensiero di entrambi questi pilastri della modernità, Miriam ha dapprima sintetizzato il profilo teologico-filosofico dei due e poi ha mostrato di prediligere l'impianto teorico della responsabilità etica individuale di Erasmo.

Sono rimasto colpito dalla lucidità con cui è passata dalla dimensione individuale a quella collettiva della lezione di Erasmo, quando questa si tramuta in impegno per la pace tra gli uomini, le chiese o le nazioni.

La pace è stata sempre il più grande programma sociale di Erasmo; un obiettivo perseguibile da parte di coloro che si assumono la responsabilità di agire rettamente e di occupare una posizione dottrinale equilibrata e ripulita dalle "esagerazioni".

Egli è convinto che l'esito dell'azione riformatrice di Lutero non avrebbe portato ad altro che ad una nuova "teologia infatuata di sé stessa", ad una nuova Chiesa; insomma a "scacciare un chiodo conficcandovi al suo posto un chiodo nuovo".

A differenza di Lutero, non è nella sua indole porsi a petto scoperto contro il mondo: animo gentile e delicato, Erasmo prova una sincera avversione per i litigi, o per tutto ciò che appare torbido e disarmonico.

La pace e l'armonia valgono per lui più di ogni altra cosa, e assieme ad esse la dignità dell'uomo, la ragione, l'amore reciproco. Rimane fedele a questi valori soltanto piuttosto che ad un singolo partito.

"E se per questa sua natura appartata e paziente - conclude Miriam - per lungo tempo non è rientrato tra gli eroi della storia al fianco di figure passionali, temerarie nel furore della loro fede, oggi si rivela di un'attualità notevole: in un mondo infiammato ancora da diversità etniche, culturali, ideologiche, religiose, vissute come apparenenze in contrasto tra loro, la soluzione potrebbe risiedere in un confronto non violento e onesto tra presunti 'nemici', aperto in maniera franca e disinteressata verso le diversità".

Si tratta di un'attualizzazione convincente del pensiero di Erasmo in un mondo come il nostro che ha bisogno di praticare il pluralismo e il rispetto reciproco tra i diversi ethos del mercato, le diversità culturali, gli stili di vita e i modelli di produzione e di consumo.

Complimenti a Miriam per il bel lavoro che ha svolto e molti auguri per il suo futuro.

Alfonso Pascale - 22-07-2014 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gianni Lezzi

13:42 | 22 luglio 2014

Complimenti! Ottima pagina di riflessione, giusto il contrario di quanto per secoli si è insegnato ed, immagino, si insegni ancora nelle facoltà economiche: massimo rendimento col minimo sforzo. Considerato che, il pensiero dei cittadini/consumatori si può sempre tentare di "pilotare" grazie proprio ai lauti profitti derivanti dalla stessa attività economica d'assalto.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

Il vino della settimana è il Valpolicella Classico Superiore di Zenato

L'azienda, di Peschiera del Garda, nel Veneto veronese, opera sia nell'area gardesana, sia in Valpolicella. Nei suoi 75 ettari produce vini di qualità nel rispetto del territorio e valorizzando i vitigni autoctoni. Quello in degustazione,  da uve Corvina Veronese, Rondinella e Corvinone, è un rosso rubino, con note di frutta matura, molto balsamico, e che con l’ossigenazione evolve allo speziato > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

“Ho fatto un pasticcio”, con olio Zucchi “Sostenibile” 100% italiano

Avete mai sentito parlare di "ricette oliocentriche"? Si parte dalla materia prima olio e a partire da questa si scelgono gli altri ingredienti per giungere alla costruzione di una ricetta. Ecco allora una pratica dimostrazione con la chef Sara Latagliata. La ricetta è stata realizzata per il numero 9 di OOF International Magazine

EXTRA MOENIA
Un pack nuovo per le Monocultivar Olitalia

Un pack nuovo per le Monocultivar Olitalia

Notizie dalle aziende. Nuove etichette per una linea di punta: gli oli extra vergini di oliva ottenuti da singole cultivar.  Emerge un tratto più elegante e distintivo, che pone l’attenzione sulla qualità e sulla provenienza 100% italiana

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

In cosa consiste la scelta consapevole di un olio?

L’agronomo Gianandrea Ettorre, di Palazzo di Varignana, intervistato nell’ambito della seconda edizione del Forum Olio & Ristorazione, spiega i criteri di abbinamento di un olio in cucina, in base al profilo sensoriale degli oli

BIBLIOTECA OLEARIA
Il codice sensoriale olio di oliva

Il codice sensoriale olio di oliva

È il libro del tecnologo alimentare William Loria, edito dal Centro Studi Assaggiatori. Un manuale di sole 96 pagine in cui si condensa un sapere essenziale > Maria Carla Squeo