Martedì 26 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > incursioni

Un mondo infiammato

Alfonso Pascale

La mia nipotina Miriam è stata bravissima. Si è laureata in Studi letterari, linguistici e storico-filosofici dissertando su una tesi in Storia della Filosofia. La prova è stata valutata in 110/110 con lode. Il lavoro s'intitola "Il labirinto inestricabile del libero arbitrio. Il dibattito tra Lutero ed Erasmo".

Affascinata dalla profondità del pensiero di entrambi questi pilastri della modernità, Miriam ha dapprima sintetizzato il profilo teologico-filosofico dei due e poi ha mostrato di prediligere l'impianto teorico della responsabilità etica individuale di Erasmo.

Sono rimasto colpito dalla lucidità con cui è passata dalla dimensione individuale a quella collettiva della lezione di Erasmo, quando questa si tramuta in impegno per la pace tra gli uomini, le chiese o le nazioni.

La pace è stata sempre il più grande programma sociale di Erasmo; un obiettivo perseguibile da parte di coloro che si assumono la responsabilità di agire rettamente e di occupare una posizione dottrinale equilibrata e ripulita dalle "esagerazioni".

Egli è convinto che l'esito dell'azione riformatrice di Lutero non avrebbe portato ad altro che ad una nuova "teologia infatuata di sé stessa", ad una nuova Chiesa; insomma a "scacciare un chiodo conficcandovi al suo posto un chiodo nuovo".

A differenza di Lutero, non è nella sua indole porsi a petto scoperto contro il mondo: animo gentile e delicato, Erasmo prova una sincera avversione per i litigi, o per tutto ciò che appare torbido e disarmonico.

La pace e l'armonia valgono per lui più di ogni altra cosa, e assieme ad esse la dignità dell'uomo, la ragione, l'amore reciproco. Rimane fedele a questi valori soltanto piuttosto che ad un singolo partito.

"E se per questa sua natura appartata e paziente - conclude Miriam - per lungo tempo non è rientrato tra gli eroi della storia al fianco di figure passionali, temerarie nel furore della loro fede, oggi si rivela di un'attualità notevole: in un mondo infiammato ancora da diversità etniche, culturali, ideologiche, religiose, vissute come apparenenze in contrasto tra loro, la soluzione potrebbe risiedere in un confronto non violento e onesto tra presunti 'nemici', aperto in maniera franca e disinteressata verso le diversità".

Si tratta di un'attualizzazione convincente del pensiero di Erasmo in un mondo come il nostro che ha bisogno di praticare il pluralismo e il rispetto reciproco tra i diversi ethos del mercato, le diversità culturali, gli stili di vita e i modelli di produzione e di consumo.

Complimenti a Miriam per il bel lavoro che ha svolto e molti auguri per il suo futuro.

Alfonso Pascale - 22-07-2014 - Tutti i diritti riservati

COMMENTI

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.
Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gianni Lezzi

13:42 | 22 luglio 2014

Complimenti! Ottima pagina di riflessione, giusto il contrario di quanto per secoli si è insegnato ed, immagino, si insegni ancora nelle facoltà economiche: massimo rendimento col minimo sforzo. Considerato che, il pensiero dei cittadini/consumatori si può sempre tentare di "pilotare" grazie proprio ai lauti profitti derivanti dalla stessa attività economica d'assalto.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
Le olive da tavola a marchio Carapelli

Le olive da tavola a marchio Carapelli

Novità di prodotto. E ora non soltanto l’olio, anche il frutto dell’oliva destinato al consumo tal quale. In diverse soluzioni e varianti. In vaso in vetro, con tre varietà: Leccino, Peranzana e Taggiasca; e in busta stand up per uno snack comodo da provare in ogni occasione, anche fuori casa

 

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria