Lunedì 19 Novembre 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

Promuovere l’olio in Italia

Promuovere l’olio in Italia

Vi ricordate, mesi fa, la campagna di promozione istituzionale “Olio Extra Vergine. La sua ricchezza, la nostra fortuna”? Dimenticatela. È stata una iniziativa fallimentare. Una vergogna inaudita. Uno spreco di danaro pubblico senza precedenti. L’iniziativa più mediocre di sempre. Il Ministero delle Politiche agricole si è illuso di poter sensibilizzare i consumatori. Con la solta tiritera: lettura dell’etichetta per conoscere le caratteristiche nutrizionali, le varietà, l’origine, la tracciabilità del prodotto, ma è stata una operazione disastrosa. Vi raccontiamo il perché


Aggregarsi, forzando la mano

Aggregarsi, forzando la mano

Una lettera di Mario Tirotto, dell’Azienda agricola Biomirto, a proposito dell’editoriale di Luigi Caricato dal titolo Le gravi colpe degli agricoltori: “nei bandi dei Psr regionali, quasi non si trova traccia di vantaggi per le aggregazioni delle imprese, se non si ungono, con buon olio, questi gangli, difficilmente la cultura individualista si potrà, non dico eliminare, ma almeno iniziare ad invertire la tendenza”


Sommelier ad honorem

Sommelier ad honorem

Luigi Caricato, l’ideatore e direttore del progetto culturale Olio Officina, è stato insignito di un titolo altamente simbolico da parte dell’Ais, l’Associazione italiana sommelier. A Merano, nel corso della edizione numero 52 del congresso nazionale, si è indirettamente riconosciuto all’olio ricavato dalle olive un ruolo da protagonista, non più marginale


Dop Garda, un’annata record

Dop Garda, un’annata record

In un contesto generale piuttosto infelice, l’area gardesana sta vivendo, al contrario di altri territori, un momento storico quanto mai insolito, per sovrabbondanza di produzione di olive. Al Consorzio dell’olio Dop Garda viene riconosciuta la deroga temporanea per un aumento produttivo di 1500 kg, per un totale di 75 quintali di olive a ettaro


La Toscana per l’olio

La Toscana per l’olio

Un protocollo d’intesa fra enti allo scopo di valorizzare gli oli di qualità certificata e i territori di origine in cui questi si producono. Al centro delle attenzioni la tutela ambientale e paesaggistica, come pure i consumatori, le scuole e il settore ristorativo. Tra le iniziative un tavolo tecnico di coordinamento, il progetto Vetrina Toscana e l'avvio di misure a favore del turismo oleario


Il congresso Sissg 2019

Il congresso Sissg 2019

Cosa si è visto a Bari, nelle immagini del fotografo Giuseppe Maria Lacitignola. La bellezza di una sala, un pubblico di qualificati studiosi ed esperti del settore oli e grassi che si sono ritrovati presso l'Università Aldo Moro di Bari. Tanta voglia di acquisire nuovi saperi


Arriva Extra. Spazio alla Lecciana

Arriva Extra. Spazio alla Lecciana

Verso un’olivicoltura efficiente ed eco-sostenibile. Innovazione, efficienza e qualità per distinguersi in un mercato globale. A Foggia, il 15 novembre, Olint, la rivista tecnica di Agromillora Iberia, e l’Università di Bari organizzano una giornata di studio per fare il punto sullo stato della realtà dell’olivicoltura italiana, con interventi di Riccardo Gucci, Salvatore Camposeo, Jordi Mateu Cabre, Davide Granieri, Zefferino Monini, Alessandro Leone, Marco di Vaio, moderati da Luigi Caricato


Il concorso “Ricette Evo”

Il concorso “Ricette Evo”

La valorizzazione dell’olio extra vergine di oliva quale ingrediente primario e centrale a tavola e in cucina. Una competizione per giovani talenti, con due sezioni: ricette tradizionali rivisitate e ricette creative.Una iniziativa dell’azienda Santagata 1907, in collaborazione con l'Istituto alberghiero Nino Bergese di Genova e l’Istituto alberghiero Bonaldo Stringher di Udine


Il battesimo di Italia Olivicola

Il battesimo di Italia Olivicola

Una nuova identità scende in campo. Esordisce martedì 9 ottobre, dalla fusione tra Cno e Unasco, una nuova organizzazione che si propone di essere “la prima dell’olivicoltura italiana”. Nella giornata di mercoledi 10, ci sarà invece una chiamata alle armi per 1500 olivicoltori, pronti a intraprendere una nuova marcia su Roma con la esplicita richiesta di una benedizione religiosa rivolta da un lato alla Chiesa Cattolica, nonché di una benedizione laicista, richiesta al Movimento Cinque Stelle. A fare da corollario, per il rilancio dell’olio made in Italy, slogan dall’usato sicuro: xylella, invasione degli oli deodorati, attacchi al panel test, frodi e contraffazioni


Il cibo del futuro

Il cibo del futuro

Produrre, distribuire, comunicare. Tecnologie e new media stanno profondamente cambiando le abitudini del consumatore, in termini di scelta dei prodotti, canali di acquisto e customer experience Così, nell’Anno del Cibo Italiano 2018, la Camera di Commercio di Genova con le Associazioni di categoria hanno invitato esperti di rilievo nazionale per fare il punto della realtà


Più oliveti intensivi

Più oliveti intensivi

Il futuro dell'Italia olivicola e olearia? È nell'abbinata modello intensivo e metodo bio. Serve, con urgenza, un rilancio nazionale con impianti nuovi e una maggiore densità di olivi a ettaro, scommettendo pertanto su innovazione e Pac post 2020. È quanto emerso dal convegno “L’olivicoltura biologica intensiva, un’opportunità per la competitività dell’olio extra vergine di oliva italiano”, organizzato da Cia-Agricoltori Italiani e Anabio. In Italia, va precisato, c’è solo un 1% di oliveti intensivi con più di 600 piante e un 4% di semintensivi tra 400 e 599 piante, rispetto a un significativo 42% con meno di 140 piante a ettaro


Cosa fa la Gdo

Cosa fa la Gdo

Non è tutto oro ciò che luccica. Spiace dirlo, ma la Gdo si muove contro produttori e consumatori.  Come insegna il caso uva da tavola. Dal produttore al consumatore, i rincari della Grande distribuzione organizzata vanno oltre nove volte il prezzo di acquisto del prodotto alla pianta, e, purtroppo, ad oggi,le aste sono ancora una triste realtà. La lettera aperta‎ di Vito Rubino, direttore Cia, Area Due Mari Taranto-Brindisi‎


Non si chiude in agosto

Non si chiude in agosto

Non ci si ferma mai. La campagna non chiude in agosto. Non può concedersi ferie, è sempre attiva. Ad Alghero, in Sardegna, là dove è operativo il celebre marchio dell’olio San Giuliano, della famiglia Manca, si lavora instancabilmente per portare avanti il progetto di un nuovo impianto olivetato, l’ennesimo. Un impegno pluriennale che investe centinaia di ettari


Addio Vincino

Addio Vincino

È scomparso a Roma, all’età di 72 anni, il vignettista che meglio di altri, pur bravi quanto lui, ha saputo raccontare, con sguardo disincantato, l’Italia e gli italiani, con uno stile unico e inconfondibile, con grande classe. All’alba di Olio Officina, nel 2010, fu lui a illustrare la locandina per i 50 anni dell’olio extra vergine di oliva


Disinformazione su Xylella

Disinformazione su Xylella

La Società Italiana di Patologia Vegetale scrive al Direttore del Corriere della Sera esprimendo  preoccupazione e stigmatizzando l'ennesima e sempre più diffusa disinformazione, priva di alcuna base scientifica, usata a sostegno di tesi complottistiche e negazioniste di facile risonanza mediatica


Xylella, scienziati uniti

Xylella, scienziati uniti

Sul fronte delle fake news sul terribile batterio che colpisce in Italia gli ulivi, qualcosa si muove. Ora gli scienziati si coalizzano e cercano di impedire la deriva. Riportiamo, a beneficio di chi ci legge, una lettura congiunta di un gruppo di studiosi pubblicata sul quotidiano la Repubblica


L'addio ad Angelo Compagnoni

L'addio ad Angelo Compagnoni

Contadino comunista, nonché dirigente nazionale dell'Alleanza dei Contadini e successivamente della Confcoltivatori, è stato anche parlamentare per quattro legislature, promotore della legge 607 del 22 luglio 1966 in materia di enfiteusi e prestazioni fondiarie perpetue. Sempre attento alla formazione dei più giovani,  stimolava a studiare e approfondire i problemi concreti delle campagne


Le bufale sulla Xylella

Le bufale sulla Xylella

Oltre il limite del ridicolo. A seguito dell'increscioso e inopportuno articolo di Pietro Perrino intorno alla Xylella fastidiosa, pubblicato sulle pagine de Il Fatto Quotidiano, rilanciamo, a beneficio di coloro che si sentono disturbati da tanta disinformazione, la lettera che due prestigiose realtà del mondo scientifico, la Società Italiana di Biologia Vegetale e la Società Italiana di Genetica Agraria hanno indirizzato a Marco Travaglio. "Siamo preoccupati dal triste proliferare di teorie antiscientifiche", si legge nel documento


Storie d'olio in Liguria

Storie d'olio in Liguria

Il Consorzio di tutela dell’olio extra vergine di oliva Dop Riviera Ligure rilancia presentando con orgoglio alcuni nuovi imprenditori consorziati. Cresce pertanto il numero di coloro che pongono sul mercato le proprie bottiglie di olio certificato e garantito ligure. E arriva, di conseguenza, anche il momento di conoscere meglio i nuovi compagni di viaggio, testimoni di un territorio dalla grande storia olivicola e olearia. Sono aziende giovani, ma con radici possenti come gli alberi di cui hanno cura


Costi alti, incassi ridotti

Costi alti, incassi ridotti

Che ne sarà dell’agricoltura? Ciò che è certo è che manchi un esatto progetto sociale. Ci scrive l’imprenditrice Adele Scirrotta: “Viviamo in un tempo in cui sono più importanti gli affari, i numeri, e non si pensa minimamente a quello che ci può dare la cultura, la storia, il dedicarsi a noi stessi, arricchirci di ciò che la natura ci vuole trasmettere”


Olio di Famiglia, atto settimo

Olio di Famiglia, atto settimo

C’è grande attesa per la cerimonia di premiazione il prossimo 16 giugno 2018 a Monopoli. La brillante e originale iniziativa di Mimmo Lavacca, anima pulsante di TerraSud, sta portando dei buoni frutti all’olivicoltura praticata da dilettanti. Cresce la qualità degli oli anche delle piccole produzioni familiari perlopiù destinate all’autoconsumo. Ecco i vincitori


| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

INOLTRE
OLTRE

La Xylella fastidiosa in Corsica

AGRICULTURE.GOUV.FR

PARTNERS
Enoplastic Coltura&Cultura Casa dell'Olivo Olea Donne dell'Olio Olio di Famiglia
LA PAROLA

Frìggere

v. tr. e intr. [lat. frīgĕre] - cuocere in olio, burro o in grasso bollente

CHE OLIO SEI

L’olio secondo Gualtiero Marchesi

Lo scrittore Nicola Dal Falco incontra il padre nobile della cucina italiana per un confronto su una materia prima tanto pregiata qual è il succo di oliva. “Quando vivevo con i miei genitori – racconta il grande cuoco – la merenda ideale era di versare l’olio sul piatto e, poi, intingere con del pane casalingo, tagliato a fette. Buonissimo”

Le scelte di Camilla Guiggi

Blogger e degustatrice, si sofferma sull’analisi sensoriale di vari alimenti, in particolare sul vino, senza trascurare l’olio da olive, che non manca mai sulla sua tavola. Ha una predilezione per i monocultivar: da olive Cellina di Nardò, Picholine e Moraiolo in particolare. Non trascura nemmeno gli oli “altri”: quello di Lentisco, sardo; o l’olio di nocciola tonda gentile del Piemonte. Ed evidenzia infine una anomalia: “è difficile trovare ristoranti dotati di un’ampia gamma di oli

Le scelte di Alessandra Lofino

Giornalista e blogger pugliese, con una grande passione per la cucina e i buoni frutti della terra. Predilige gli oli ottenuti da due cultivar: la Leccina, dal sapore delicato, del sud est barese, e la Coratina, del nord barese, dal piacevole piccantino. Il suo ristorante oliocentrico preferito è Menelao a Santa Chiara, di Michele Boccardi, nel centro storico di Turi

Le scelte di Valeria Biagi

Si occupa di letteratura ed è vicepresidente del Centro Studi Sirio Giannini, autrice di un libro dedicato agli scrittori della provincia di Lucca. La sua famiglia produce olio da molte generazioni, ma a scopo esclusivamente privato, nella campagna versiliese. Il ristorante oliocentrico preferito? L'Antico Uliveto di Seravezza

Le scelte di Marina Ferrara

Sempre e solo olio extra vergine di oliva, e, devo dire - ammette l'artista e transformational coach - che anche quel poco di burro della tradizione trentina, da parte di madre, è quasi del tutto scomparso. Il padre napoletano ha influito molto. L'alimento è unico, senza dubbio, ma l'altro senso che l'olio stimola in lei, è quello del tatto nella sua essenza oleosa, spesso utilizzato anche nei trattamenti olistici > Silvia Ruggieri

Le scelte di Antonella Millarte

Giornalista sempre attenta alle materie prime di cui ci s nutre, non smette mai di cercare e segnalare le migliori produzioni in circolazione, e, tra i fornelli si muove con agilità e voce narrante. Ama gli oli Coratina e Nocellara del Belice, come pure il blend di Ogliarola e Leccina. Il suo ristorante oliocentrico? Antichi Sapori, di Pietro Zito

RITRATTI AD OLIO

Olivagione al femminile

La galleria fotografica che potete ammirare è di Stefano Triulzi. Le olive sono tutte di cultivar Taggiasca, proprietà di Ivano Brunengo. Siamo in Liguria. La donna che vedete, intenta a raccogliere i preziosi frutti che si tramuteranno in olio, non è una olivicoltrice ma un’antropologa del cibo: Giulia Ubaldi. "Vivere l’emozione della raccolta, è questo che ci permette di capire cosa sia e quanto valga una materia prima così fondamentale qual è l’olio ricavato dalle olive > Luigi Caricato

L’emozione di chi assaggia

Cosa significa apprendere l’arte della valutazione sensoriale degli oli da olive? Cosa accade dopo aver frequentato un corso di assaggio e aver scoperto le infinite potenzialità che si celano dietro una materia prima che tanti consumano ma senza conoscerne appieno l’identità e le tante potenzialità espressive? Il fatto è che si acquista un olio immaginando che sia eccellente per partito preso, solo perché lo si è prodotto; eppure le sorprese non mancano. La testimonianza di Marco Tribuzio, vice presidente di Confcooperative Bari-Bat

L’unione fa la forza

Si è sempre detto che gli italiani non siano in grado di realizzare progetti comuni e condivisi, inadatti come sono a mettersi insieme e collaborare. E’ drammaticamente vero, ma ci sono le eccezioni. E’ il caso positivo di Domenico Fazio, Giampaolo Lupi e Carlo Bianchi, tutti e tre impegnati a valorizzare i propri extra vergini a partire dal marchio collettivo "Da Vinci" > Luigi Caricato

Il passato lascia tracce

L’azienda agraria della famiglia Clarici a Foligno vanta una tradizione ben radicata, come ben dimostrano alcune tra le immagini tratte dall’archivio storico che vi proponiamo. Ora, la nuova generazione, la quinta, con Pietro e Maria Elisabetta ha in programma un ambizioso progetto di recupero dell’antica struttura > Luigi Caricato

Sì alla terra e agli ulivi

Perché pensare che il lavoro agricolo sia solo pura tecnica e fatica, senza alcuno spazio per i sentimenti e le emozioni? Teresa Marinucci Palermo, molisana di Rotello, a 38 anni produce olio insieme con la famiglia. Le colline sulle quali gli olivi campeggiano, sembrano contorni di corpi femminili dalle linee dolci e morbide. L’olio ricavato dalle olive è per lei elemento indispensabile come l'acqua

Un po’ d’olio per iniziare

Pane e olio, qualunque sia il cibo e il vino che seguiranno. Parola di Aimo Moroni, patron del ristorante Luogo di Aimo e Nadia di Milano. “Ogni volta che mi chiedono il perché, rispondo che l’olio nel piatto riguarda un po’ la mia storia, molto la cultura di questo Paese e altrettanto se non di più la salute”. E aggiunge: “Resto debitore del motto di Ippocrate secondo cui l’alimento è medicamento” > Nicola Dal Falco

ALTRE INCURSIONI
DIXIT
MERCATI

Quotazioni di mercato per gli oli da olive
del 13 novembre 2018

ESTERO
  • Grecia
  • Spagna
  • Tunisia
ITALIA
  • Andria
  • Bitonto
  • Sud Puglia

a cura di Adriano Caramia, Ettore Campobasso, Domenico Petrosillo

SAGGI ASSAGGI
Riviera Garda Classico Chiaretto

Riviera Garda Classico Chiaretto

Non solo per l’olio, il Garda è altrettanto apprezzato anche per i suoi vini, il chiaretto in particolare fa la sua bella figura. Come per esempio quello prodotto da Il Roccolo, profumi fruttati e floreali, gusto fresco, fine e sapido

Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Un protocollo d'intesa per valorizzare l'olio italiano

Fare squadra. È l'ambizioso obiettivo che è stato sottoscritto dal presidente e ad Carapelli Firenze SpA Pierluigi Tosato, del gruppo Deoleo, e dal presidente di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino. L'accordo è stato siglato a Roma e punta su innovazione e sviluppo del mercato degli oli extra vergini  di oliva di qualità superiore. 

Il libro della settimana: Semplicità in cucina, di Giuseppe Capano

Il libro della settimana: Semplicità in cucina, di Giuseppe Capano

Edito da tecniche Nuove, è in libreria il nuovo lavoro dell'apprezzatissimo maestro di cucina, chef che i lettori di Olio Officina Magazine e i frequentatori di Olio Officina Festival conoscono moto bene. Anche per la sua nota passione per gli oli da olive, autore, tra l'altro, di volumi come Friggere bene e Olio: crudo e cotto

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

Il racconto di Olio Officina Festival 2018

A Milano, dall'1 al 3 febbraio 2018, con tema portante "Io sono un albero". Le emozioni attraverso le immagini di una tre giorni interamente dedicata all'olio da olive e ai condimenti

Cosa succede alle olive in frantoio

L'arrivo delle olive in frantoio, in un video amatoriale in cui si racconta - per immagini e suoni originali, senza alcun montaggio - il processo di produzione. Il frantoio, il più importante, grande ed efficiente in Sicilia, si trova a Sciacca, proprietà della famiglia Bono e dell'azienda conosciuta e apprezzata per i suoi oli a marchio Bonolio

In attesa di Olio Officina Festival 2019

L'ottava edizione di OOF 2019 è in programma a Milano nei giorni 31 gennaio, 1 e 2 febbraio 2019, presso il Palazzo delle Stelline, in corso Magenta 61. Mentre fervono i preparativi, ecco alcune immagini del festival. Il tema portante del prossimo appuntamento è NOSTRA SIGNORA PUBBLICITÀ, ovvero come comunica e si promuove l'olio da olive.

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti

OOF International Magazine numero 5

OOF International Magazine numero 5

Una monografia interamente dedicata all’arte e alla scienza del blending e agli extra vergini a misura dei mercati. Ogni numero un tema specifico. È la rivista trimestrale cartacea di Olio Officina, in edizione bilingue italiano/inglese