Mercoledì 19 Giugno 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

Olivicoltura anno zero. E poi?

Olivicoltura anno zero. E poi?

Cooperare per competereOccorre essere ottimisti: si riparte. Così, almeno, si spera. Tanti bla bla bla sono serviti a poco, finora. La ricetta per uscire dal cul de sac in cui ci troviamo esiste. Basta solo un atto di volontà. Non basta dire olio italiano e dormire sugli allori. Gli altri si muovono, non siamo gli unici. Il miglior scaffale? Quello spagnolo. Si sta diversificando piu di tutti, perfino sul fronte dei monovarietali


L’olio entra nello sport

L’olio entra nello sport

Esistono le aziende olearie che credono nelle attività sportive agonistiche, sostenendole concretamente? Pare proprio di sì, soprattutto in quegli sport ritenuti a torto minori, solo perché coinvolgono un pubblico meno popolare rispetto al calcio. E’ il caso per esempio della Ctt Taranto Olio Pantaleo


L’olio che ride

L’olio che ride

E’ quello che i giovani del Laboratorio urbano aperto, con il progetto Abitare i Paduli, hanno ottenuto nel Salento. A sfatare il luogo comune che non si possano ottenere extra vergini eccellenti da olivi secolari, le prove del laboratorio Chemiservice, con valutazioni sensoriali di gran pregio. Una ricca galleria immagini di Francesco Buccarelli e Alberto Caroppo


Chi ha paura della bassa acidità

Chi ha paura della bassa acidità

Stanno uccidendo l'olio da olive. Stanno depredando l’Italia. Si muovono senza comprendere le conseguenze dei propri gesti. E’ il masochismo la chiave di lettura di alcuni recenti episodi che vedono protagonista il Corpo Forestale dello Stato. Si sta trasformando la felice espressione “bassa acidità”, da incisiva leva di marketing in una pratica ingannevole e truffaldina. Per pura ideologia? Per ignoranza? E’ un segnale di arretramento, presagio di una disfatta del sistema paese


L'olivicoltura che non ti aspetti

L'olivicoltura che non ti aspetti

Scene di un futuro probabile. Nell'ambito di una visita in campo, in occasione del terzo Convegno nazionale Olivo e Olio di Bari, soprende vedere impianti super intensivi di terza generazione nella terra della Coratina, oltre a un frantoio che lavora 8-10 mila quintali di olive al giorno


Olivicolture italiane. E il futuro?

Olivicolture italiane. E il futuro?

I consumi di oli da olive sono in crescita ovunque nel mondo, ma l’Italia non ne ha approfittato così come Spagna e altri Paesi. Un importante incontro il prossimo 28 novembre a Bari, nell’ambito del terzo Convegno nazionale dell’olivo e dell’olio, fara luce sullo stato della realtà interrogandosi in particolare sul rinnovamento degli impianti


Tutti aspettano qualcosa

Tutti aspettano qualcosa

Nella filiera olio si parlano lingue diverse. È ora di finirla con la caccia alle mosche o il refrain delle frodi. Quando il malato è grave, bisogna reagire con una nuova terapia. Troppe le stars che si sentono protagoniste ma mettono volentieri in ombra l’olivo e l’olio. Mille i personaggi in cerca d'autore. Ciò che manca è una guida. Cercasi coach disperatamente


Etichettatura olio, nessun dubbio

Etichettatura olio, nessun dubbio

Che cosa pensa il comparto produttivo delle nuove disposizioni circa l’etichettatura degli oli da olive? Lo abbiamo chiesto ad alcuni dei protagonisti. Giovanni Martellini, responsabile qualità di Assoproli Bari, è soddisfatto, e osserva, semmai, come per certi versi sia “del tutto inutile la tabella nutrizionale: incompleta, scontata, incomprensibile per la maggior parte dei consumatori”


Etichettatura olio, la rabbia

Etichettatura olio, la rabbia

Che cosa pensa il comparto produttivo delle nuove disposizioni circa l’etichettatura degli oli da olive? Lo abbiamo chiesto ad alcuni dei protagonisti. Da Castrì di Lecce una voce che raccoglie altre voci che non hanno avuto il coraggio di esprimere dubbi. Secondo l’azienda Olio Claudio esiste una generale e “beata ignoranza”


Olivagione 2014 da psicosi collettiva

Olivagione 2014 da psicosi collettiva

Accordi presi e non mantenuti, prezzi alle stelle, cangianti da un minuto all’altro. Dov’è finita l’etica? Esisteva un tempo la stretta di mano, ora nemmeno gli accordi scritti reggono più. C’è uno scadimento senza precedenti. Cosa sta succedendo?


Bandiera gialla trionferà

Bandiera gialla trionferà

Non c’è giorno in cui la nota organizzazione agricola, Coldiretti, non compaia con le sue veline riprese in modo acritico e automatico come fossero il Verbo agricolo. I media fanno da megafono, eppure, come afferma Franco Abruzzo, autore di Codice dell'informazione e della comunicazione, è proprio sull'autonomia e sull'indipendenza di giudizio, intellettuale e tecnica, che si fonda la professione del giornalista


Sul campo sventola

Sul campo sventola

In Coldiretti – ci confida da Bologna l’olivicoltore Michelangelo Ranuzzi De' Bianchi – personalmente, mi trovo meglio: noto più propositività, solerzia e attenzione nei miei confronti. Ovviamente, si tratta di una percezione del tutto personale. La bandiera di Campagna Amica? Non viene esposta permanentemente, ma solo in alcune occasioni


I migliori oli di famiglia

I migliori oli di famiglia

E’ giunta alla quarta edizione il concorso ideato da TerraSud, rivolto ai non professionisti che producono olio extra vergine di oliva nei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo. Il modello di agricoltura familiare è un sistema di produzione agricolo centrato sul lavoro e sulle capacità dei nuclei familiari che vivono e lavorano la terra. L'iniziativa vede coinvolte Chemiservice e Olio Officina Food Festival


Lamentele per il frantoio

Lamentele per il frantoio

Un documento storico, risalente al 28 marzo 1961. Si tratta di un esposto con cui si chiedeva di bloccare le operazioni di molitura per via del fastidioso rumore. “La risposta del Comune di Balaucco – spiega Paolo Boeri – fa capire quanto fossero importanti e rispettati i frantoi e l'operato dei frantoiani. Eravamo considerati un bene della comunità, al servizio del contadino”


Matera capitale

Matera capitale

La città lucana è stata designata capitale europea della cultura 2019. Vi sono nati personaggi come il critico letterario Giuseppe De Robertis, lo stilista Pasquale Natuzzi e la scrittrice Mariolina Venezia. Il nostro omaggio con una galleria immagini


L’olio si fa il selfie

L’olio si fa il selfie

Cronaca di una giornata d’olio in Sicilia. Una galleria immagini con il momento conclusivo con il quale si corona un anno di lavoro. Protagonista Salvatore Scuderi, la cui azienda accoglie una popolazione di 3200 piante. Una comunità di olivi della varietà Nocellara etnea e Nocellara messinese


Pioggia e grandine, fine raccolta

Pioggia e grandine, fine raccolta

La terribile esperienza di Gioacchino Fior Rosso e della moglie Adriana Zeriul. In provincia di Trieste, hanno subito danni gravissimi. Dopo la gioia, una grande amarezza che non conosce consolazione


Traffici (leciti?) di olive

Traffici (leciti?) di olive

E’ una campagna di quelle che si ricorderanno: per mancanza di quantitativi di frutti da raccogliere e per scarsa qualità delle produzioni, vista anche l’alta incidenza della mosca olearia. Ovunque è corsa all’acquisto, la Puglia è la regione più depredata. Che fine faranno le olive? Saranno riconosciute per la loro origine pugliese o vestiranno gli abiti di altri territori?


Bisogna darsi delle regole

Bisogna darsi delle regole

Cosa accadeva in passato? In un manifesto dell'Oleificio Simonelli & Polzonetti, di Monte San Vito, nelle Marche, esisteva un decalogo che fungeva da regolamento interno. davvero interessanti i dieci punti elencati. E oggi?


Potatura di riforma?

Potatura di riforma?

In casa Coldiretti, a Lecce, dopo la pubblicazione della nostra foto, l'albero di olivo malandato è stato capitozzato drasticamente. Noterete, a lato del vaso, ancora i corpi del reato. Non sarebbe il caso di piantare un nuovo olivo e curarlo, prestando la massima attenzione?


<< | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | >>

INOLTRE
OLTRE

La Xylella fastidiosa in Corsica

AGRICULTURE.GOUV.FR

PARTNERS
Casa dell'Olivo Olea Donne dell'Olio Olio di Famiglia
LA PAROLA

Frìggere

v. tr. e intr. [lat. frīgĕre] - cuocere in olio, burro o in grasso bollente

CHE OLIO SEI

L’olio secondo Gualtiero Marchesi

Lo scrittore Nicola Dal Falco incontra il padre nobile della cucina italiana per un confronto su una materia prima tanto pregiata qual è il succo di oliva. “Quando vivevo con i miei genitori – racconta il grande cuoco – la merenda ideale era di versare l’olio sul piatto e, poi, intingere con del pane casalingo, tagliato a fette. Buonissimo”

Le scelte di Camilla Guiggi

Blogger e degustatrice, si sofferma sull’analisi sensoriale di vari alimenti, in particolare sul vino, senza trascurare l’olio da olive, che non manca mai sulla sua tavola. Ha una predilezione per i monocultivar: da olive Cellina di Nardò, Picholine e Moraiolo in particolare. Non trascura nemmeno gli oli “altri”: quello di Lentisco, sardo; o l’olio di nocciola tonda gentile del Piemonte. Ed evidenzia infine una anomalia: “è difficile trovare ristoranti dotati di un’ampia gamma di oli

Le scelte di Alessandra Lofino

Giornalista e blogger pugliese, con una grande passione per la cucina e i buoni frutti della terra. Predilige gli oli ottenuti da due cultivar: la Leccina, dal sapore delicato, del sud est barese, e la Coratina, del nord barese, dal piacevole piccantino. Il suo ristorante oliocentrico preferito è Menelao a Santa Chiara, di Michele Boccardi, nel centro storico di Turi

Le scelte di Valeria Biagi

Si occupa di letteratura ed è vicepresidente del Centro Studi Sirio Giannini, autrice di un libro dedicato agli scrittori della provincia di Lucca. La sua famiglia produce olio da molte generazioni, ma a scopo esclusivamente privato, nella campagna versiliese. Il ristorante oliocentrico preferito? L'Antico Uliveto di Seravezza

Le scelte di Marina Ferrara

Sempre e solo olio extra vergine di oliva, e, devo dire - ammette l'artista e transformational coach - che anche quel poco di burro della tradizione trentina, da parte di madre, è quasi del tutto scomparso. Il padre napoletano ha influito molto. L'alimento è unico, senza dubbio, ma l'altro senso che l'olio stimola in lei, è quello del tatto nella sua essenza oleosa, spesso utilizzato anche nei trattamenti olistici > Silvia Ruggieri

Le scelte di Antonella Millarte

Giornalista sempre attenta alle materie prime di cui ci s nutre, non smette mai di cercare e segnalare le migliori produzioni in circolazione, e, tra i fornelli si muove con agilità e voce narrante. Ama gli oli Coratina e Nocellara del Belice, come pure il blend di Ogliarola e Leccina. Il suo ristorante oliocentrico? Antichi Sapori, di Pietro Zito

RITRATTI AD OLIO

Olivagione al femminile

La galleria fotografica che potete ammirare è di Stefano Triulzi. Le olive sono tutte di cultivar Taggiasca, proprietà di Ivano Brunengo. Siamo in Liguria. La donna che vedete, intenta a raccogliere i preziosi frutti che si tramuteranno in olio, non è una olivicoltrice ma un’antropologa del cibo: Giulia Ubaldi. "Vivere l’emozione della raccolta, è questo che ci permette di capire cosa sia e quanto valga una materia prima così fondamentale qual è l’olio ricavato dalle olive > Luigi Caricato

L’emozione di chi assaggia

Cosa significa apprendere l’arte della valutazione sensoriale degli oli da olive? Cosa accade dopo aver frequentato un corso di assaggio e aver scoperto le infinite potenzialità che si celano dietro una materia prima che tanti consumano ma senza conoscerne appieno l’identità e le tante potenzialità espressive? Il fatto è che si acquista un olio immaginando che sia eccellente per partito preso, solo perché lo si è prodotto; eppure le sorprese non mancano. La testimonianza di Marco Tribuzio, vice presidente di Confcooperative Bari-Bat

L’unione fa la forza

Si è sempre detto che gli italiani non siano in grado di realizzare progetti comuni e condivisi, inadatti come sono a mettersi insieme e collaborare. E’ drammaticamente vero, ma ci sono le eccezioni. E’ il caso positivo di Domenico Fazio, Giampaolo Lupi e Carlo Bianchi, tutti e tre impegnati a valorizzare i propri extra vergini a partire dal marchio collettivo "Da Vinci" > Luigi Caricato

Il passato lascia tracce

L’azienda agraria della famiglia Clarici a Foligno vanta una tradizione ben radicata, come ben dimostrano alcune tra le immagini tratte dall’archivio storico che vi proponiamo. Ora, la nuova generazione, la quinta, con Pietro e Maria Elisabetta ha in programma un ambizioso progetto di recupero dell’antica struttura > Luigi Caricato

Sì alla terra e agli ulivi

Perché pensare che il lavoro agricolo sia solo pura tecnica e fatica, senza alcuno spazio per i sentimenti e le emozioni? Teresa Marinucci Palermo, molisana di Rotello, a 38 anni produce olio insieme con la famiglia. Le colline sulle quali gli olivi campeggiano, sembrano contorni di corpi femminili dalle linee dolci e morbide. L’olio ricavato dalle olive è per lei elemento indispensabile come l'acqua

Un po’ d’olio per iniziare

Pane e olio, qualunque sia il cibo e il vino che seguiranno. Parola di Aimo Moroni, patron del ristorante Luogo di Aimo e Nadia di Milano. “Ogni volta che mi chiedono il perché, rispondo che l’olio nel piatto riguarda un po’ la mia storia, molto la cultura di questo Paese e altrettanto se non di più la salute”. E aggiunge: “Resto debitore del motto di Ippocrate secondo cui l’alimento è medicamento” > Nicola Dal Falco

ALTRE INCURSIONI
DIXIT
MERCATI

Quotazioni di mercato per gli oli da olive
del 18 giugno 2019

ESTERO
  • Grecia
  • Spagna
  • Tunisia
  • Marocco
ITALIA
  • Andria
  • Bitonto
  • Sud Puglia

a cura di Adriano Caramia, Noureddine Ouazzani, Ettore Campobasso, Domenico Petrosillo

SAGGI ASSAGGI
La grande originalità degli extra vergini Dedicati

La grande originalità degli extra vergini Dedicati

La recensione di un olio dedicato alla pasta e proposto da Olitalia per il canale del food service. Un mix di cultivar italianeper un blend pensato espressamente per aiutare la ristorazione a scegliere l’olio giusto. Nel caso specifico, quello più adatto per ogni tipologia di pasta > Maria Carla Squeo

L'extra vergine Dop Garda Orientale dei Fratelli Turri

L'extra vergine Dop Garda Orientale dei Fratelli Turri

L'avete mai provato? È l'espressione delle olive Casaliva (nella quasi totalità: 60%) e, per la restante parte, Leccino, Pendolino, Raza e Moraiolo. L'azienda ha sede in un luogo altamente vocato, a Cavaion Veronese, nel Veneto > Silvia Ruggieri

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

La Pasqua si avvicina e non ci si può sottrarre alle consuetudini. Questa volta l'Irlanda, attraverso Bord Bia, viene da noi, con una ricetta in cui tra l'altro anche l'olio extra vergine di oliva è presente. Tanti gli ingredienti, ma la carne, quella proposta in questa preparazione, è rigorosamente Irish, da animali allevati secondo la più autentica tradizione irlandese e che pascolano in piena libertà, alimentandosi per oltre l’80 per cento di erba fresca

EXTRA MOENIA
Stefano Bollani, un musicista nella Hall of Fame di Casa Menotti

Stefano Bollani, un musicista nella Hall of Fame di Casa Menotti

La cerimonia che si svolgerà sabato 13 luglio a Casa Menotti a Spoleto, lo vedrà come protagonista ricevendo il Premio Monini “Una Finestra sui Due Mondi” arrivato alla sua decima edizione

Frantoio Millennio e Leccino Millennio

Frantoio Millennio e Leccino Millennio

Sono le due nuove varietà di ulivo brevettate dall’Università di Pisa. Si tratta di cultivar che si contraddistinguono per i numerosi vantaggi in termini di produttività e qualità dell’olio rispetto alle varietà standard, date in concessione esclusiva a Co.Ri.Pro-Olivi di Pescia

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

L'arte a Olio Officina Festival

OOF 2019. Cinzia Boschiero intervista la direttrice creativa del movimento culturale Arte da Mangiare, Ornella Piluso, nell'ambito dell'evento che si è celebrato a Milano dal 31 gennaio al 2 febbraio 2019

L' olio di sansa ha una grossa carta da giocare

OOF 2019. Nell'ambito di Olio Officina Festival, è stato presentato un interessante studio (commissionato da Pantaleo Spa e condotto dall'Università di Udine) su un olio che per tanti anni è stato trascurato ma che merita ben altra considerazione, anche in ragione dell'alto contenuto in acido oleico e al contenuto elevato di tocoferoli. Intervista al professor Lanfranco Conte

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olio spiegato alle mie figlie

L’olio spiegato alle mie figlie

Un libro dell'oleologo Lorenzo Cerretani per le edizioni Olio Officina, da avere assolutamente con sé. Pensato per i giovanissimi, è adatto anche agli adulti. Un linguaggio semplice, proprio per questo utilissimo per apprendere tutto, ma proprio tutto, sull'olio da olive, il pregiato succo

L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria