Lunedì 25 Marzo 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

L'olivo e le sue creature

L'olivo e le sue creature

"Potando gli olivi, si possono incontrare tante meraviglie della natura". A confidarlo, con grande gioia, la produttrice umbra Giuliana Batta. "La bravura ingegneristica del picchio per costruire il suo nido e l'amore materno di una merla che cova le sue uova" sono emozioni che solo chi vive la campagna può provare


Lettera a Ballarò sull’olio

Lettera a Ballarò sull’olio

A firmarla il professor Conte, presidente della Società Italiana per lo Studio delle Sostanze Grasse, e il professor Gucci, presidente dell’Accademia dell’Olivo e dell’Olio. Il ruolo di “esperto” con il quale il conduttore Giannini si è costantemente rivolto a un operatore della ristorazione – dicono i due luminari – avrebbe potuto essere ricoperto da persone con maggiore livello di conoscenze scientifiche, tecniche e della legislazione. La lettera, rivolta ai vertici della Rai, alle Istituzioni e ai principali media italiani, tra cui Olio Officina Magazine, replica alle gravi inesattezze riscontrate nel corso di una puntata di Ballarò sull’olio tunisino


Chi froda realmente

Chi froda realmente

Da dove parte la madre di tutte le truffe? Perchè il rischio di trovare l'olio tunisino nell'olio 100% italiano è messo tanto in evidenza? Sulla base di cosa si afferma che l'olio italiano è migliore di quello proveniente da altri paesi? Perchè non si dice chiaramente che per anni e anni abbiamo denunciato di produrre in Italia il doppio e a volte anche il triplo della realtà? A scriverci Maurizio Bertini


Cultori del buon cibo

Cultori del buon cibo

A Roma, al Teatro Il Bagaglino, la cerimonia della ventesima edizione del Premio del Museo delle Pase alimentari. Tra i premiati Luigi Caricato per il libro Libero olio in libero Stato, Enrico Vaime per il libro Cin cin, e Giancarlo Elia Valori, autore di Geopolitica del cibo. Premio alla carriera inoltre ad Antonino Gatto, presidente di Despar Italia, e Nicola Uccella, dell’Iresmo Foundation


Ci ha lasciati Giorgio Cardone

Ci ha lasciati Giorgio Cardone

A Monopoli, dove ha sede la prestigiosa Chemiservice, di cui il grande chimico dell’olio ne è stato fondatore e direttore, c’è un laboratorio d’eccellenza internazionalmente riconosciuto, che rappresenta la viva testimonianza di quanto sia possibile fare di concreto per il bene di un intero comparto produttivo. Ora, con lui, l’Italia perde un solido punto di riferimento


Agricoltori che offendono

Agricoltori che offendono

Si assiste a un preoccupante ritorno al fascismo in agricoltura. Non c’è più rispetto. E non c’è nemmeno la capacità di confrontarsi civilmente sui temi più controversi. Parole di fuoco, perfino maledizioni, per chi difende i dieci indagati dalla Procura di Lecce sul caso Xylella. Anche le importazioni di olio tunisino accendono gli animi. Le parole sono usate come arma contundente. Si spera soltanto che non si passi alla violenza fisica


La Xylella scatena odio

La Xylella scatena odio

Quel che sta accadendo è paradossale. Persone che non hanno studi specifici sono pronte a giudicare (e pesantemente) altre persone che invece hanno sicuramente qualcosa da dire, già solo per il fatto che sono studiosi e non opinionisti. Il caso del batterio che ha colpito gli olivi del Salento, sta portando verso un atteggiamento ostile nei confronti del mondo scientifico. In tutto ciò c’è anche l'atteggiamento della Procura di Lecce


Omaggio a Giacomo Tachis

Omaggio a Giacomo Tachis

E’ stato per oltre trent'anni il direttore tecnico di Antinori. Membro dell'Accademia dei Georgofili e prolifico collaboratore di riviste del settore vitivinicolo, è universalmente noto per aver creato tre fra i vini "supertuscan" più famosi al mondo: il Sassicaia, il Tignanello e il Solaia. E altri grandi vini, in Sardegna come in Sicilia. L’olio? Più vergine della Madonna


Il contrattacco alla Cbs sull'olio

Il contrattacco alla Cbs sull'olio

Meglio tardi che mai, direbbe il saggio. Certo è che il tentativo di replica al pessimo servizio del programma “60 Minutes”, tutto incentrato sulle indebite accuse di agromafia rivolte all’Italia olearia e all’intero sistema agroalimentare, giungono con netto ritardo. Emerge così l’immagine di un Paese al rallentatore. La lettera aperta al premier Renzi e ai ministri Martina e Guidi è una iniziativa della filiera olivicola e olearia. Resta da chiedersi il perché le Istituzioni abbiano finora taciuto, come pure il perché le organizzazioni di categoria non protestino direttamente esprimendo il proprio disappunto


La scomparsa di Enzo Fedeli

La scomparsa di Enzo Fedeli

Lascia un grande vuoto, i suoi studi sono stati fondamentali. E’ stato per molti un solido punto di riferimento. Sicuramente per il mondo dell’olio da olive, come pure per tutti gli altri grassi alimentari. Tra i suoi incarichi, la direzione della Stazione sperimentale per le industrie degli oli e dei grassi di Milano e della celeberrima "Rivista italiana delle sostanze grasse"


Che schifo!

Che schifo!

E’ così che Matteo Salvini, il leader leghista, scrive sul proprio profilo facebook, il pomeriggio del 25 gennaio, a proposito delle importazioni di oli da olive senza dazio dalla Tunisia. Risponde sullo stesso social Massimo Occhinegro, dando implicitamente dell’ignorante disinformato al noto politico


Forme dell’Olio 2016, i vincitori

Forme dell’Olio 2016, i vincitori

I risultati della terza edizione del concorso internazionale di packaging e innovazione, con la premiazione che avverrà nell’ambito di Olio Officina Festival a Milano. Vincono l’azienda italiana Olearia Fratelli De cecco per la sezione regalistica, e la spagnola Casa De Huebla per la sezione oli da scaffale e del canale Horeca. Premio speciale linea commerciale a Domenico Manca-San Giuliano, e originalità stilistica a Mia Italy


Olio italiano, sangue mafioso

Olio italiano, sangue mafioso

Illustre Ministro, inizia così una lettera che il presidente del Ceq, il Consorzio extra vergine di qualità, Elia Fiorillo, scrive a Maurizio Martina. Nel silenzio generale, si apre uno spiraglio di dignità, per il nostro Paese, con una voce che chiede conto alle Istituzioni italane di un silenzio incomprensibile dinanzi a troppe storture, screditamenti e attacchi. “Mi permetto di chiederLe – si legge nella lettera al capo del dicastero agricolo – se a suo parere gli americani al nostro posto avrebbero fatto altrettanto per screditare un loro settore di esportazione”


L’olio del Caffè Centrale

L’olio del Caffè Centrale

Ad Asolo i fratelli Botter, Lelle ed Ezio, sono all’opera in uno storico bar che rappresenta sin dalla sua fondazione un luogo di culto, frequentato da tanti ospiti locali, nazionali e stranieri. Non è solo un bar, è anche un crocevia di delizie. Vi si trova, in particolare, un olio extra vergine di oliva di gran pregio. I due instancabili fratelli, da grandi appassionati coltivatori quali sono, oltre a produrre bene, raccontano l’olio in tanti modi, lo vestono bene e lo propongono perfino nel loro listino con tante immagini a corredo


Gli auguri più belli

Gli auguri più belli

Tra le tante mail di auguri ricevute per queste festività tuttora in corso, abbiamo individuato nel genio creativo di Riccardo Stefanelli per Plum, l'idea che riteniamo senza alcun dubbio essere la più divertente e insolita, al punto da proporre una narrazione per immagini in sei distinti momenti


Olio superpolifenolico

Olio superpolifenolico

La qualità dell’oliva è il risultato di un benessere globale delle piante nell’ambiente circostante. Lo sostengono i giovani di Abitare i Paduli, alla loro quarta olivagione consecutiva. Quest’anno, tra l’altro, hanno prodotto un extra vergine superbo, rigorosamente made in Salento: superpolifenolico, ma anche polifonico. E’ un coro a più voci. Ed è stata – dicono – un’esperienza esaltante. A dimostrazione di come si possa dare il buon esempio, costruendo buone novelle


Natale perché

Natale perché

Hanno senso gli auguri collettivi e indiscriminati? Ha senso ancora considerare il Natale una terra di nessuno dove tutti possono disinvoltamente sentirsi parte attiva chiamata in causa? O non richiede piuttosto il Natale un atteggiamento dell'animo realmente rinnovato, non diciamo puro, ma almeno non sporcato da ipocrisia ed egoismi?


Preghiera dell'Olivicoltore

Preghiera dell'Olivicoltore

L’abbiamo ricevuta da un olivicoltore umbro che ha voluto restare anonimo. E’ stata scritta quest’anno, ed è un modo per rivolgersi a Colui che dall’alto tutto vede: per ringraziarlo. “Dammi la capacità di invecchiare / come un olivo”. “Dammi la libertà dell'olivo / che non ha bisogno di molto per vivere”


L'Italia è questa

L'Italia è questa

Non siamo un Paese per giovani agricoltori. La denuncia di Alessia Farina, di "Agricoltura in rivoluzione", è allarmante. Come si può essere competitivi in un Paese in cui il carico burocrativo grava in maniera esagerata? A che serve mantenere un apparato che contribusce solo ad affossare ogni ipotesi di speranza?


Io pianto perché

Io pianto perché

In un’Italia che non mette più a dimora olivi c’è chi vi crede ancora e non rinuncia. Salvatore Scuderi è tra questi, determinato e tenace nelle sue intenzioni. Siamo in Sicilia, con tanta voglia di agire. “Piantare ogni giorno un albero in più vuol dire lottare. Far nascere, far crescere una pianta – dice – vuol dire dare sostanza al nostro futuro”


<< | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

INOLTRE
OLTRE

La Xylella fastidiosa in Corsica

AGRICULTURE.GOUV.FR

PARTNERS
Casa dell'Olivo Olea Donne dell'Olio Olio di Famiglia
LA PAROLA

Frìggere

v. tr. e intr. [lat. frīgĕre] - cuocere in olio, burro o in grasso bollente

CHE OLIO SEI

L’olio secondo Gualtiero Marchesi

Lo scrittore Nicola Dal Falco incontra il padre nobile della cucina italiana per un confronto su una materia prima tanto pregiata qual è il succo di oliva. “Quando vivevo con i miei genitori – racconta il grande cuoco – la merenda ideale era di versare l’olio sul piatto e, poi, intingere con del pane casalingo, tagliato a fette. Buonissimo”

Le scelte di Camilla Guiggi

Blogger e degustatrice, si sofferma sull’analisi sensoriale di vari alimenti, in particolare sul vino, senza trascurare l’olio da olive, che non manca mai sulla sua tavola. Ha una predilezione per i monocultivar: da olive Cellina di Nardò, Picholine e Moraiolo in particolare. Non trascura nemmeno gli oli “altri”: quello di Lentisco, sardo; o l’olio di nocciola tonda gentile del Piemonte. Ed evidenzia infine una anomalia: “è difficile trovare ristoranti dotati di un’ampia gamma di oli

Le scelte di Alessandra Lofino

Giornalista e blogger pugliese, con una grande passione per la cucina e i buoni frutti della terra. Predilige gli oli ottenuti da due cultivar: la Leccina, dal sapore delicato, del sud est barese, e la Coratina, del nord barese, dal piacevole piccantino. Il suo ristorante oliocentrico preferito è Menelao a Santa Chiara, di Michele Boccardi, nel centro storico di Turi

Le scelte di Valeria Biagi

Si occupa di letteratura ed è vicepresidente del Centro Studi Sirio Giannini, autrice di un libro dedicato agli scrittori della provincia di Lucca. La sua famiglia produce olio da molte generazioni, ma a scopo esclusivamente privato, nella campagna versiliese. Il ristorante oliocentrico preferito? L'Antico Uliveto di Seravezza

Le scelte di Marina Ferrara

Sempre e solo olio extra vergine di oliva, e, devo dire - ammette l'artista e transformational coach - che anche quel poco di burro della tradizione trentina, da parte di madre, è quasi del tutto scomparso. Il padre napoletano ha influito molto. L'alimento è unico, senza dubbio, ma l'altro senso che l'olio stimola in lei, è quello del tatto nella sua essenza oleosa, spesso utilizzato anche nei trattamenti olistici > Silvia Ruggieri

Le scelte di Antonella Millarte

Giornalista sempre attenta alle materie prime di cui ci s nutre, non smette mai di cercare e segnalare le migliori produzioni in circolazione, e, tra i fornelli si muove con agilità e voce narrante. Ama gli oli Coratina e Nocellara del Belice, come pure il blend di Ogliarola e Leccina. Il suo ristorante oliocentrico? Antichi Sapori, di Pietro Zito

RITRATTI AD OLIO

Olivagione al femminile

La galleria fotografica che potete ammirare è di Stefano Triulzi. Le olive sono tutte di cultivar Taggiasca, proprietà di Ivano Brunengo. Siamo in Liguria. La donna che vedete, intenta a raccogliere i preziosi frutti che si tramuteranno in olio, non è una olivicoltrice ma un’antropologa del cibo: Giulia Ubaldi. "Vivere l’emozione della raccolta, è questo che ci permette di capire cosa sia e quanto valga una materia prima così fondamentale qual è l’olio ricavato dalle olive > Luigi Caricato

L’emozione di chi assaggia

Cosa significa apprendere l’arte della valutazione sensoriale degli oli da olive? Cosa accade dopo aver frequentato un corso di assaggio e aver scoperto le infinite potenzialità che si celano dietro una materia prima che tanti consumano ma senza conoscerne appieno l’identità e le tante potenzialità espressive? Il fatto è che si acquista un olio immaginando che sia eccellente per partito preso, solo perché lo si è prodotto; eppure le sorprese non mancano. La testimonianza di Marco Tribuzio, vice presidente di Confcooperative Bari-Bat

L’unione fa la forza

Si è sempre detto che gli italiani non siano in grado di realizzare progetti comuni e condivisi, inadatti come sono a mettersi insieme e collaborare. E’ drammaticamente vero, ma ci sono le eccezioni. E’ il caso positivo di Domenico Fazio, Giampaolo Lupi e Carlo Bianchi, tutti e tre impegnati a valorizzare i propri extra vergini a partire dal marchio collettivo "Da Vinci" > Luigi Caricato

Il passato lascia tracce

L’azienda agraria della famiglia Clarici a Foligno vanta una tradizione ben radicata, come ben dimostrano alcune tra le immagini tratte dall’archivio storico che vi proponiamo. Ora, la nuova generazione, la quinta, con Pietro e Maria Elisabetta ha in programma un ambizioso progetto di recupero dell’antica struttura > Luigi Caricato

Sì alla terra e agli ulivi

Perché pensare che il lavoro agricolo sia solo pura tecnica e fatica, senza alcuno spazio per i sentimenti e le emozioni? Teresa Marinucci Palermo, molisana di Rotello, a 38 anni produce olio insieme con la famiglia. Le colline sulle quali gli olivi campeggiano, sembrano contorni di corpi femminili dalle linee dolci e morbide. L’olio ricavato dalle olive è per lei elemento indispensabile come l'acqua

Un po’ d’olio per iniziare

Pane e olio, qualunque sia il cibo e il vino che seguiranno. Parola di Aimo Moroni, patron del ristorante Luogo di Aimo e Nadia di Milano. “Ogni volta che mi chiedono il perché, rispondo che l’olio nel piatto riguarda un po’ la mia storia, molto la cultura di questo Paese e altrettanto se non di più la salute”. E aggiunge: “Resto debitore del motto di Ippocrate secondo cui l’alimento è medicamento” > Nicola Dal Falco

ALTRE INCURSIONI
Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
MERCATI

Quotazioni di mercato per gli oli da olive
del 19 marzo 2019

ESTERO
  • Grecia
  • Spagna
  • Tunisia
  • Marocco
ITALIA
  • Andria
  • Bitonto
  • Sud Puglia

a cura di Adriano Caramia, Noureddine Ouazzani, Ettore Campobasso, Domenico Petrosillo

SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Il vino della settimana: Falanghina del Sannio 2017, di Mastrobernardino

Da una cantina di riferimento della Campania, un vino non pienamente espresso a livello olfattivo, ma decisamente più convincente al gusto, per acidità e corpo, sapidità e rotondità > Enrico Rana

Il vino della settimana: Barabàn 2016, di Fattoria Eolia

Il vino della settimana: Barabàn 2016, di Fattoria Eolia

Un Cabernet delle Venezie 2015 tipico e di ottima beva. Intenso all’esame olfattivo e dal sapore svanisce in poco tempo ma che nel complesso risulta piacevole e caratteristico, con note di frutta rossa.  > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Le colture no food?

Le colture no food?

L'altra via dell'agricoltura. Esiste ORA un network internazionale, denominato Panacea, nato per diffondere la conoscenza delle colture non alimentari tra gli agricoltori e favorire di conseguenza i principi della bioeconomia. C'è spazio per bioplastiche ottenute da scarti agricoli, lubrificanti, materiali da costruzione, prodotti farmaceutici, bioenergia, biocarburanti. Il tutto derivante da piante oleaginose (camelina, ricino), lignocellulosiche (canapa, canna comune), carboidrati (sorgo, barbabietola da zucchero) e tante altre colture > Marcello Ortenzi

Un inedito touchpoint per interagire con la clientela

Un inedito touchpoint per interagire con la clientela

Innovazioni. Fratelli Carli, la storica azienda olearia ligure, entra nel mondo digical - neologismo generato dalla crasi tra le parole “digital” e “physical” -  e allarga il numero di punti di contatto con la propria clientela. Dopo la vendita per corrispondenza, l’e-commerce e la catena retail degli Empori, l’azienda potenzia il proprio percorso verso l’omnicanalità e lancia a Monza il prototipo di self-machine refrigerata, dedicata ai piatti tipici della propria regione

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

L'arte a Olio Officina Festival

OOF 2019. Cinzia Boschiero intervista la direttrice creativa del movimento culturale Arte da Mangiare, Ornella Piluso, nell'ambito dell'evento che si è celebrato a Milano dal 31 gennaio al 2 febbraio 2019

L' olio di sansa ha una grossa carta da giocare

OOF 2019. Nell'ambito di Olio Officina Festival, è stato presentato un interessante studio (commissionato da Pantaleo Spa e condotto dall'Università di Udine) su un olio che per tanti anni è stato trascurato ma che merita ben altra considerazione, anche in ragione dell'alto contenuto in acido oleico e al contenuto elevato di tocoferoli. Intervista al professor Lanfranco Conte

BIBLIOTECA OLEARIA
L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria

OOF International Magazine numero 7

OOF International Magazine numero 7

Anche l'edizione invernale della rivista trimestrale di Olio Officina ha avuto un vasto consenso, presentata in esclusiva nell'ambito di Olio Officina festival 2019 e di cui abbiamo avuto più occasioni per scriverne. Il tema portante? L’olio a fumetti. Nuovi stili, nuovi linguaggi. Il consiglio è di abbonarsi e non perdere nessuno dei numeri. È possibile anche richiedere i numeri arretrati