Mercoledì 19 Giugno 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

Olio italiano, sangue mafioso

Olio italiano, sangue mafioso

Illustre Ministro, inizia così una lettera che il presidente del Ceq, il Consorzio extra vergine di qualità, Elia Fiorillo, scrive a Maurizio Martina. Nel silenzio generale, si apre uno spiraglio di dignità, per il nostro Paese, con una voce che chiede conto alle Istituzioni italane di un silenzio incomprensibile dinanzi a troppe storture, screditamenti e attacchi. “Mi permetto di chiederLe – si legge nella lettera al capo del dicastero agricolo – se a suo parere gli americani al nostro posto avrebbero fatto altrettanto per screditare un loro settore di esportazione”


L’olio del Caffè Centrale

L’olio del Caffè Centrale

Ad Asolo i fratelli Botter, Lelle ed Ezio, sono all’opera in uno storico bar che rappresenta sin dalla sua fondazione un luogo di culto, frequentato da tanti ospiti locali, nazionali e stranieri. Non è solo un bar, è anche un crocevia di delizie. Vi si trova, in particolare, un olio extra vergine di oliva di gran pregio. I due instancabili fratelli, da grandi appassionati coltivatori quali sono, oltre a produrre bene, raccontano l’olio in tanti modi, lo vestono bene e lo propongono perfino nel loro listino con tante immagini a corredo


Gli auguri più belli

Gli auguri più belli

Tra le tante mail di auguri ricevute per queste festività tuttora in corso, abbiamo individuato nel genio creativo di Riccardo Stefanelli per Plum, l'idea che riteniamo senza alcun dubbio essere la più divertente e insolita, al punto da proporre una narrazione per immagini in sei distinti momenti


Olio superpolifenolico

Olio superpolifenolico

La qualità dell’oliva è il risultato di un benessere globale delle piante nell’ambiente circostante. Lo sostengono i giovani di Abitare i Paduli, alla loro quarta olivagione consecutiva. Quest’anno, tra l’altro, hanno prodotto un extra vergine superbo, rigorosamente made in Salento: superpolifenolico, ma anche polifonico. E’ un coro a più voci. Ed è stata – dicono – un’esperienza esaltante. A dimostrazione di come si possa dare il buon esempio, costruendo buone novelle


Natale perché

Natale perché

Hanno senso gli auguri collettivi e indiscriminati? Ha senso ancora considerare il Natale una terra di nessuno dove tutti possono disinvoltamente sentirsi parte attiva chiamata in causa? O non richiede piuttosto il Natale un atteggiamento dell'animo realmente rinnovato, non diciamo puro, ma almeno non sporcato da ipocrisia ed egoismi?


Preghiera dell'Olivicoltore

Preghiera dell'Olivicoltore

L’abbiamo ricevuta da un olivicoltore umbro che ha voluto restare anonimo. E’ stata scritta quest’anno, ed è un modo per rivolgersi a Colui che dall’alto tutto vede: per ringraziarlo. “Dammi la capacità di invecchiare / come un olivo”. “Dammi la libertà dell'olivo / che non ha bisogno di molto per vivere”


L'Italia è questa

L'Italia è questa

Non siamo un Paese per giovani agricoltori. La denuncia di Alessia Farina, di "Agricoltura in rivoluzione", è allarmante. Come si può essere competitivi in un Paese in cui il carico burocrativo grava in maniera esagerata? A che serve mantenere un apparato che contribusce solo ad affossare ogni ipotesi di speranza?


Io pianto perché

Io pianto perché

In un’Italia che non mette più a dimora olivi c’è chi vi crede ancora e non rinuncia. Salvatore Scuderi è tra questi, determinato e tenace nelle sue intenzioni. Siamo in Sicilia, con tanta voglia di agire. “Piantare ogni giorno un albero in più vuol dire lottare. Far nascere, far crescere una pianta – dice – vuol dire dare sostanza al nostro futuro”


Concorso packaging

Concorso packaging

Le Forme dell’olio, terza edizione. In gara per premiare gli oli extra vergini di oliva meglio vestiti. L’abbigliaggio, si sa, conta moltissimo. Si vende anche per le belle forme con cui una bottiglia d’olio extra vergine di oliva viene presentata sul mercato. Nulla va trascurato. E’ una iniziativa nell’ambito di Olio Officina Festival 2016


L’arte della saponeria

L’arte della saponeria

Storie di archeologia industriale. Tutto ebbe inizio a partire dall’olio. Si intuì che la grande quantità di olio scadente poteva essere utilizzato come materia prima per la fabbricazione dei saponi. Erano gli anni in cui iniziavano a sorgere, soprattutto nella città di Bari, importanti saponerie alimentate con forza motrice a vapore. La saponeria “G. S. L’Abbate” di Fasano, fondata da Giuseppe Sante tra il 1878 e il 1880, è l’unica fabbrica di saponi dell’Italia centro-meridionale (e forse anche dell’Italia settentrionale) giunta alla quinta generazione


La grande tradizione dei grani

La grande tradizione dei grani

Storie di archelogia industriale. Tutto si incentra sulla figura di Nazareno Strampelli, il fondatore della genetica agraria italiana. I suoi frumenti non appartengono solo al passato, continuano a vivere nei genotipi che ha creato, incrociati oggi con altri frumenti. Le sue creazioni sono state le più coltivate in Spagna e Argentina, da dove si sono riversate attraverso il mercato delle esportazioni in gran parte dell’America del nord e dell’Europa. Rieti ha dominato la scena mondiale, ma in pochi lo sanno


Il Mulino a vapore di Pulsano

Il Mulino a vapore di Pulsano

Storie di archeologia industriale. Tutto è riconducibile a Francesco Scoppetta, fondatore, l'8 febbraio 1879, dell’omonimo opificio che oggi, con un decreto legislativo, è considerato "di interesse particolarmente importante" e, pertanto, sottoposto a tutte le disposizioni di tutela.


L’olio è servito

L’olio è servito

L’Oil Bar è stato inventato al Simei, l’importante manifestazione fieristica che si svolge a Milano in novembre. E ora, dal 3 al 6 novembre, torna nuovamente in grande evidenza, con la collaborazione delle Donne dell’Olio che presenteranno le diverse produzioni nazionali. Ci sarà anche una “Carta degli Oli”


Riguarda tutti noi

Riguarda tutti noi

La grave crisi politica e sociale di Roma coinvolge tutto il Paese, perché - non occorre mai dimenticarlo - resta la capitale d'Italia. Le dimissioni di Ignazio Marino ci aprono a nuovi scenari e soprattutto a un'idea diversa e alternativa di città, in cui investire in coesione sociale, sviluppo e innovazione. Bisognerebbe puntare sulla responsabilità delle classi dirigenti locali perché sappiano scegliere poche cose da fare e farle bene


L’olio meglio vestito

L’olio meglio vestito

L’abbigliaggio conta moltissimo. Si vende anche per le belle forme con cui una bottiglia d’olio extra vergine di oliva viene presentata sul mercato. Nulla va trascurato. Occorre assicurare una bontà del contenuto, ma anche una bontà delle forme. Non meno importante è l’etichetta, grande elemento attrattivo per il consumatore. Un concorso, "Olio Officina - Le forme dell'olio", alla sua terza edizione. E' disponibile il regolamento per chi intende partecipare


E’ lombardo l’olio per Francesco

E’ lombardo l’olio per Francesco

Ad alimentare la lampada votiva, quella che arde nella cripta della basilica di Assisi, proprio là dove vi sono le spoglie mortali del Patrono d’Italia, è stato fornito dalla regione che vanta due Dop, Garda e Laghi Lombardi. La consegna il 4 ottobre. La lista completa anno per anno, dal 1939, delle regioni donatrici del prezioso succo di olive


Olivagione nel nord Puglia

Olivagione nel nord Puglia

Una visione per immagini. Nel foggiano non pioveva da marzo. La raccolta si prospetta buona, ma solo per chi ha avuto la possibilita di irrigare, sostiene l’olivicoltore e frantoiano Giovanni Trombetta. Una ricca galleria fotografica, da Carpino


L'olio targato 2015

L'olio targato 2015

Il primo succo di olive d'Italia è stato prodotto in Sicilia, ed esattamente a Castelluccio di Noto, alle ore 18.30 di giovedì 10 settembre 2015, e ha per nome Novello di Ruta. La presentazione, nell'ambito del progetto Oliocultura, lunedi 14, alla presenza di ristoratori e chef


Coldiretti non ci rappresenta più

Coldiretti non ci rappresenta più

Oggi questa organizzazione usa i calli e il sudore degli agricoltori per coltivare interessi “diversi”, di un mondo che certamente non è quello agricolo “Per la mia famiglia – scrive Fausto Ligas, in una lettera aperta al presidente Moncalvo – la Coldiretti era un punto di riferimento. Non si muoveva niente se prima non si era parlato con il segretario di zona”. Ora la grande delusione, dopo la sua espulsione, con modi molto sommari. Cosa è accaduto di così grave a Siena?


Cento innesti per cento speranze

Cento innesti per cento speranze

Salvare il Salento a partire dal Gigante di Felline. L'olivo millenario che da alcuni mesi mostra gravi sintomi di disseccamento, ha dimostrato la propria voglia di sopravvivere facendo germogliare gli innesti che gli sono stati praticati. Chissà cosa prospetta il futuro. Intanto il collettivo della Voce dell’Ulivo sostiene come tale tentativo faccia ben sperare di salvare i nostri patriarchi, attraverso una semplice e millenaria pratica agronomica


<< | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

INOLTRE
OLTRE

La Xylella fastidiosa in Corsica

AGRICULTURE.GOUV.FR

PARTNERS
Casa dell'Olivo Olea Donne dell'Olio Olio di Famiglia
LA PAROLA

Frìggere

v. tr. e intr. [lat. frīgĕre] - cuocere in olio, burro o in grasso bollente

CHE OLIO SEI

L’olio secondo Gualtiero Marchesi

Lo scrittore Nicola Dal Falco incontra il padre nobile della cucina italiana per un confronto su una materia prima tanto pregiata qual è il succo di oliva. “Quando vivevo con i miei genitori – racconta il grande cuoco – la merenda ideale era di versare l’olio sul piatto e, poi, intingere con del pane casalingo, tagliato a fette. Buonissimo”

Le scelte di Camilla Guiggi

Blogger e degustatrice, si sofferma sull’analisi sensoriale di vari alimenti, in particolare sul vino, senza trascurare l’olio da olive, che non manca mai sulla sua tavola. Ha una predilezione per i monocultivar: da olive Cellina di Nardò, Picholine e Moraiolo in particolare. Non trascura nemmeno gli oli “altri”: quello di Lentisco, sardo; o l’olio di nocciola tonda gentile del Piemonte. Ed evidenzia infine una anomalia: “è difficile trovare ristoranti dotati di un’ampia gamma di oli

Le scelte di Alessandra Lofino

Giornalista e blogger pugliese, con una grande passione per la cucina e i buoni frutti della terra. Predilige gli oli ottenuti da due cultivar: la Leccina, dal sapore delicato, del sud est barese, e la Coratina, del nord barese, dal piacevole piccantino. Il suo ristorante oliocentrico preferito è Menelao a Santa Chiara, di Michele Boccardi, nel centro storico di Turi

Le scelte di Valeria Biagi

Si occupa di letteratura ed è vicepresidente del Centro Studi Sirio Giannini, autrice di un libro dedicato agli scrittori della provincia di Lucca. La sua famiglia produce olio da molte generazioni, ma a scopo esclusivamente privato, nella campagna versiliese. Il ristorante oliocentrico preferito? L'Antico Uliveto di Seravezza

Le scelte di Marina Ferrara

Sempre e solo olio extra vergine di oliva, e, devo dire - ammette l'artista e transformational coach - che anche quel poco di burro della tradizione trentina, da parte di madre, è quasi del tutto scomparso. Il padre napoletano ha influito molto. L'alimento è unico, senza dubbio, ma l'altro senso che l'olio stimola in lei, è quello del tatto nella sua essenza oleosa, spesso utilizzato anche nei trattamenti olistici > Silvia Ruggieri

Le scelte di Antonella Millarte

Giornalista sempre attenta alle materie prime di cui ci s nutre, non smette mai di cercare e segnalare le migliori produzioni in circolazione, e, tra i fornelli si muove con agilità e voce narrante. Ama gli oli Coratina e Nocellara del Belice, come pure il blend di Ogliarola e Leccina. Il suo ristorante oliocentrico? Antichi Sapori, di Pietro Zito

RITRATTI AD OLIO

Olivagione al femminile

La galleria fotografica che potete ammirare è di Stefano Triulzi. Le olive sono tutte di cultivar Taggiasca, proprietà di Ivano Brunengo. Siamo in Liguria. La donna che vedete, intenta a raccogliere i preziosi frutti che si tramuteranno in olio, non è una olivicoltrice ma un’antropologa del cibo: Giulia Ubaldi. "Vivere l’emozione della raccolta, è questo che ci permette di capire cosa sia e quanto valga una materia prima così fondamentale qual è l’olio ricavato dalle olive > Luigi Caricato

L’emozione di chi assaggia

Cosa significa apprendere l’arte della valutazione sensoriale degli oli da olive? Cosa accade dopo aver frequentato un corso di assaggio e aver scoperto le infinite potenzialità che si celano dietro una materia prima che tanti consumano ma senza conoscerne appieno l’identità e le tante potenzialità espressive? Il fatto è che si acquista un olio immaginando che sia eccellente per partito preso, solo perché lo si è prodotto; eppure le sorprese non mancano. La testimonianza di Marco Tribuzio, vice presidente di Confcooperative Bari-Bat

L’unione fa la forza

Si è sempre detto che gli italiani non siano in grado di realizzare progetti comuni e condivisi, inadatti come sono a mettersi insieme e collaborare. E’ drammaticamente vero, ma ci sono le eccezioni. E’ il caso positivo di Domenico Fazio, Giampaolo Lupi e Carlo Bianchi, tutti e tre impegnati a valorizzare i propri extra vergini a partire dal marchio collettivo "Da Vinci" > Luigi Caricato

Il passato lascia tracce

L’azienda agraria della famiglia Clarici a Foligno vanta una tradizione ben radicata, come ben dimostrano alcune tra le immagini tratte dall’archivio storico che vi proponiamo. Ora, la nuova generazione, la quinta, con Pietro e Maria Elisabetta ha in programma un ambizioso progetto di recupero dell’antica struttura > Luigi Caricato

Sì alla terra e agli ulivi

Perché pensare che il lavoro agricolo sia solo pura tecnica e fatica, senza alcuno spazio per i sentimenti e le emozioni? Teresa Marinucci Palermo, molisana di Rotello, a 38 anni produce olio insieme con la famiglia. Le colline sulle quali gli olivi campeggiano, sembrano contorni di corpi femminili dalle linee dolci e morbide. L’olio ricavato dalle olive è per lei elemento indispensabile come l'acqua

Un po’ d’olio per iniziare

Pane e olio, qualunque sia il cibo e il vino che seguiranno. Parola di Aimo Moroni, patron del ristorante Luogo di Aimo e Nadia di Milano. “Ogni volta che mi chiedono il perché, rispondo che l’olio nel piatto riguarda un po’ la mia storia, molto la cultura di questo Paese e altrettanto se non di più la salute”. E aggiunge: “Resto debitore del motto di Ippocrate secondo cui l’alimento è medicamento” > Nicola Dal Falco

ALTRE INCURSIONI
DIXIT
MERCATI

Quotazioni di mercato per gli oli da olive
del 18 giugno 2019

ESTERO
  • Grecia
  • Spagna
  • Tunisia
  • Marocco
ITALIA
  • Andria
  • Bitonto
  • Sud Puglia

a cura di Adriano Caramia, Noureddine Ouazzani, Ettore Campobasso, Domenico Petrosillo

SAGGI ASSAGGI
La grande originalità degli extra vergini Dedicati

La grande originalità degli extra vergini Dedicati

La recensione di un olio dedicato alla pasta e proposto da Olitalia per il canale del food service. Un mix di cultivar italianeper un blend pensato espressamente per aiutare la ristorazione a scegliere l’olio giusto. Nel caso specifico, quello più adatto per ogni tipologia di pasta > Maria Carla Squeo

L'extra vergine Dop Garda Orientale dei Fratelli Turri

L'extra vergine Dop Garda Orientale dei Fratelli Turri

L'avete mai provato? È l'espressione delle olive Casaliva (nella quasi totalità: 60%) e, per la restante parte, Leccino, Pendolino, Raza e Moraiolo. L'azienda ha sede in un luogo altamente vocato, a Cavaion Veronese, nel Veneto > Silvia Ruggieri

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

Costolette d'agnello irlandese con salsa di prezzemolo e timo

La Pasqua si avvicina e non ci si può sottrarre alle consuetudini. Questa volta l'Irlanda, attraverso Bord Bia, viene da noi, con una ricetta in cui tra l'altro anche l'olio extra vergine di oliva è presente. Tanti gli ingredienti, ma la carne, quella proposta in questa preparazione, è rigorosamente Irish, da animali allevati secondo la più autentica tradizione irlandese e che pascolano in piena libertà, alimentandosi per oltre l’80 per cento di erba fresca

EXTRA MOENIA
Stefano Bollani, un musicista nella Hall of Fame di Casa Menotti

Stefano Bollani, un musicista nella Hall of Fame di Casa Menotti

La cerimonia che si svolgerà sabato 13 luglio a Casa Menotti a Spoleto, lo vedrà come protagonista ricevendo il Premio Monini “Una Finestra sui Due Mondi” arrivato alla sua decima edizione

Frantoio Millennio e Leccino Millennio

Frantoio Millennio e Leccino Millennio

Sono le due nuove varietà di ulivo brevettate dall’Università di Pisa. Si tratta di cultivar che si contraddistinguono per i numerosi vantaggi in termini di produttività e qualità dell’olio rispetto alle varietà standard, date in concessione esclusiva a Co.Ri.Pro-Olivi di Pescia

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Il nuovo sito web che ospita Olio Officina Edizioni

Abbiamo collocato on line il sito della nostra casa editrice. Uno strumento utile per saperne di più sulle nostre pubblicazioni, sia cartacee, sia telematiche. Il nuovo sito è sul dominio olioofficina.eu, e affianca quelli di Olio Officina Magazine (olioofficina.it), Olio Officina Globe (olioofficina.net) e Olio Officina Festival (olioofficina.com). Buona navigazione > Luigi Caricato

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

L'arte a Olio Officina Festival

OOF 2019. Cinzia Boschiero intervista la direttrice creativa del movimento culturale Arte da Mangiare, Ornella Piluso, nell'ambito dell'evento che si è celebrato a Milano dal 31 gennaio al 2 febbraio 2019

L' olio di sansa ha una grossa carta da giocare

OOF 2019. Nell'ambito di Olio Officina Festival, è stato presentato un interessante studio (commissionato da Pantaleo Spa e condotto dall'Università di Udine) su un olio che per tanti anni è stato trascurato ma che merita ben altra considerazione, anche in ragione dell'alto contenuto in acido oleico e al contenuto elevato di tocoferoli. Intervista al professor Lanfranco Conte

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olio spiegato alle mie figlie

L’olio spiegato alle mie figlie

Un libro dell'oleologo Lorenzo Cerretani per le edizioni Olio Officina, da avere assolutamente con sé. Pensato per i giovanissimi, è adatto anche agli adulti. Un linguaggio semplice, proprio per questo utilissimo per apprendere tutto, ma proprio tutto, sull'olio da olive, il pregiato succo

L’assaggio delle olive da tavola

L’assaggio delle olive da tavola

Un libro che ci introduce alla degustazione delle olive da mensa, scritto da Roberto De Andreis, noto esperto di analisi sensoriale, fa parte del gruppo olive da tavola del Consiglio oleicolo internazionale. È inoltre presidente del Comitato Promotore Taggiasca Dop, nonché capo panel presso il Laboratorio chimico merceologico della Camera di Commercio Riviere di Liguria