Sabato 29 Aprile 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

Effetti del negazionismo

Le azioni di quanti hanno cavalcato strumentalmente la questione Xylella fastidiosa portò, due anni fa, a distorcere il significato del messaggio espresso dal ricercatore del Cnr Donato Boscia, attribuendogli la volontà e la richiesta di abbattere un milione di piante, oltre a farne bersaglio di linciaggio mediatico e oggetto di attenzioni di carattere giudiziario. Oggi, le amare riflessioni del presidente di Aprol Lecce

Pantaleo Greco

Effetti del negazionismo

Circa due anni fa, era il 5 marzo 2015, nel corso di un forum tenutosi a Lecce Donato Boscia, ricercatore del CNR impegnato in prima linea nello studio dell’epidemia di Xylella, pressato dalle domande dei giornalisti che chiedevano “numeri”, disse che, in mancanza di dati ufficiali, combinando le osservazioni di campo e le segnalazioni della rete di tecnici salentini con cui era in contatto, era verosimile che il territorio provinciale interessato dall’infezione fosse del 10% circa, corrispondente ad un milione di olivi.

Numeri suscettibili di importanti oscillazioni, che aiutavano a dare un’idea della magnitudo del fenomeno, fino ad allora fuorviata dalle poche centinaia dei rapporti ministeriali, che però attingevano non dall’inventario delle piante infette ma dal monitoraggio effettuato per delimitare le zone esenti.

Nonostante lo scopo fosse di dimostrare che l’ampiezza del fenomeno era ormai troppo ampia per pensare ad un intervento definitivo di “eradicazione”, e che invece da quei numeri bisognava partire per pensare ad una gestione condivisa ma razionale del fenomeno,la prevenzione e la strumentalizzazione di ben note frange negazioniste portò a distorcere il significato di quel messaggio, attribuendo al ricercatore la volontà e la richiesta di abbattere un milione di piante, a farne un bersaglio di linciaggio mediatico ed oggetto di attenzioni di carattere giudiziario.

Oggi, a due anni di distanza, leggiamo che il dirigente del dipartimento agricoltura della Regione Puglia parla di 10 milioni di piante infette e di un miliardo di danni.
Ogni commento è puramente superfluo.

Pantaleo Greco - 03-04-2017 - Tutti i diritti riservati

Pantaleo Greco

Presidente Aprol Lecce

Alfonso Pascale
L'INCURSIONE

ALFONSO PASCALE

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il mio nome è Italo

Il mio nome è Italo

Un extra vergine abruzzese, frutto di un blend di oli ottenuti da ben cinque cultivar, tra cui la celebre Dritta. All’assaggio l’olio si presenta morbido, senza venir meno alle connotazioni fruttate, che gli attribuiscono corpo e personalità. Versatile, dall'ottimo rapporto qualità, prezzo e rendimento. Reca la firma Fattoria del Torquato > Luigi Caricato

RICETTE OLIOCENTRICHE
Zuppa di cipolla… egiziana ligure

Zuppa di cipolla… egiziana ligure

Ormai è una tappa fissa. Questo bulbo sta diventando un must. Basta poco per gioire dei sapori semplici. Sono sufficienti gli ingredienti essenziali, facili da reperire > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Il sepolcro vuoto

Il sepolcro vuoto

Maria di Magdala. Gli evangelisti ne parlano come una delle donne che accompagnavano e assistevano Gesù e che furono presenti nei momenti drammatici della sua passione e morte. Di lei in particolare si precisa, per ben due volte, che era stata liberata da sette demoni > Sante Ambrosi

GIRO WEB
I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

I racconti di Chiara Coricelli rendono più moderna la comunicazione sull’olio

Ha riscontrato un grande successo la webserie di cui è testimonial, in veste di mamma, moglie e imprenditrice, la stessa titolare della nota azienda olearia umbra. Se vogliamo collocarla sulla quantità di visualizzazioni, ne ha ottenute oltre 100 mila, ma anche sul fronte dell’efficacia qualitativa spicca per originalità e inventiva > Maria Carla Squeo

OO VIDEO

In grazia di Dio, la vita al tempo della crisi

Un momento dell'incontro con il regista Edoardo Winspeare, nell'ambito di Olio Officina Festival 2014, dove aveva presentato il suo ultimo film, con il quale ha partecipato, per l'Italia, al festival di Berlino. In questa pellicola, il regista racconta di una famiglia costretta dalla crisi a chiudere l'azienda e a trasferirsi in campagna. Nonostante le difficoltà e le asprezze della vita nei campi, i protagonisti ritrovano le serenità e il senso della vita comunitaria (Prima parte)

BIBLIOTECA OLEARIA
Tre autori per un libro. Protagonista l’olio extra vergine di oliva

Tre autori per un libro. Protagonista l’olio extra vergine di oliva

Sono Marco Larentis, Simona De Nicola e Stefano Bonamico, a firmare un libro illustrato per le edizioni Hoepli. Diventato un prodotto "cult della moderna interpretazione della alimentazione consapevole”, il succo di olive è ormai al centro dell’attenzione generale > Luigi Caricato