Lunedì 23 Aprile 2018 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

Effetti del negazionismo

Le azioni di quanti hanno cavalcato strumentalmente la questione Xylella fastidiosa portò, due anni fa, a distorcere il significato del messaggio espresso dal ricercatore del Cnr Donato Boscia, attribuendogli la volontà e la richiesta di abbattere un milione di piante, oltre a farne bersaglio di linciaggio mediatico e oggetto di attenzioni di carattere giudiziario. Oggi, le amare riflessioni del presidente di Aprol Lecce

Pantaleo Greco

Effetti del negazionismo

Circa due anni fa, era il 5 marzo 2015, nel corso di un forum tenutosi a Lecce Donato Boscia, ricercatore del CNR impegnato in prima linea nello studio dell’epidemia di Xylella, pressato dalle domande dei giornalisti che chiedevano “numeri”, disse che, in mancanza di dati ufficiali, combinando le osservazioni di campo e le segnalazioni della rete di tecnici salentini con cui era in contatto, era verosimile che il territorio provinciale interessato dall’infezione fosse del 10% circa, corrispondente ad un milione di olivi.

Numeri suscettibili di importanti oscillazioni, che aiutavano a dare un’idea della magnitudo del fenomeno, fino ad allora fuorviata dalle poche centinaia dei rapporti ministeriali, che però attingevano non dall’inventario delle piante infette ma dal monitoraggio effettuato per delimitare le zone esenti.

Nonostante lo scopo fosse di dimostrare che l’ampiezza del fenomeno era ormai troppo ampia per pensare ad un intervento definitivo di “eradicazione”, e che invece da quei numeri bisognava partire per pensare ad una gestione condivisa ma razionale del fenomeno,la prevenzione e la strumentalizzazione di ben note frange negazioniste portò a distorcere il significato di quel messaggio, attribuendo al ricercatore la volontà e la richiesta di abbattere un milione di piante, a farne un bersaglio di linciaggio mediatico ed oggetto di attenzioni di carattere giudiziario.

Oggi, a due anni di distanza, leggiamo che il dirigente del dipartimento agricoltura della Regione Puglia parla di 10 milioni di piante infette e di un miliardo di danni.
Ogni commento è puramente superfluo.

Pantaleo Greco - 03-04-2017 - Tutti i diritti riservati

Pantaleo Greco

Presidente Aprol Lecce

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Non solo biologico, anche biodinamico

Non solo biologico, anche biodinamico

È l’extra vergine del Podere Forte, un Dop Terra di Siena che poggia sugli elementi cardine del germoplasma olivicolo toscano, ovvero la triade varietale Frantoio, Moraiolo, Leccino, unitamente a una parte di Olivastra Seggianese. Un olio a tutto tondo, versatile, dal fruttato medio > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
Carapelli, prima azienda a utilizzare il marchio FOOI

Carapelli, prima azienda a utilizzare il marchio FOOI

L'olio extra vergine di oliva premium “Il Nobile”, primo olio  con marchio 100% italiano in scaffale in Gdo, da maggio, con firma Filiera Olivicola Olearia Italiana e requisiti chimico-fisici più restrittivi di quelli europei, anche per i residui fitosanitari. È ottenuto da un blend di cultivar Cima di Bitonto (barese), Peranzana (foggiano), Coratina (nord barese) e Ogliarola (Mezzogiorno d’Italia)

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Regole precise per considerare i claim degli oli da olive

Il segreto della longevità? La scienza lo ha dimostrato: l’olio extra vergine di oliva fa parte di questa “ricetta” di lunga vita. Si tratta di uno degli approfondimenti affrontati nella lectio magistralis tenuta di recente a Milano dal prof. Gabriele Riccardi, ordinario di Endocrinologia all'università Federico II di Napoli e diabetologo, oltre che specialista della nutrizione umana. Nostra intervista allo studioso, membro del Comitato scientifico dell’Istituto Nutrizionale Carapelli onlus

BIBLIOTECA OLEARIA
Una biblioteca olearia per ogni azienda

Una biblioteca olearia per ogni azienda

Cosa hanno gli olivicoltori, i frantoiani, i confezionatori d'olio nelle proprie aziende? Sono forniti di libri e riviste sui temi che concernono il proprio lavoro?