Lunedì 11 Dicembre 2017 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

Effetti del negazionismo

Le azioni di quanti hanno cavalcato strumentalmente la questione Xylella fastidiosa portò, due anni fa, a distorcere il significato del messaggio espresso dal ricercatore del Cnr Donato Boscia, attribuendogli la volontà e la richiesta di abbattere un milione di piante, oltre a farne bersaglio di linciaggio mediatico e oggetto di attenzioni di carattere giudiziario. Oggi, le amare riflessioni del presidente di Aprol Lecce

Pantaleo Greco

Effetti del negazionismo

Circa due anni fa, era il 5 marzo 2015, nel corso di un forum tenutosi a Lecce Donato Boscia, ricercatore del CNR impegnato in prima linea nello studio dell’epidemia di Xylella, pressato dalle domande dei giornalisti che chiedevano “numeri”, disse che, in mancanza di dati ufficiali, combinando le osservazioni di campo e le segnalazioni della rete di tecnici salentini con cui era in contatto, era verosimile che il territorio provinciale interessato dall’infezione fosse del 10% circa, corrispondente ad un milione di olivi.

Numeri suscettibili di importanti oscillazioni, che aiutavano a dare un’idea della magnitudo del fenomeno, fino ad allora fuorviata dalle poche centinaia dei rapporti ministeriali, che però attingevano non dall’inventario delle piante infette ma dal monitoraggio effettuato per delimitare le zone esenti.

Nonostante lo scopo fosse di dimostrare che l’ampiezza del fenomeno era ormai troppo ampia per pensare ad un intervento definitivo di “eradicazione”, e che invece da quei numeri bisognava partire per pensare ad una gestione condivisa ma razionale del fenomeno,la prevenzione e la strumentalizzazione di ben note frange negazioniste portò a distorcere il significato di quel messaggio, attribuendo al ricercatore la volontà e la richiesta di abbattere un milione di piante, a farne un bersaglio di linciaggio mediatico ed oggetto di attenzioni di carattere giudiziario.

Oggi, a due anni di distanza, leggiamo che il dirigente del dipartimento agricoltura della Regione Puglia parla di 10 milioni di piante infette e di un miliardo di danni.
Ogni commento è puramente superfluo.

Pantaleo Greco - 03-04-2017 - Tutti i diritti riservati

Pantaleo Greco

Presidente Aprol Lecce

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Think green

Think green

Un mix di olive di diverse cultivar rendono l'olio dell'Oleificio Angelo Coppini di Terni, un cento per cento italiano, un extra vergine versatile e armonico, dal gusto rotondo > Maria Carla Squeo

RICETTE OLIOCENTRICHE
Corzetti o croxetti?

Corzetti o croxetti?

Valgono entrambi i nomi. Si tratta di una pasta tipica della cucina ligure, composta da acqua, farina di grano e sale. Si abbina benissimo alla cipolla egiziana ligure cruda, come pure a una crema di peperoni e al tartufo nero della Val Bormida. Immancabile l'olio extra vergine di oliva Taggiasca in purezza > Marco Damele

EXTRA MOENIA
L’olio Sagra per il food service

L’olio Sagra per il food service

Nuovi prodotti. L’eleganza come valore per comunicare la qualità. Lo storico marchio dell’olio da olive, di proprietà del Gruppo Salov e tra i principali protagonisti del mercato oleario mondiale, si propone con una nuova elegante linea da tavola creata in esclusiva per i professionisti della ristorazione

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

La genesi dell'oliva

In un video emozionale e insieme documentaristico l'azienda veneta Frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese, fa comprendere a chi non ha confidenza con il frutto dell'oliva, come si forma e si struttura il frutto ne corso dei mesi e come alla fine nasca l'olio extra vergine, quello a marchio Garda Dop Turri di varietà Casaliva

BIBLIOTECA OLEARIA
Evooleum 2018, le migliori selezioni

Evooleum 2018, le migliori selezioni

Pur essendo alla sua seconda edizione, si è imposta all’attenzione come se si trattasse della guida di riferimento per tutti i buyer, chef ma anche per gli stessi estimatori del prezioso succo di olive. È non a caso la guida più importante e autorevole, tra quelle finora editate nel mondo. Si concentra solo sui 100 migliori extra vergini, vantando una giuria di esperti di altissimo livello > Luigi Caricato