Martedì 23 Luglio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

I conflitti sulla Xylella

Duro attacco dell’Associazione Libero Comitato Anti-Xylella dell’Alto Salento nei confronti della Regione Puglia: il batterio continua a farla da padrona grazie agli “equivoci “ del presidente Emiliano. I tecnici e i ricercatori della'associazione ci hanno fatto notare dimenticanze quale l’assenza di riferimento agli “innesti” quale unica pratica realizzabile per tentare di salvare la Piana degli olivi monumentali, e si è vaghi anche sulla ricostruzione del patrimonio olivicolo attraverso il reimpianto

OO M

I conflitti sulla Xylella

Il Presidente Emiliano dice: “ ….la lotta alla xylella non è un’emergenza da combattere con la gestione commissariale, perché la protezione civile non interviene in queste materie, purtroppo è accaduto e non ha funzionato”.

Presidente come la dovremmo combattere la Xylella, con l’ultimo illeggibile decreto emanato dalla Regione? Per chi riesce a leggerlo, per tutte le Aziende Agricole ed Amministrazioni Locali che dovrebbero attuarlo si apre un mondo di dubbi ed il primo fra tutti è: ma la Regione è realmente interessata a combattere la Xylella o cerca solo di tentare di costruirsi degli alibi? In fondo qualcosa è stata scritta, il batterio è stato riconosciuto e la necessità di eradicare il batterio pure.

I tecnici ed i ricercatori della nostra associazione ci hanno fatto notare dimenticanze quale l’assenza di riferimento agli “innesti” quale unica pratica realizzabile per tentare di salvare la Piana degli Olivi Monumentali, e si è vaghi anche sulla ricostruzione del patrimonio olivicolo attraverso il reimpianto. Non sono chiari i requisiti del personale Arif coinvolto nella battaglia alla Xylella, né l’adeguatezza numerica dello stesso.

La fascia infetta viene abbandonata ed i trattamenti fitosanitari restano obbligatori in fascia di contenimento e cuscinetto con un grande problema ancora irrisolto: le aziende biologiche continuano ad non avere agrofarmaci autorizzati ed efficaci. Solo l’olivicoltura convenzionale dovrebbe con i suoi trattamenti combattere la Xylella? E l’olivicoltura biologica cosa dovrebbe fare: stare a guardare la sua distruzione e contribuire a quella dell’olivicoltura tutta? Possiamo dire che il decreto che vorrebbe combattere la Xylella, dopo gli “equivoci”, non è all’altezza del disastro paesaggistico ed economico e ambientale che dovrebbe affrontare.

L’Assessore all’Agricoltura Leonardo di Gioia chiede di stornare “un pezzo del Piano di Sviluppo Rurale per destinarlo alla ricostruzione del potenziale produttivo”. Ma come ci può confortare questa affermazione quando lo stesso Piano di Sviluppo Rurale ha dei ritardi mostruosi? Come possiamo fidarci di una Regione che non solo non ha ancora pagato quelle aziende agricole che hanno effettuato le potature “finalizzate alla prevenzione della diffusione del patogeno da quarantena Xylella Fastidiosa su olivo”, ma ritiene che solo gli olivi monumentali censiti dalla Regione possano contribuire a combattere la Xylella mentre gli altri no.

La Regione oltre a favorire uno scontro tra olivicoltura convenzionale ed olivicoltura biologica nel momento meno opportuno, crea ingiustizie tra chi ha olivi censiti e chi no. La Regione cosi “divide et impera”, continua a dividere gli olivicoltori e a comandare con i suoi “equivoci” decreti.

Carmela Riccardi

Presidente dell’Associazione Libero Comitato Anti-Xylella

 

La foto di apertura è di Olio Officina

OO M - 20-11-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
Luigi Caricato
L'INCURSIONE

LUIGI CARICATO

DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il “Selezione Oro” di Pantaleo

Il “Selezione Oro” di Pantaleo

L’oliva fresca, pulita, le connotazioni erbacee, la mandorla verde. Ecco una recensione a firma di un non esperto, ma che frequenta ormai assiduamente il mondo dell'olio, visto che ricopre l'incarico della direzione tecnica di Olio Officina Festival. Il punto di vista del consumatore è importantissimo, anzi fondamentale > Luca Sarni

RICETTE OLIOCENTRICHE
L’olio con gli asparagi

L’olio con gli asparagi

Un gustosissimo risotto, ecco una ricetta che ci porta a Cavaion Veronese, nel Veneto, in un territorio ben curato dove si ottiene il pregiatissimo olio Dop Garda. Così, per anticipare la Festa degli asparagi che si svolgerà dal 16 al 19 maggio, sappiamo ora cosa fare quando non si sa bene cosa inventarsi in cucina. La proposta dei Fratelli Turri a partire dal loro extra vergine dal gusto e dai profumi fini e delicati > Luigi Caricato

EXTRA MOENIA
Una cena a 4 mani per un sorriso. L’iniziativa benefica del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

Una cena a 4 mani per un sorriso. L’iniziativa benefica del Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia

L’olio diventa solidale lunedì 22 luglio, a Imperia. La famiglia Mela, patron della prestigiosa azienda olearia ligure, ha ideato e organizzato una cena il cui intero ricavato andrà a favore della Onlus L’Abbraccio. Ai fornelli, nella suggestiva terrazza che dall'alto domina la storica capitale dell’olio italiana Imperia, gli chef Alberto Basso del Ristorante Trequarti di Val Liona e Emanuele Donalisio de Il Giardino del Gusto di Ventimiglia

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

Le ricette evo. L'olio buono in cucina

OOF 2019. A Olio Officina Festival 2019 grande risalto all'olio extra vergine di oliva come ingrediente. La scelta di una buona materia prima e l'attenzione a utilizzare al meglio l'olio da olive va incentivata sin da subito. La formazione è un buon punto di partenza. Cinzia Boschiero intervista Cristina Santagata

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olio spiegato alle mie figlie

L’olio spiegato alle mie figlie

Un libro dell'oleologo Lorenzo Cerretani per le edizioni Olio Officina, da avere assolutamente con sé. Pensato per i giovanissimi, è adatto anche agli adulti. Un linguaggio semplice, proprio per questo utilissimo per apprendere tutto, ma proprio tutto, sull'olio da olive, il pregiato succo