Sabato 16 Febbraio 2019 - direttore LUIGI CARICATO - redazione@olioofficina.it

accedi - registrati - pubblicità - sostieni

società > italia

I conflitti sulla Xylella

Duro attacco dell’Associazione Libero Comitato Anti-Xylella dell’Alto Salento nei confronti della Regione Puglia: il batterio continua a farla da padrona grazie agli “equivoci “ del presidente Emiliano. I tecnici e i ricercatori della'associazione ci hanno fatto notare dimenticanze quale l’assenza di riferimento agli “innesti” quale unica pratica realizzabile per tentare di salvare la Piana degli olivi monumentali, e si è vaghi anche sulla ricostruzione del patrimonio olivicolo attraverso il reimpianto

OO M

I conflitti sulla Xylella

Il Presidente Emiliano dice: “ ….la lotta alla xylella non è un’emergenza da combattere con la gestione commissariale, perché la protezione civile non interviene in queste materie, purtroppo è accaduto e non ha funzionato”.

Presidente come la dovremmo combattere la Xylella, con l’ultimo illeggibile decreto emanato dalla Regione? Per chi riesce a leggerlo, per tutte le Aziende Agricole ed Amministrazioni Locali che dovrebbero attuarlo si apre un mondo di dubbi ed il primo fra tutti è: ma la Regione è realmente interessata a combattere la Xylella o cerca solo di tentare di costruirsi degli alibi? In fondo qualcosa è stata scritta, il batterio è stato riconosciuto e la necessità di eradicare il batterio pure.

I tecnici ed i ricercatori della nostra associazione ci hanno fatto notare dimenticanze quale l’assenza di riferimento agli “innesti” quale unica pratica realizzabile per tentare di salvare la Piana degli Olivi Monumentali, e si è vaghi anche sulla ricostruzione del patrimonio olivicolo attraverso il reimpianto. Non sono chiari i requisiti del personale Arif coinvolto nella battaglia alla Xylella, né l’adeguatezza numerica dello stesso.

La fascia infetta viene abbandonata ed i trattamenti fitosanitari restano obbligatori in fascia di contenimento e cuscinetto con un grande problema ancora irrisolto: le aziende biologiche continuano ad non avere agrofarmaci autorizzati ed efficaci. Solo l’olivicoltura convenzionale dovrebbe con i suoi trattamenti combattere la Xylella? E l’olivicoltura biologica cosa dovrebbe fare: stare a guardare la sua distruzione e contribuire a quella dell’olivicoltura tutta? Possiamo dire che il decreto che vorrebbe combattere la Xylella, dopo gli “equivoci”, non è all’altezza del disastro paesaggistico ed economico e ambientale che dovrebbe affrontare.

L’Assessore all’Agricoltura Leonardo di Gioia chiede di stornare “un pezzo del Piano di Sviluppo Rurale per destinarlo alla ricostruzione del potenziale produttivo”. Ma come ci può confortare questa affermazione quando lo stesso Piano di Sviluppo Rurale ha dei ritardi mostruosi? Come possiamo fidarci di una Regione che non solo non ha ancora pagato quelle aziende agricole che hanno effettuato le potature “finalizzate alla prevenzione della diffusione del patogeno da quarantena Xylella Fastidiosa su olivo”, ma ritiene che solo gli olivi monumentali censiti dalla Regione possano contribuire a combattere la Xylella mentre gli altri no.

La Regione oltre a favorire uno scontro tra olivicoltura convenzionale ed olivicoltura biologica nel momento meno opportuno, crea ingiustizie tra chi ha olivi censiti e chi no. La Regione cosi “divide et impera”, continua a dividere gli olivicoltori e a comandare con i suoi “equivoci” decreti.

Carmela Riccardi

Presidente dell’Associazione Libero Comitato Anti-Xylella

 

La foto di apertura è di Olio Officina

OO M - 20-11-2018 - Tutti i diritti riservati

OO M

OO M è l'acrostico di Olio Officina Magazine. Tutti gli articoli o le notizie contrassegnate con tale sigla rimandano ai vari collaboratori del giornale on line.

ULTIMI
DIXIT
SAGGI ASSAGGI
Il vino della settimana: il Chianti Classico 2016 di Ottomani

Il vino della settimana: il Chianti Classico 2016 di Ottomani

Con questa recensione, inizia a scrivere di vino per Olio Officina Magazine, con una propria rubrica di degustazioni, l'enologo Enrico Rana. L'esordio con un vino toscano, espressione di una realtà giovane, nata nel 2008, dall’idea di quattro amici enologi  > Enrico Rana

RICETTE OLIOCENTRICHE
Felafel con hummus ai tre oli

Felafel con hummus ai tre oli

Un piatto tipico della cucina libanese, egiziana, greca, siriana, turca e israeliana, che unisce i popoli e le tradizioni alimentari del Mediterraneo e del Medio Oriente, riproposto per l’autunno che verrà da Oleificio Zucchi. Cosa ha di speciale questa ricetta oliocentrica? Una perfetta combinazione tra olio di semi di sesamo, olio di semi di arachide e, immancabile, l’olio extra vergine di oliva

EXTRA MOENIA
A Madrid, Wooe 2019

A Madrid, Wooe 2019

World Olive Oil Exhibition. È un appuntamento molto atteso, quello con la più grande fiera al mondo dedicata agli oli da olive. È in programma nei giorni 27 e 28 marzo nella capitale spagnola ed è il luogo più adatto, sul piano delle relazioni commerciali, per proporre all'attenzione internazionale le migliori produzioni olearie

GIRO WEB
Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Nuovo sito web per la Cia Agricoltori Italiani

Una veste grafica rinnovata, accessibilità da mobile, integrazione con i social media e contenuti interattivi sempre aggiornati: ecco le principali caratteristiche del nuovo portale che offre news sulla Confederazione, ma anche su agroalimentare, ambiente, consumi e ricette degli Agrichef

OO VIDEO

L'olio è salute

RASSEGNA STAMPA VIDEO OOF 2019. Nell'ambito del programma "Europa in Salute", su Tele Lombardia Cinzia Boschiero passa in esame alcuni tra i temi trattati durante l'ottava edizione di Olio Officina Festival (Milano, 31 gennaio, 1 e 2 febbraio 2019). Interviste a Luigi Caricato, direttore di Olio Officina Festival; Tony May, Presidente Italian Culinary Foundation, New York; Anna Cane, master blender, presidente del Gruppo oliva di Assitol

BIBLIOTECA OLEARIA
L’olivo nell'area mediterranea

L’olivo nell'area mediterranea

Olive Tree in the Mediterranean Area. A Mirror of the Tradition and the Biotechnological Innovation. La tradizione, l'innovazione biotecnologica. È su questi piani che si delinea il volume di cui è autrice principale, e curatrice, Anarita Leva. È un libro che si prospetta davvero interessante per l'industria vivaistica, nonché per quella agrobiotecnologica e cosmetica, oltre che a tutti coloro che sono sempre più legati alla crescente domanda di prodotti naturali e al richiamo dei polifenoli intesi come antiossidanti e stabilizzanti naturali degli alimenti